Le vendite sono diminuite ma i libri sono sopravvissuti nel 2020 - Potrebbe 2022

Poiché i programmi di pubblicazione sono stati stilati con largo anticipo, gli editori hanno continuato a lavorare sui libri come previsto anche se il blocco ha avuto un impatto piuttosto grave sulle vendite nei primi mesi.

Antologia, Antologia autrici, Antologia autrici, nuova antologia, indian express, indian express newsIn 'Amato Rongomala', Akhtar trasforma l'assassinio dell'amante di un piccolo re - una nota a piè di pagina nella storia del Bengala del XVIII secolo - in un''esplorazione di classe, casta e genere'. (Immagine rappresentativa)

L'editoria in India ha visto diverse sfide nel 2020 a causa della pandemia di COVID-19, ma concentrarsi sulle vendite online e sfruttare al meglio le varie piattaforme digitali ha aiutato nella promozione dei libri e nel mantenere gli autori sotto gli occhi del pubblico, affermano gli editori.


patrimonio netto di steven crowder

Con zero vendite per quasi tre mesi, molti hanno dovuto ridurre drasticamente la loro lista di pubblicazioni. Tuttavia, gli editori si sono adattati e hanno cercato attivamente le tendenze per soddisfare gli argomenti che i loro lettori avrebbero trovato utili e coinvolgenti.



Anche modi nuovi e innovativi di commercializzare e vendere libri sono diventati una parte dell'anno passato in cui le persone leggevano di più. Milee Ashwarya, editore di Ebury Publishing and Vintage Groups, Penguin Random House India, afferma che il 2020 è stato anche l'anno in cui il potere della trasformazione digitale si è fatto sentire nell'editoria come in altri settori.



Mentre alcune librerie hanno chiuso, ne sono state aperte di nuove e le vendite online hanno visto un'impennata. Tutto sommato, il 2020 è stato pieno di insegnamenti e ci ha permesso di concentrarci maggiormente sulla nostra attività, ha detto a PTI.

Il CEO di HarperCollins India, Ananth Padmanabhan, afferma che il 2020 è stato senza precedenti in ogni modo – e in particolare per il business dell'editoria – uno quando in India i libri stampati sono stati dichiarati non essenziali.



L'intera catena del valore ha registrato vendite pari a zero per quasi tre mesi. Questo ci ha insegnato molte lezioni preziose sul modo in cui conduciamo la nostra attività ma, cosa ancora più importante, sul modo in cui i lettori acquisteranno libri in futuro: formati, vendita al dettaglio, generi e anche con quale frequenza, dice. Abbiamo continuato il nostro programma di pubblicazione, iniziando con il digitale prima, gli e-book fino ad aprile e maggio e alla fine di giugno anche i nostri nuovi libri in stampa avevano iniziato a uscire, a seconda di come le regole di sblocco hanno influito sulla vendita al dettaglio, aggiunge.

Secondo Padmanabhan, le vendite nel 2020 sono state a tassi a doppia cifra più elevati rispetto al 2019, sia in valore che in volume. Il singolo cambiamento di maggior impatto, afferma, è stato il marketing digitale innovativo che può colmare il divario di rilevabilità, considerando che i negozi fisici sono chiusi.

Chiki Sarkar, editore di Juggernaut, afferma che la sua lista è stata drasticamente ridotta, quindi i ricavi sono diminuiti, ma i libri che abbiamo pubblicato hanno funzionato più o meno come avrebbero fatto in qualsiasi anno e un gran numero dei nostri libri è stato ristampato.



Anche l'editore di Westland Karthika VK afferma che c'è stato un impatto diretto a tutti i livelli in quanto non abbiamo potuto pubblicare affatto per tre mesi, a parte le difficoltà logistiche di far arrivare i libri ai lettori anche dopo la fine del blocco, a causa di interruzioni nella distribuzione e catena di vendita al dettaglio. Secondo Thomas Abraham, amministratore delegato di Hachette India, l'esperienza editoriale è stata piuttosto negativa con le botte che i negozi di mattoni e malta hanno dovuto sopportare e si stanno riprendendo lentamente. L'online ha fatto molto bene a tenere in piedi le liste, ma i nuovi libri e il titolo meno conosciuto che necessitava della rilevabilità nei negozi curati hanno perso molto.

