Leggere i consigli da un anno di pandemia - Agosto 2022

Poeti e politici, sportivi e personaggi del teatro ripercorrono il 2020 attraverso i libri che leggono

Ecco i libri letti dagli autori quest'anno. (Fonte: Getty Images)

Aruni Kashyap
scrittore



Penso che tutti in India dovrebbero leggere Chosen Spirits (2020, Simon and Schuster) di Samit Basu: è un libro urgente e di attualità ambientato in un'India del futuro, un'opera di finzione speculativa. Non leggo molto di questo genere, ma penso che la narrativa speculativa abbia la capacità di
ci metta in guardia.

Ho ammirato a lungo la narrativa della scrittrice marocchino-americana Laila Lalami, ma Conditional Citizens: On Belonging in America (2020, Pantheon) è la mia prima introduzione alla sua saggistica. Attraverso una serie di saggi, Lalami parla di cosa significa essere un cittadino musulmano-americano, un cittadino americano naturalizzato; e come l'accettazione da parte dell'istituzione venga fornita con alcune condizioni. Leggere questo libro ti farà sapere che le divisioni sotto cui gli Stati Uniti sembrano annasparsi dal 2016 sono sempre esistite, ma sono state vissute solo da persone di colore.





Chika Unigwe ha l'invidiabile capacità di scrivere racconti avvincenti. Le storie di Better Never Than Late (2019, Cassava Republic Press) riguardano gli immigrati nigeriani in Belgio, dove l'autore ha vissuto per molti anni. Nella narrativa inglese, l'esperienza di immigrazione degli africani è spesso dominata dalla rappresentazione della vita negli Stati Uniti o nel Regno Unito, ma queste storie mi hanno introdotto a una nuova esperienza di immigrazione. I temi dell'appartenenza, della casa e della nostalgia sono presenti, eppure, trattati in modo diverso in modo che il lettore sia sempre sorpreso.

Mi sono imbattuto in The In-Betweens: The Spiritualists, Mediums, and Legends of Camp Etna (2019, Highbridge Co) di Mira Ptacin quando il primo capitolo è stato estratto in una rivista. Dato che ho una certa esperienza nell'andare a trovare indovini e sensitivi nell'Assam, e a causa del mio legame familiare con Mayong - spesso erroneamente soprannominata la terra della magia nera in India a causa del gran numero di persone che praticano la stregoneria in quella regione - ho è stato subito attratto da questo libro. Questa è una saggistica raccontata meravigliosamente, a cui tornerai ancora e ancora solo per il mestiere.



Adoro un buon romanzo horror gotico e Mexican Gothic (2020, Jo Fletcher Books) di Silvia Moreno-Garcia non ha deluso. Quando ero giovane, abbiamo vissuto in una casa infestata per diversi anni e la lettura di questo libro mi ha riportato indietro a quegli anni.



Adoro un buon romanzo horror gotico e Mexican Gothic (2020, Jo Fletcher Books) di Silvia Moreno-Garcia non ha deluso.

GN Devy
scrittore e attivista culturale

PER ME, il 2020 è stato un anno trascorso in più nell'affrontare questioni nazionali come il Legge sulla cittadinanza (emendamento) , 2019, Politica Educativa Nazionale, 2020 e leggi legate all'agricoltura che in lettura e scrittura. Tuttavia, i pochi libri che hanno catturato la mia immaginazione sono stati di notevole interesse per me. Il più notevole tra questi è The Diary of Manu Gandhi (2019, Oxford University Press), tradotto e curato da Tridip Suhrud. Con un impressionante corpus di traduzioni dal gujarati all'inglese e con un corpo di letteratura relativa a Gandhi al suo attivo, ha già fissato norme elevate per la borsa di studio editoriale. Il libro offriva molto di più. Copre il periodo 1943-44, gli anni cruciali nella vita del Mahatma durante i quali perse Kasturba e Mahadev Desai a morte nella prigione del palazzo dell'Aga Khan, diventando desolato. Le annotazioni del diario completamente ingenue del giovane esitante Manu, scoprendo il Mahatma come persona, rappresentano uno specchio luminoso per la mente di un testimone del Mahatma.

