Perdita di petrolio in Russia: cos'è il permafrost e perché il suo scongelamento rappresenta un rischio per il mondo? - Gennaio 2022

Sotto la sua superficie, il permafrost contiene grandi quantità di residui organici di migliaia di anni prima: resti morti di piante, animali e microrganismi che si sono congelati prima che potessero marcire.

Perdita di petrolio in Russia: cosUna fuoriuscita di petrolio fuori Norilsk, 2.900 chilometri (1.800 miglia) a nord-est di Mosca, Russia, venerdì 29 maggio 2020. (Vasiliy Ryabinin via AP)

Il motivo principale che ha portato al recente Perdita di olio di 20.000 tonnellate in una centrale elettrica della regione artica in Russia che ora viene riconosciuto è l'affondamento della superficie del suolo a causa del disgelo del permafrost.

La centrale termoelettrica di Norilsk, 3.000 km a nord-est di Mosca, è costruita interamente sul permafrost, il cui indebolimento negli anni a causa dei cambiamenti climatici ha causato l'affondamento dei pilastri che sostengono un serbatoio di carburante dell'impianto, causando la perdita di contenimento il 29 maggio.



Preoccupati per l'incidente, i funzionari russi venerdì hanno ordinato l'ispezione di siti particolarmente pericolosi situati nelle aree del permafrost, secondo quanto riportato dall'agenzia di stampa statale TASS. Secondo i dati disponibili, la causa preliminare della perdita di contenimento da parte del serbatoio del gasolio è stata la subsidenza del suolo e della piattaforma di cemento su di esso, ha detto un portavoce.



Cos'è il permafrost?

Il permafrost è un terreno che rimane completamente congelato a 0 gradi Celsius o meno per almeno due anni. Viene definito esclusivamente in base alla temperatura e alla durata. Si ritiene che il terreno permanentemente ghiacciato, costituito da terreno, sabbia e roccia tenuti insieme dal ghiaccio, si sia formato durante periodi glaciali risalenti a diversi millenni.

È noto che questi terreni si trovano al di sotto del 22% della superficie terrestre sulla Terra, principalmente nelle zone polari e nelle regioni con alte montagne. Sono sparsi per il 55% della massa continentale in Russia e Canada, per l'85% nello stato americano dell'Alaska e forse per l'intera Antartide. Nella Siberia settentrionale forma uno strato di 1.500 m di spessore; 740 m nel nord dell'Alaska. A latitudini più basse, il permafrost si trova in luoghi ad alta quota come le Alpi e l'altopiano tibetano.




valore netto di jonah hill

Mentre il permafrost stesso è sempre congelato, lo strato superficiale che lo ricopre (chiamato strato attivo) non deve esserlo. In Canada e in Russia, ad esempio, la colorata vegetazione della tundra ricopre il permafrost per migliaia di chilometri. Il suo spessore si riduce progressivamente verso sud ed è influenzato da una serie di altri fattori, tra cui il calore interno della Terra, la copertura nevosa e vegetale, la presenza di corpi idrici e la topografia.

Come il cambiamento climatico sta corrodendo questi terreni

Le regioni polari e di alta quota della Terra - i suoi principali serbatoi di permafrost - sono le più minacciate dai cambiamenti climatici. Secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti, le regioni artiche si stanno riscaldando due volte più velocemente rispetto al resto del pianeta, con l'attuale tasso di variazione della temperatura che è il più alto degli ultimi 2000 anni. Nel 2016, le temperature del permafrost artico erano superiori di 3,5 gradi Celsius rispetto all'inizio del XX secolo.

Uno studio ha dimostrato che ogni aumento di 1 grado Celsius della temperatura può degradare fino a 39 lakh di chilometro quadrato a causa dello scongelamento. Si prevede che questo degrado si aggraverà ulteriormente man mano che il clima si riscalda, mettendo a rischio il 40% del permafrost mondiale verso la fine del secolo, causando effetti disastrosi.



Perdita di petrolio in Russia: cosLe autorità russe hanno accusato Vyacheslav Starostin, il direttore di una centrale elettrica artica che ha versato 20.000 tonnellate di gasolio nella regione ecologicamente fragile il 29 maggio 2020, di violazione delle normative ambientali. (Vasiliy Ryabinin via AP)

La minaccia alle infrastrutture

Lo scongelamento del permafrost è anche inquietante per le strutture artificiali sopra la testa.

A maggio, quando si è verificata la fuga di petrolio russa, il Copernicus Climate Change Service ha registrato temperature in Siberia di oltre 10 gradi Celsius sopra la media e le ha definite altamente anomale per la regione in cui si trova la centrale.



Con l'aumento delle temperature, il ghiaccio che si lega nel permafrost si scioglie, rendendo il terreno instabile e causando enormi buche, frane e inondazioni. L'effetto di affondamento provoca danni a infrastrutture chiave come strade, linee ferroviarie, edifici, linee elettriche e condutture che servono più di 3,5 crore di persone che vivono nelle regioni del permafrost. Questi cambiamenti minacciano anche la sopravvivenza delle popolazioni indigene e degli animali artici.


patrimonio netto howie mandel 2018

Il cedimento del suolo è una delle principali cause di preoccupazione in Siberia, dove il livello del suolo è crollato di oltre 85 metri in alcune parti. In Canada e in Alaska, i costi di riparazione delle infrastrutture pubbliche stanno aumentando. Secondo un rapporto del Consiglio Artico del 2017, lo scioglimento del ghiaccio renderebbe le fondamenta delle infrastrutture incapaci di sopportare i carichi che erano in grado di sopportare negli anni '80 - una scoperta che è stata confermata dai proprietari del sito di perdite di petrolio della Russia, che ha affermato dopo l'incidente che il I pilastri di sostegno del serbatoio del carburante lo avevano tenuto al suo posto per 30 anni senza difficoltà.



Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime

Una bomba a orologeria

Sotto la sua superficie, il permafrost contiene grandi quantità di residui organici di migliaia di anni prima: resti morti di piante, animali e microrganismi che si sono congelati prima che potessero marcire. Contiene anche un'enorme quantità di agenti patogeni.

Quando il permafrost si scioglie, i microbi iniziano a decomporre questa materia di carbonio, rilasciando gas serra come metano e anidride carbonica. I ricercatori hanno stimato che per ogni aumento di 1 grado Celsius della temperatura media, il permafrost potrebbe rilasciare gas a effetto serra pari a 4-6 anni di emissioni di carbone, petrolio e gas naturale, diventando di per sé un fattore importante del cambiamento climatico.

Insieme alle serre, questi terreni potrebbero anche rilasciare batteri e virus antichi nell'atmosfera mentre si sbloccano. Nel 2016, una carcassa di renna fusa di 75 anni infetta da antrace ha portato a un focolaio della malattia, causando la morte di un bambino e il ricovero in ospedale di 90 persone.