Il caporedattore ed editore di Hachette India, Poulomi Chatterjee, aggiunge che hanno dovuto riprogrammare molte nuove uscite chiave nell'elenco locale tenendo presente un mercato lento e irregolare.

Le librerie fisiche, quando hanno riaperto, hanno visto un basso numero di visitatori, quindi anche la visibilità offline dei nuovi libri è stata influenzata. Le uscite dell'elenco selezionato di libri pubblicati nel 2020 sono state pianificate meticolosamente in modo da ottenere un'attenzione e una visibilità adeguate, afferma.



Poiché i programmi di pubblicazione sono stati stilati con largo anticipo, gli editori hanno continuato a lavorare sui libri come previsto anche se il blocco ha avuto un impatto piuttosto grave sulle vendite nei primi mesi. I primi mesi sono stati particolarmente difficili per tutti poiché stavamo cercando di abituarci a lavorare da casa in mezzo a molta incertezza riguardo a ciò che ci aspettava, afferma Himanjali Sankar, direttore editoriale di Simon and Schuster.

Per Renuka Chatterjee, VP Publishing di Speaking Tiger, le vendite complessive potrebbero essere diminuite, ma siamo sopravvissuti. Ci siamo concentrati sulla vendita online e abbiamo sfruttato al meglio le varie piattaforme digitali che si sono aperte per commercializzare e promuovere i nostri libri e mantenere i nostri autori sotto gli occhi del pubblico.



L'impatto della pandemia è stato fortemente sentito anche dagli educatori e dalla comunità di apprendimento, in particolare dai giovani studenti che avevano bisogno di impegno e presa di mano in un ambiente di apprendimento remoto.

Rispondendo con agilità, noi di OUP India abbiamo ampliato ampiamente il nostro vasto archivio di risorse digitali e online e le abbiamo combinate con i nostri libri cartacei, mentre siamo costantemente impegnati con gli insegnanti sulle metodologie di insegnamento a distanza, afferma Sivaramakrishnan Venkateswaran, amministratore delegato della Oxford University Press India.


possibilità il valore netto del rapper

Che si trattasse di fornire accesso gratuito alle risorse su COVID-19 a ricercatori e professionisti medici, offrire accesso gratuito alle nostre piattaforme educative, supportare lo sviluppo professionale per gli insegnanti o condividere indicazioni sull'apprendimento a casa, abbiamo reso i nostri preziosi contenuti disponibili al pubblico più ampio durante questi tempi difficili, dice.

Dal momento che la pandemia ha preso d'assalto l'industria editoriale, almeno durante il blocco completo in India, gli editori incaricati dell'acquisizione sono stati costretti a essere più selettivi che mai man mano che gli elenchi delle pubblicazioni si sono ristretti, afferma Rajdeep Mukherjee, amministratore delegato di Pan Macmillan India.

I pubblicitari hanno adattato le campagne promozionali per adattarsi a un mondo spostato online poiché le attività sul campo sono state annullate, i rappresentanti di vendita hanno trovato molto difficile convincere le librerie fisiche, già in difficoltà a causa della crescente predominanza dei rivenditori online, a effettuare ordini significativi , lui dice.

Bhaskar Roy, CEO di Palimpsest Publishing House, afferma che sebbene l'editoria abbia sofferto molto da quasi un anno e il blocco abbia drasticamente ridotto i passi nelle librerie, le persone leggono di più mentre sono rimaste nelle loro case.

Inoltre, ora che le uscite sono fuori moda, le idee per i libri accantonate per anni vengono rispolverate e trasformate in testi. Alcuni di loro compariranno sicuramente negli elenchi degli editori nel nuovo anno, dice.

Trisha De Niyogi di Niyogi Books pensa che l'anno abbia costretto gli editori a reinventarsi e innovare. Durante il lockdown, ci siamo resi conto che sempre più persone leggevano, il che è sempre stata musica per le nostre orecchie. L'importanza di ebook e audiolibri non può essere ignorata, a maggior ragione ora. Il viaggio sulle montagne russe del 2020 è destinato a continuare nel 2021, ma ci sentiamo più preparati. Sono fiduciosa che troveremo una (o poche) via d'uscita, dice.