L'altro libro che ho letto con grande interesse e che vorrei rileggere è stato dello storico Vinay Lal. Il COVID-19 ha già generato un'enorme quantità di scritti. Tuttavia, The Fury of COVID-19 (2020, Macmillan) ha una classe che manterrà in vita questo lavoro per decenni. Lal ha intrecciato la narrazione della risposta globale alla catastrofe introducendo questioni profondamente inquietanti di politica, etica e storie sociali. Riguarda principalmente la società umana contemporanea e la sua risposta al decadimento interiore. I politici, i capi aziendali, i leader religiosi hanno molto da imparare da esso.



Chi siamo e come siamo arrivati ​​qui (2018, Oxford University Press) di David Reich appartiene a una classe a parte. Si basa su una ricerca monumentale nel campo della genetica e aiutata da una profonda comprensione dell'antropologia sociale e dell'archeologia. Reich è uno scienziato di Harvard; ma il suo lavoro ha così tanto per l'India che chiunque sia interessato alla storia, alla società e alla cultura indiana deve leggerlo. Racconta la storia della popolazione indiana, le sue origini, le migrazioni e il motivo della sua immensa diversità. Il lavoro mi è piaciuto così tanto che ho deciso di fare una conversazione online con lui, trascriverlo e pubblicarlo in inglese, kannada e marathi.

Gulzar
poeta, regista e paroliere




quanto vale russell crowe

Quest'anno ho letto Homo Deus: A Brief History of Tomorrow (2017, Vintage) dell'autore israeliano Yuval Noah Harari. Durante la lettura del suo libro Sapiens: A Brief History of Humankind (2011), ho iniziato a sottolineare ciò che mi piaceva per poterli ricordare. Ho sottolineato troppo e ho finito per rovinare il libro. Quando sono andato a comprarne un'altra copia, ho trovato Homo Deus.

Mi è sempre piaciuto leggere la storia. Anche mia figlia Meghna gira spesso film legati alla storia. Durante la mia visita in una libreria, ogni volta che mi imbatto in un libro sul suo argomento, lo prendo per lei. È così che mi sono imbattuto in The Forgotten Army: India's Armed Struggle for Independence 1942-1945 (1993, University of Michigan Press) di Peter Ward Fay sugli sforzi di Subhash Chandra Bose per liberare l'India formando l'esercito nazionale indiano.



Mi è sempre piaciuto leggere la storia. (Fonte: Tashi Tobgyal)

Shashi Tharoor
Leader del Congresso

Due libri che si sono distinti per me sono The Deoliwallahs: The True Story of the 1962 Chinese-Indian Internment (2020, Pan Macmillan) di Joy Ma e Dilip D'Souza e Midnight's Machines: A Political History of Technology in India (2019, Penguin Viking) di Arun Mohan Sukumar.

Rimane una macchia sulla nostra democrazia che dopo la guerra sino-indiana del 1962, l'India abbia trasportato 3.000 residenti di origine cinese in un campo di prigionia in disuso della seconda guerra mondiale a Deoli, nel Rajasthan, e li abbia internati con la forza in condizioni spaventose per quasi cinque anni. Abbiamo sconvolto e distrutto la vita di persone che non conoscevano altra patria che l'India, solo a causa della loro etnia. Questo ha segnato la prima volta dall'adozione della Costituzione che né la nascita né l'appartenenza sono state ritenute sufficienti per accordare la nazionalità - proprio come oggi, per alcuni sgradevoli nazionalisti, si ritiene che la religione degli indiani musulmani sollevi dubbi sul loro diritto a essere considerati cittadini su alla pari con gli altri.

Non ho dubbi che Midnight's Machines sarà annunciato negli anni a venire come il resoconto definitivo dei tentativi dell'India di negoziare il suo destino tecnologico. Sukumar fonde magistralmente storia, scienza e politica per fornire una narrativa che affascina e informa. Dimostra di essere quel raro storico con un occhio da giornalista per i dettagli e un orecchio da romanziere per la prosa.

