RSS e l'idea di Akhand Bharat - Giugno 2022

In una conferenza stampa a Delhi il 24 agosto 1949, M S Golwalkar, il secondo sarsanghchalak dell'organizzazione, definì il Pakistan uno stato incerto.

RSS, Akhand Bharat, Ram Madhav, PM Narendra Modi, Modi Govt, PM Nawaz Sharif, Al-Jazeera, intervista ad Al-Jazeera, Pakistan, Bangladesh, Mehdi hasan, spiegato, notizie dallSuruchi Prakashan, una casa editrice gestita dall'RSS, ha pubblicato una mappa chiamata 'Punyabhoomi Bharat' in cui l'Afghanistan è chiamato Upganathan, Kabul Kubha Nagar, Peshawar Purushpur, Multan Moolsthan, Tibet Trivishtap, Sri Lanka Singhaldweep e Myanmar Brahmadesh, tra gli altri . Una didascalia, in sanscrito, sotto la mappa recita: Tutto ciò che è a sud dell'Himalaya e a nord dell'Oceano Indiano è Bharat. Ci sono molte altre pubblicazioni RSS, incluso un libro intitolato Pratyek Rashtrabhakta Ka Sapna: Akhand Bharat (Sogno di ogni patriota: Akhand Bharat), che sostiene la causa di Akhand Bharat.

Quando il primo ministro Narendra Modi ha fatto una sosta a sorpresa a Lahore per salutare il primo ministro pakistano Nawaz Sharif il giorno del suo compleanno, il 25 dicembre 2015, la mossa è stata annunciata come un colpo da maestro, che ricorda la diplomazia transfrontaliera dell'ex primo ministro Atal Bihari Vajpayee gli anni '90. Ma il giorno dopo, il 26 dicembre, il segretario nazionale del BJP e RSS pracharak Ram Madhav, in un'intervista trasmessa sul canale televisivo Al-Jazeera, ha parlato di Akhand Bharat, uno che avrebbe visto il Pakistan e il Bangladesh riuniti all'India attraverso la benevolenza popolare.


patrimonio netto di halsey 2019

Come membro dell'RSS, aveva detto Madhav, mi aggrappo a questa opinione. La dichiarazione ha suscitato molte polemiche e ha rubato il fragore alla visita a sorpresa di Modi a Lahore, con molti che hanno messo in dubbio le reali intenzioni politiche del BJP e del governo, dato che l'RSS governa l'ideologia del partito.



LA VISTA RSS



In risposta alla domanda dell'anchor di Al Jazeera Mehdi Hasan riguardo a una mappa che aveva visto in un ufficio RSS che mostrava Pakistan e Bangladesh come parte dell'India, Madhav aveva detto: L'RSS crede ancora che un giorno queste parti, che per ragioni storiche si sono separate solo 60 anni fa, di nuovo, grazie alla buona volontà popolare, si riuniranno e verrà creato Akhand Bharat.

È un'opinione che l'RSS, formato nel 1925, abbia iniziato a diffondersi nel 1947, dopo Partition. In una conferenza stampa a Delhi il 24 agosto 1949, dopo che il governo ha revocato il divieto all'RSS - impostogli per il suo ruolo nell'assassinio di Gandhi - M S Golwalkar, il secondo sarsanghchalak dell'organizzazione, ha definito il Pakistan uno stato incerto. Per quanto possibile, dobbiamo continuare i nostri sforzi per unire questi due stati divisi... Nessuno è contento della partizione, aveva detto. Aveva ripetuto questo punto di vista in un'altra conferenza stampa tenuta a Calcutta il 7 settembre 1949.



Bhartiya Jansangh (BJS), come era noto in precedenza il BJP, ha approvato una risoluzione nella sua riunione a Delhi il 17 agosto 1965, in cui si affermava che la tradizione e la nazionalità dell'India non erano contrarie a nessuna religione. Anche l'Islam moderno non dovrebbe essere un ostacolo sulla via dell'unità della nazione indiana. Il vero ostacolo è la politica separatista. I musulmani si integreranno con la vita nazionale e Akhand Bharat sarà una realtà, unendo India e Pakistan una volta che saremo in grado di rimuovere questo ostacolo (politica separatista).

OLTRE IL PAKISTAN: TIBET, LANKA E AFGHANISTAN

L'idea di Akhand Bharat di RSS include non solo Pakistan e Bangladesh, ma anche Afghanistan, Myanmar, Sri Lanka e Tibet. Definisce la regione combinata come un Rashtra basato su somiglianze culturali indù.



Suruchi Prakashan, una casa editrice gestita dall'RSS, ha pubblicato una mappa chiamata 'Punyabhoomi Bharat' in cui l'Afghanistan è chiamato Upganathan, Kabul Kubha Nagar, Peshawar Purushpur, Multan Moolsthan, Tibet Trivishtap, Sri Lanka Singhaldweep e Myanmar Brahmadesh, tra gli altri .

PI LETTERATURA

Fuori dalla sede dell'RSS a Keshav Kunj a Jhandewalan, a ovest di Delhi, è in vendita un libro intitolato Pratyek Rashtrabhakta Ka Sapna: Akhand Bharat (Sogno di ogni patriota: Akhand Bharat), scritto da un certo dottor Sadanand Damodar Sapre. Il libro dice: Possiamo mettere la mappa di Akhand Bharat nella nostra casa in modo che sia sempre davanti ai nostri occhi. Se la mappa di Akhand Bharat è nei nostri cuori, saremo offesi ogni volta che vedremo la mappa dell'India divisa su Doordarshan, giornali e riviste, e ci ricorderà la risoluzione di Akhand Bharat.



Sapre scrive di rendere possibile l'idea di Akhand Bharat attraverso la nostra virilità (purusharth). Le persone che vogliono Akhand Bharat devono continuare i loro sforzi con instancabile fiducia in se stessi. Questo è il bisogno dell'ora, dice una riga nel libro.

La letteratura RSS — libri e canzoni — è piena di riferimenti ad Akhand Bharat e continua a essere venduta nelle librerie gestite dall'organizzazione. La prima edizione del libro di Sapre è stata pubblicata nel 1997. La sua quarta edizione è stata pubblicata nel gennaio 2015 da Archna Prakashan, Bhopal.



Ma tutte le pubblicazioni insistono che Akhand Bharat è un'entità culturale, non nazionale o politica.


valore netto di gary v

Il compianto HV Sheshadri, che è stato sarkaryawah per molti anni, nel suo libro, The Tragic Story of Partition (prima edizione nel 1982, ultima nel 2014), scrive: C'è sempre la possibilità che le metà divise colgano la prima opportunità per annullare la divisione innaturale. Tale possibilità non è da escludere anche per Bharat, Pakistan e Bangladesh. Parla delle antiche radici nazionali del Pakistan essenzialmente indù e solleva una domanda: sarebbe una sorpresa se uno stato (Pakistan) basato su presunzioni così capziose e artificiali e privo di qualsiasi base filosofica scegliesse un giorno di arricchire la propria vita tornando alla sua antica cultura madre?

Sostenendo la possibilità della riunificazione, continua, un giorno, gradualmente, la verità sarebbe apparsa su di loro (Pakistan e Bangladesh) che, dopo tutto, non hanno beneficiato della partizione e che la loro felicità fisica e mentale potrebbe derivare solo dalla loro unione con Bharat e il suo patrimonio culturale.