Nuova ricerca: la variante britannica di Covid-19 si trasmette più velocemente, ma non ci sono prove che i sintomi siano peggiori - Dicembre 2022

I dati preliminari su B.1.1.7 indicano che è effettivamente più trasmissibile, con alcune prove che suggeriscono che potrebbe anche essere associato a un aumento dei ricoveri e dei decessi.

Campagna di vaccinazione contro il Covid-19 a Thane. L'emergere di nuove varianti ha sollevato preoccupazioni sul fatto che i vaccini sviluppati potrebbero essere meno efficaci contro di loro. (Foto espresso: Deepak Joshi)

Due nuovi studi, pubblicati su Lancet Infectious Diseases e Lancet Public Health, non hanno trovato prove che le persone infette da B.1.1.7 (variante britannica del coronavirus) presentino sintomi peggiori o un rischio maggiore di sviluppare Covid lungo rispetto a quelle infette da un diverso ceppo di Covid-19. Tuttavia, la carica virale e il numero R erano più alti per B.1.1.7, aggiungendo alla crescente evidenza che è più trasmissibile rispetto al primo ceppo rilevato a Wuhan, in Cina, nel dicembre 2019.



Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta

Il comparsa di nuove varianti , incluso B.1.1.7, ha sollevato preoccupazioni sul fatto che potrebbero diffondersi più facilmente ed essere più mortali e che i vaccini sviluppati sulla base del ceppo originale potrebbero essere meno efficaci contro di essi. I dati preliminari su B.1.1.7 indicano che è effettivamente più trasmissibile, con alcune prove che suggeriscono che potrebbe anche essere associato a un aumento dei ricoveri e dei decessi.






patrimonio netto di deitrick haddon

Dei due nuovi studi, quello sulle malattie infettive di Lancet è un sequenziamento dell'intero genoma e uno studio di coorte che coinvolge pazienti Covid-19 ricoverati all'University College London Hospital e al North Middlesex University Hospital tra il 9 novembre e il 20 dicembre 2020. Questo è stato un momento critico. momento in cui entrambe le varianti originale e B.1.1.7 stavano circolando a Londra, il programma di vaccinazione era appena iniziato e prima che i casi aumentassero all'inizio del 2021.

Gli autori hanno confrontato la gravità della malattia nelle persone con e senza B.1.1.7 e hanno calcolato la carica virale. Tra 341 pazienti a cui è stato sequenziato il tampone per il test Covid-19, 198 avevano un'infezione B.1.1.7 e 143 un'infezione non B.1.1.7. Non è stata rilevata alcuna evidenza di un'associazione tra la variante e l'aumento della gravità della malattia, con il 36% (72) dei pazienti B.1.1.7 che si ammalano gravemente o muoiono, rispetto al 38% (53) di quelli con un non-B.1.1 .7 ceppo.



I pazienti con la variante B.1.1.7 tendevano ad essere più giovani, con il 55% (109) di infezioni nelle persone sotto i 60 anni rispetto al 40% (57) per coloro che non avevano B.1.1.7. Le infezioni da B.1.1.7 si sono verificate più frequentemente nei gruppi di minoranze etniche, rappresentando il 50% (86/172) dei casi che includevano dati sull'etnia, rispetto al 29% (35/120) per i ceppi non B.1.1.7.


patrimonio netto di ringo starr

Quelli con B.1.1.7 non avevano più probabilità di morire rispetto ai pazienti con un ceppo diverso, con il 16% (31) dei pazienti B.1.1.7 che muoiono entro 28 giorni rispetto al 17% (24) per quelli con un ceppo non- B.1.1.7. infezione.



Per ottenere informazioni sulla trasmissibilità di B.1.1.7, gli autori dello studio hanno utilizzato i dati generati dai test PCR dei tamponi dei pazienti per prevedere la loro carica virale, la quantità di virus nel naso e nella gola di una persona. I dati analizzati – noti come valori Ct PCR e profondità di lettura genomica – hanno indicato che B.1.1.7. i campioni tendevano a contenere maggiori quantità di virus rispetto ai tamponi non B.1.1.7.


quanto vale Blac Youngsta

La dott.ssa Eleni Nastouli, dell'University College London Hospitals NHS Foundation Trust, ha dichiarato: Uno dei veri punti di forza del nostro studio è che è stato eseguito nello stesso momento in cui B.1.1.7 stava emergendo e si diffondeva a Londra e nel sud dell'Inghilterra. L'analisi della variante prima del picco dei ricoveri ospedalieri e di qualsiasi sforzo associato sul servizio sanitario ci ha fornito una finestra temporale cruciale per ottenere informazioni vitali su come B.1.1.7 differisca in gravità o morte nei pazienti ospedalizzati dal ceppo della prima ondata .