'Ricordare la vita in Kashmir sembrava quasi un ritorno' - Potrebbe 2022

Sandeep Raina nel suo primo romanzo, A Bit of Everything, scrivendo dell'esodo dei pandit del Kashmir e dei suoi ricordi dalla valle

Con sede nel Surrey, dopo aver scritto diversi racconti per testate giornalistiche, Raina ha scritto il suo primo romanzo.

Un romanzo necessario, bello, scritto da un luogo d'amore. Sandeep Raina ha il grande dono della memoria e dell'empatia. È un romanzo in preparazione da decenni, un romanzo che Sandeep ha dovuto scrivere per poter vivere, afferma il giornalista Basharat Peer a proposito diUn po 'di tutto(Rs 599, Contesto) nella trama sul retro della copertina. All'interno, entriamo nella vita del professore inglese Rahul Razdan con i giovani e gli anziani nel Varmull del Kashmir (noto anche come Baramulla), immerso tra la catena del Pir Panjal e il fiume Jhelum. Tuttavia, quando la violenza travolge le strade, i Pandit iniziano a fuggire nelle afose pianure nel 1990. Rahul, Doora e il loro giovane figlio trovano Delhi scortese e aliena, dove il padrone di casa li chiama musulmani-bramini, e i loro parenti Pandit vogliono che si uniscano a un Gruppo estremista indù. Presto Rahul fugge di nuovo, questa volta in Inghilterra. Decenni dopo, il passato incontra il presente quando fa una visita alla Valle.

Nato e cresciuto in Kashmir, dove Raina si è laureata in ingegneria, ha trascorso gran parte della sua vita a Delhi, Istanbul e Londra. Con sede nel Surrey, dopo aver scritto diversi racconti per testate giornalistiche, Raina ha scritto il suo primo romanzo. Estratti da un'intervista:




kim tae-hyung altezza

Dal pensare di scrivere sulla migrazione in Turchia alla stesura del romanzo dopo essersi trasferito in Inghilterra, cosa ti ha spinto a scrivere?



Nei nostri anni in Turchia, ho assistito a una riunione molto speciale. La nostra famiglia è andata in vacanza da Istanbul ad Atene. Tutte le altre famiglie sul pullman provenivano dalla Cappadocia, nella Turchia centrale. Ci siamo fermati in un bar a Komotini, in Grecia, dove un gruppo di vecchissimi cristiani turchi è venuto a incontrare le famiglie musulmane turche del nostro pullman. 75 anni fa, questi cristiani erano fuggiti dalla Cappadocia a Komotini. Tra caffè e baklava, tutti hanno parlato delle famiglie e dei vicini in Cappadocia, si sono scambiati doni, hanno cantato canzoni popolari turche e hanno pianto. La riunione delle due comunità, dopo sette decenni, è stata un evento straziante ma edificante che è rimasto nella mia memoria. Quando ci siamo trasferiti in Inghilterra, ho deciso di utilizzare i miei scritti sul Kashmir e di espanderli in un romanzo. La riunione delle comunità turche musulmane e cristiane, divise a causa della guerra e dei conflitti, ha giocato un ruolo importante nella mia storia del Kashmir.

Di cosa parlavano quegli scritti iniziali?



Principalmente sui rapporti delle persone che vivevano in una piccola città del Kashmir. Dei desideri e delle ambizioni dei suoi giovani, degli amori e dei matrimoni. Di come vivevano insieme pandit, musulmani, sikh e cristiani, della loro cultura comune e della loro innata umanità nonostante le differenze.

Un professore inglese, che vuole sistemare la vita di tutti gli adolescenti in Tashkent Street a Varmull, lascia la moglie e il figlio a Delhi per vivere una vita solitaria in Inghilterra. Cosa volevi esplorare attraverso Rahul Razdan?

Rahul Razdan vuole aiutare gli adolescenti della sua strada. Ma come tutti gli umani, è vincolato dai propri limiti e, nonostante le sue migliori intenzioni, è in grado di fare solo così tanto. Questo è quando la vita è normale a Varmull, nel Kashmir. In tempi di pace, raramente ci rendiamo conto di quanto poco sia necessario per mantenere le cose 'così come sono'. Ma quando le cose intorno a noi crollano, a molti livelli, come accade a Rahul, è molto più difficile rialzarsi e tenere insieme le cose. Quindi, in situazioni così difficili, si sceglierebbe l'evasione invece di farsi avanti e assumersi la responsabilità?