Bhupender Yadav
Segretario generale nazionale, BJP e membro di Rajya Sabha

Se c'è stato un lato positivo della sfortunata pandemia e del conseguente blocco, sono state le infinite ore che abbiamo avuto per fare cose per le quali ci lamentavamo di non avere tempo. Ho dedicato del tempo alla pratica dello yoga e alla lettura. I due libri che sono le mie scelte migliori per l'anno sono Sapiens di Yuval Noah Harari e Amit Shah aur Bhajapa ki Yatra (2019, Bloomsbury) di Anirban Ganguly e Shiwanand Dwivedi.

Harari fornisce una rara comprensione delle nostre vite presenti attraverso la storia che abbiamo vissuto. Il libro ci racconta come gli umani siano arrivati ​​a dominare il mondo essendo l'unica specie che può cooperare in gran numero, una caratteristica che manca ad altri e quindi perire. Questa è una lettura cruciale per un mondo post-pandemia.


chip kelly stipendio presso oregon

Amit Shah aur Bhajapa ki Yatra è una lettura accattivante su Shah e le sue capacità organizzative. Il libro accompagna i lettori in un viaggio attraverso la storia del BJP e traccia parallelamente il viaggio di Shah da un lavoratore a livello di cabina nel BJP per arrivare al timone del partito come presidente. Il suo viaggio è iniziato all'età di 13 anni con la campagna politica per la figlia di Sardar Vallabhbhai Patel, Maniben Patel. Il libro traccia la sua ascesa da quella campagna nel 1977 e delinea come Shah sia entrato in contatto con il primo ministro Narendra Modi e come abbiano formato una delle alleanze politiche più forti. Questo libro è tanto importante per capire Shah quanto lo è per capire l'abilità organizzativa del BJP.

Kenneth I Juster
ambasciatore degli Stati Uniti in India

Ho letto molti grandi libri nel 2020. Due che mi sono piaciuti particolarmente sono stati The Anarchy: The Relentless Rise of the East India Company (2019, Bloomsbury) di William Dalrymple e Our Man: Richard Holbrooke and the End of the American Century (2019) di George Packer. , Jonathan Cape). The Anarchy, scritto da uno dei grandi storici del passato dell'India, fornisce una storia vivida e avvincente delle personalità e del comportamento di coloro che sono coinvolti nella Compagnia delle Indie Orientali e nell'ultima India Mughal. Non è un racconto piacevole, ma è un volta pagina, raccontato con dettagli meravigliosi e profonda passione. Our Man, anch'esso scritto da un pluripremiato autore, racconta la storia del diplomatico americano Richard Holbrooke attraverso uno stile coinvolgente che mescola la voce dell'autore con quella del soggetto, dai suoi diari e dai suoi nastri. Ho lavorato con Dick a metà degli anni '70 (come si chiamava allora) e da allora in poi sono rimasto in contatto con lui, quindi questo libro trattava molti fatti che mi erano familiari. Holbrooke era una figura straordinaria, brillante e totalmente impegnata a risolvere alcuni dei problemi più difficili della politica estera degli Stati Uniti, implacabile nel suo stile, eppure indebolita dalle sue stesse ambizioni e dai relativi difetti. Packer cattura meravigliosamente tutto questo nel suo libro altamente leggibile.

K Srinath Reddy
Presidente, Fondazione per la salute pubblica dell'India; membro dell'India del Covid-19
task force

I due libri che scelgo sono Survival: One Health, One Planet, One Future (2018, Routledge) di George Lueddeke e Humankind: A Hopeful History (2019, Bloomsbury) di Rutger Bregman. Nell'anno del COVID-19 e delle notizie false, il primo è un argomento ben argomentato per proteggere il nostro mondo interconnesso e interdipendente delineando la confluenza di forze che minacciano un futuro sostenibile: dal degrado ambientale e dalle malattie zoonotiche alla governance corrotta e all'uso improprio. tecnologie. Il libro edificante di Bregman fornisce una visione ottimistica della natura umana, sostenendo come la sua decenza di base possa essere incoraggiata per creare un mondo migliore.

