Nuova ricerca: i farmaci infiammatori non steroidei sono sicuri per i pazienti con Covid-19 - Dicembre 2022

All'inizio della pandemia, si è discusso se l'uso di tali farmaci aumentasse la gravità del Covid-19, il che ha portato a richieste urgenti di indagini.

Spiegato, spiegato salute, seconda ondata di Covid-19 India, farmaci antinfiammatori non steroidei, casi di covid-19 in india, casi di coronavirus in india, notizie india, espresso indianoAll'inizio della pandemia, si è discusso se l'uso di tali farmaci aumentasse la gravità del Covid-19, il che ha portato a richieste urgenti di indagini. (Rimuovi)

L'uso di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come l'ibuprofene, non porta a tassi più elevati di morte o malattie gravi nei pazienti ricoverati con Covid-19, secondo un nuovo studio osservazionale su oltre 72.000 persone nel Regno Unito pubblicato sulla rivista The Lancet Rheumatology.



I FANS sono trattamenti comuni per il dolore acuto e le malattie reumatologiche come l'artrite reumatoide e l'osteoartrosi. All'inizio della pandemia, si è discusso se l'uso di tali farmaci aumentasse la gravità del Covid-19, il che ha portato a richieste urgenti di indagini.


attore jared black

Lo studio ISARIC CCP-UK (International Severe Acute Respiratory and Emerging Infection Consortium Clinical Characterization Protocol United Kingdom) ha trovato prove che l'uso continuato dei FANS nei pazienti con Covid-19 è sicuro.





Nello studio, circa un terzo dei pazienti (30,4%. 1.279 su 4.211) che avevano assunto FANS prima del ricovero ospedaliero per COVID-19 è morto, un tasso simile (31,3%. 21.256 su 67.968) nei pazienti che avevano non preso FANS. Nei pazienti con malattia reumatologica, l'uso di FANS non ha aumentato la mortalità.


patrimonio netto di doug coe

In un comunicato stampa degli editori di riviste, il professor Ewen Harrison dell'Università di Edimburgo, autore principale dello studio, ha affermato: I FANS sono comunemente usati per trattare le persone in tutto il mondo per una serie di condizioni, da dolori minori e dolori a condizioni croniche come artrite e malattie cardiovascolari. Molte persone si affidano a loro per poter svolgere le loro attività quotidiane. Quando la pandemia è iniziata più di un anno fa, dovevamo essere sicuri che questi farmaci comuni non avrebbero portato a risultati peggiori nelle persone con COVID-19. Ora abbiamo prove evidenti che i FANS sono sicuri da usare nei pazienti con COVID-19, il che dovrebbe rassicurare sia i medici che i pazienti che possono continuare a essere utilizzati nello stesso modo di prima dell'inizio della pandemia.



Lo studio ha raccolto dati sui farmaci che i pazienti erano stati prescritti, stavano attualmente assumendo o avevano assunto entro 14 giorni prima del ricovero in ospedale, nonché informazioni demografiche e anamnesi. La coorte dello studio includeva pazienti con infezione da Covid-19 confermata o altamente sospetta ricoverati in 255 strutture sanitarie in Inghilterra, Scozia e Galles, tra gennaio e agosto 2020.