Assedio della Grande Moschea della Mecca: cosa è successo in Arabia Saudita 40 anni fa, come influenza il mondo di oggi - Luglio 2022

La famiglia reale saudita si rese conto che l'unico modo per consolidare la propria autorità era posizionarsi come il principale protettore della fede, riducendo così al minimo le possibilità di ribellione dall'interno.

Assedio della MeccaIl 20 novembre 1979 fu attaccato Masjid Al Haram alla Mecca. (Wikimedia Commons/Ali Mansuri)

Quarant'anni fa, a novembre, la Grande Moschea della Mecca fu presa d'assalto da militanti islamici. Mentre gli eventi di quell'assedio di due settimane sono ancora avvolti nel mistero - abbondano versioni contraddittorie - l'attacco ha cambiato l'Arabia Saudita e gran parte del Medio Oriente, per sempre, in modi che continuano a influenzare il mondo oggi.

Quello che si sa è che l'attacco è stato condotto da Juhayman Al-Otaibi, a cui non piacevano i modi di modernizzazione della famiglia reale Al Saud, che ha portato alla violenza e allo spargimento di sangue in quel luogo sacro dell'Islam, e ha reso lo stato saudita molto vicino all'Islam intransigente.



Ciò che è meno chiaro è quante persone sono morte - le cifre variano dalle 250 ufficiali alle 1.000 stimate - e fino a che punto l'Arabia Saudita ha ricevuto aiuti stranieri per stanare i militanti.



Cosa accadde il 20 novembre 1979


patrimonio netto futuro

Era Muharram 1, 1400, secondo il calendario islamico. Intorno alle 5:30 del mattino, i pellegrini stavano offrendo preghiere alla Santa Moschea della Mecca, quando si udì il rumore dei proiettili e i microfoni della moschea annunciarono l'arrivo del Mahdi, il redentore che apparirà sulla Terra alcuni anni prima del Giorno del Giudizio .



I microfoni erano stati presi da Al-Otaibi e dai suoi seguaci. Il redentore fu Muhammad al Qahtani, suo cognato. Ciò che seguì fu la presa in ostaggio di circa 100.000 pellegrini, un assedio che durò 15 giorni, spargimenti di sangue, morti e le forze del governo saudite finalmente ripresero la moschea.

Era il periodo in cui l'Arabia Saudita, piena di petrodollari, si intratteneva con il mondo occidentale. Le donne lavoravano, la TV era arrivata nel regno anni fa, i non musulmani lavoravano e guadagnavano qui. A una parte della popolazione saudita non piaceva ciò che credeva fosse questo allontanamento dal puro sentiero dell'Islam.

Nel vicino Iran, un governo teocratico – ancora più significativamente, un governo teocratico sciita – era di recente insediato.



Al-Otaibi proveniva da una famiglia importante ed era stato caporale nell'esercito saudita. Era convinto che la famiglia reale saudita fosse diventata troppo corrotta, per essere immersa nei lussi mondani per servire come custodi del luogo più sacro dell'Islam. Per Al-Otaibi, l'unico modo per riportare il Paese sulla retta via islamica era il rovesciamento degli Al Saud.

Quando la sua banda di militanti ha preso d'assalto la Santa Moschea, lo stato è stato colto impreparato. Le linee di comunicazione con il mondo esterno furono rapidamente interrotte. Lo spargimento di sangue alla moschea sarebbe stato una profanazione di prim'ordine, qualcosa che il personale militare non era disposto a fare. Fu convocato un incontro con gli Ulema e si cercò la loro sanzione per il contropiede.

Anche allora, stanare i militanti rintanati all'interno si è rivelato impegnativo.



Molti dei seguaci di Al-Otaibi erano soldati addestrati. Alcune delle loro armi e munizioni sono state contrabbandate all'interno della moschea il giorno dell'attacco nelle bare: le persone spesso portano i loro morti all'interno per ricevere benedizioni. Ma per settimane prima, secondo alcuni rapporti, avevano corrotto guardie e operai edili sul sito per portare le armi all'interno. Conoscevano la disposizione della moschea, che ha diverse camere sotterranee.

Assedio della MeccaAl-Otaibi proveniva da una famiglia importante ed era stato caporale nell'esercito saudita. (Wikimedia Commons)

Allo stato saudita, i progetti della moschea sono stati forniti dalla società Bin Laden, che aveva svolto lavori di costruzione all'interno. I commando di una forza antiterrorismo d'élite francese, il National Gendarmerie Intervention Group (GIGN), sono stati intrappolati. Il complesso della moschea è stato gasato e, dopo due settimane, i locali sono stati finalmente ripresi.



Reazione internazionale

Inizialmente, si credeva che l'attacco fosse stato effettuato dall'Iran. L'ayatollah Khomeini ha negato con forza le accuse, sostenendo che dietro l'attacco ci fossero l'America e Israele. Ciò ha portato all'incendio dell'ambasciata americana in Pakistan, uccidendo quattro persone.

Il fatto che l'Arabia Saudita si sia spenta nel momento in cui è iniziato l'assedio e che i media, o anche i non musulmani, abbiano avuto scarso accesso al regno, ha assicurato che molti dettagli dell'attacco erano poco chiari allora e non sono chiari ora.

Conseguenze


quanto vale alton brown

Dopo che la polvere si è calmata, due cose erano chiare: l'Arabia Saudita era sulla strada dell'islamismo intransigente e la sua rivalità con l'Iran, come un altro stato religioso, si era aggravata.

La famiglia reale saudita si rese conto che l'unico modo per consolidare la propria autorità era posizionarsi come il principale protettore della fede. I governanti da allora hanno cooptato gli Ulema nel governo, le riforme sociali sono state ritirate e la polizia morale islamica ha un grande potere sulla vita nel regno.

L'Arabia Saudita ha pompato milioni di dollari nell'esportazione di un marchio islamico intransigente in paesi al di fuori.

Di recente, il principe ereditario Mohammed bin Salman ha affermato che il paese tornerà al suo passato più moderato, allontanandosi dall'estremismo che ha messo radici dopo il 1979.

Tuttavia, la mescolanza di autorità religiosa e autorità statale, il marchio estremista dell'Islam politico e la diffusione dell'ideologia wahabita che l'Arabia Saudita ha facilitato negli ultimi 40 anni continuano a influenzare gran parte del mondo.