Walter J Lindner
ambasciatore tedesco in India

Nessuno dei due libri che consiglio sono comodi accessori da comodino, né per contenuto né per peso (750 e 1500 pagine rispettivamente). La prima parte delle memorie di Barack Obama, A Promised Land (2020, Viking), è un racconto affascinante e profondamente personale della storia in divenire di una delle personalità più stimolanti dei nostri tempi. Una lettura obbligata per tutti coloro che, come me, condividono i suoi sogni di giustizia, standard morali, speranza e cambiamento, per rendere questo mondo un posto migliore. Altrettanto indispensabile per comprendere il tessuto della famiglia indiana e della vita quotidiana è il romanzo di Vikram Seth del 1993 Un ragazzo adatto (Harper Collins).

Ambientato in un periodo di due anni di post-indipendenza e post-spartizione dell'India, la complessa storia di quattro famiglie ha inestimabili intuizioni politiche, sociali e spirituali per comprendere il DNA dell'India di oggi. Preferisco il libro alla recente versione di BBC e Netflix. È una lettura seria, sì, ma è assolutamente gratificante. L'elenco non sarebbe veritiero senza menzionare due allettanti concorrenti sempre presenti per romanzi e libri: i libri di viaggio di Lonely Planet (India, ma anche altri) e gli spartiti musicali di Bach, Händel o Mozart.

Rohini Hattangadi
Attore

Di recente ho letto un libro intitolato Close Encounters (2019, Rajhans Prakashan) di Purushottam Berde, un noto regista di film e teatro, la cui infanzia è stata trascorsa in una zona a luci rosse del Kamathipura di Mumbai. Nel libro, parla del suo vecchio quartiere e delle persone che vivevano lì - da un pittore di accaparramenti a protettori - che divennero suoi amici e il cameratismo tra le famiglie indù e musulmane. Quello che ho trovato affascinante è il modo in cui scrive senza l'onere di fare una dichiarazione. Intesse una storia che rimane nella mente molto tempo dopo.

Sanjna Kapoor
Persona di teatro

Pensavo che quest'anno sarebbe stato il mio anno di lettura e mi sarei tuffato nei miei scaffali trascurati di libri, solo per scoprire che non era così facile come pensavo. La mia concentrazione sembrava essere mutevole, la finzione non riusciva a catturare la mia attenzione, e quindi la dozzina di libri che sono riuscito a leggere quest'anno erano biografie, basate sull'istruzione o storiche, inclusi classici contemporanei come A Moveable Feast (1964, Jonathan Cape) di Ernest Hemingway. Poco dopo aver letto questo libro di memorie dei suoi anni parigini, ho visto il film Hemingway e Gellhorn (2012).

Mentre esaminavo le mie vecchie fotografie di animali selvatici, leggere la classica avventura Serengeti Shall Not Die (1960, Hamish Hamilton) di Bernhard e Michael Grzimek sulla loro esplorazione del Serengeti negli anni '50 è stato avvincente. Durante il lockdown ho anche partecipato ad alcuni seminari online per insegnanti e ho scoperto The Courage to Teach: Exploring the Inner Landscape of a Teacher's Life (1997, John Wiley & Sons) di Parker Palmer, un classico dell'educazione pieno di saggezza poetica e ispirazione. La mia ultima raccomandazione sarebbe 1599: A Year in the Life of William Shakespeare (2005, Harper Perennial) di James Shapiro. Questo libro profondamente studiato fa rivivere i tempi elisabettiani.


quanto guadagna elisabeth hasselbeck

La dozzina di libri che sono riuscito a leggere quest'anno erano biografie, educative o storiche, compresi i classici contemporanei (foto Express di Rohit Jain Paras)