Nel romanzo, Rahul sottolinea come sia difficile scrivere per i rifugiati. È stato difficile anche per te?

È facile scrivere di ricordi felici. Rilasciare sulla carta ricordi spiacevoli può farti rivivere quei momenti difficili, scatenando rabbia e amarezza. Per un rifugiato scrivere senza diventare triste o arrabbiato potrebbe essere un compito arduo. Ma la mia esperienza è stata diversa. Scrivere sul Kashmir è stato estremamente catartico. Farlo per molti anni e riflettere profondamente, forse, ha portato alla guarigione. Ricordare la vita in Kashmir, scriverne nei minimi dettagli attraverso i personaggi del romanzo, soprattutto dei suoi colori, profumi e sapori, mi ha dato una gioia immensa, quasi un ritorno. La sfida era non sapere come fosse dopo aver lasciato il Kashmir, cosa fosse successo alla sua gente nei decenni in cui non avevo vissuto lì.

Nato e cresciuto in Kashmir, dove Raina si è laureata in ingegneria, ha trascorso gran parte della sua vita a Delhi, Istanbul e Londra

Rahul allontana consapevolmente il Kashmir e i suoi ricordi dalla sua mente. Com'è il tuo rapporto con i ricordi della vita in Valle?



Nei primi anni di migrazione dal Kashmir, ho bloccato i ricordi, compresi quelli belli. Era come se quel capitolo della mia vita si fosse chiuso per sempre. Forse, un cambiamento di posto non ti lascia tempo per pensare al tuo passato, la sopravvivenza nel presente conta così tanto. I ricordi del Kashmir hanno iniziato a riaffiorare solo dopo 10 anni da quando ho lasciato il Kashmir, quando mi sono sentito più a mio agio e più in pace con me stesso. Cominciai a trarre molta gioia da quei ricordi. Ora ricordo il Kashmir con tanto amore con piacevoli ricordi della mia infanzia trascorsa con la famiglia, gli amici e i vicini.


robert j. patrimonio netto di frankel

Nel romanzo, hai un contatto limitato con gli eventi politici della fine degli anni '80 che hanno portato all'ascesa della militanza e all'esodo. Perché?



Quando sei coinvolto in un imminente sconvolgimento politico, non sempre ti rendi conto di cosa sta succedendo o quale potrebbe essere il suo esito. È come un rumore di fondo. Questo è ciò che emerge nel libro. Non molti, alla mia età di allora (o all'età di Rahul nel libro) erano apertamente preoccupati per gli eventi politici o le elezioni, che hanno contribuito alla militanza e all'ascesa del fondamentalismo in Kashmir. Inoltre, all'epoca non c'erano televisione privata, social media o internet. Quindi, in realtà, l'impatto del pasticcio politico non era così evidente per una persona comune.

Evidenzia brevemente come l'esodo dei pandit del Kashmir è usato e abusato dalle organizzazioni di destra, che alimentano la polarizzazione indù-musulmana in India. Cos'è che non capiscono il problema?

Qualsiasi vulnerabilità di una comunità che alimenta l'ideologia di un'organizzazione sarà utilizzata dall'organizzazione. Ho visto questo gioco in Kashmir alla fine degli anni '80, e ora altrove in India. Tali organizzazioni non si preoccupano delle spaccature che tali posizioni causano e della perdita di una società moderna composita. Negano che il mondo stia diventando sempre più eterogeneo, non monolitico. Predare il dolore dei rifugiati e grattarsi le ferite li fa sanguinare, non guarire. Crea anche un effetto a catena nelle comunità più grandi inviando segnali di paura, rabbia e insicurezza in una nazione, che crea ulteriori divisioni.

Perché hai voluto raccontare questa storia?

Perché deve prevalere l'amore, che ci vede attraverso i momenti più difficili, le peggiori tragedie e colma tutte le divisioni che ci portiamo addosso.