Feisal Alkazi
Persona di teatro

Ho un grande fascino per le città e le loro storie. Un libro che ho letto durante il blocco è stato The Epic City: The World on the Streets of Calcutta (2017, Bloomsbury) di Kushanava Choudhury, su un uomo che cresce a Calcutta e poi emigra negli Stati Uniti per studiare. Gli manca così tanto l'India che torna e trova un lavoro con The Statesman a Kolkata. Come fanno le persone, quando tornano in città, nel frattempo sono completamente cambiate. Torna indietro alla ricerca dei posti che frequentava da bambino. È così evocativo nello scrivere sulla città che chiunque sia stato a Calcutta si immedesimerebbe nel libro e coloro che non l'hanno fatto vorranno salire sul prossimo volo. L'altro che ho letto è Half the Night is Gone di Amitabha Bagchi. Ambientato nella Vecchia Delhi, Bagchi ha scritto in modo tale che mentre leggi, puoi immaginare ogni frase in hindi.

David abramo
Stilista di moda

Sono sempre alla ricerca di autentica narrativa queer. Quest'anno è stato buono, con nuovi lavori che hanno ottenuto il riconoscimento nelle principali liste di lettura. In Real Life (Daunt Books), selezionato per il Booker Prize, Brandon Taylor ci racconta la storia di un giovane gay nero. Cattura la solitudine e il tumulto che deriva dall'essere un estraneo con una voce che è allo stesso tempo tranquilla e potente. Shuggie Bain (Picador) di Douglas Stuart, vincitore del Booker Prize di quest'anno, è un altro romanzo potente di un altro nuovo scrittore che tratta dei legami duraturi dell'amore filiale e delle lotte di crescere gay in un mondo in cui le norme eterosessuali determinano il modo in cui ci si aspetta la vita da vivere.

PR Sreejesh
L'ex capitano di hockey dell'India

All'inizio del 2020, il mio obiettivo era leggere quattro libri al mese. Ma ho finito per leggerne sei al mese. Uno dei migliori libri che ho letto di recente è Relentless: From Good to Great to Unstoppable (2013, Scribner) di Tim Grover. Se sei un atleta che si sta riprendendo da un infortunio, sei fuori forma, stai solo giocando o ti stai preparando per un torneo, questo è il miglior libro che puoi leggere per motivarti. Un altro libro che consiglierei è Atomic Habits (2018, Penguin Random House) di James Clear. Ti dà idee per superare le tue vecchie abitudini e svilupparne di nuove. Infine, l'unico libro che ho iniziato a leggere ogni giorno è la Bhagavad Gita.

Varun Grover
poeta e paroliere

Naiyer Masud è probabilmente il miglior scrittore di racconti indiano di cui non hai sentito parlare, principalmente perché meno della metà delle sue opere sono state tradotte in hindi dall'urdu. Ganjifa (tradotto da Mahesh Verma, Neel Ranjan Verma, Nazar Abbas e Maulana Mashkoor Hasan Qadri; 2018, Rajkamal Prakashan) ha sette storie di un linguaggio così bello, personaggi complessi e colpi di scena emozionanti nei racconti che ho deciso di imparare l'urdu durante il lockdown per poter leggere le sue opere complete in originale. Masud ha tradotto molte delle opere di Franz Kafka in urdu e si può vedere lo stesso terrore esistenziale che attraversa le sue opere, ma questo è solo uno strato. Immagina un mix di Kafka e Roald Dahl, ambientato nella vecchia città di Lucknow, e narrato come una qissa da un vecchio amico.

Il mammut Kai Chaand The Sar-e-Aasman, il romanzo di Shamsur Rahman Faruqi in hindi (tradotto da Naresh 'Nadeem', 2012, Penguin), è un'opera maestosa del leggendario critico e poeta urdu. Kai Chand… ripercorre la storia sociale, letteraria e coloniale della cultura indo-islamica nel XVIII-XIX secolo attraverso racconti affascinanti, spesso surreali, di molte generazioni di un'unica famiglia.