La guerra al terrorismo dello Sri Lanka: divieto del burqa, legge draconiana, “deradicalizzazione” - Luglio 2022

In Sri Lanka, dove i musulmani rappresentano meno del 10% dei 21 milioni di abitanti - sono per lo più di lingua tamil e sono principalmente impegnati nel commercio e nel commercio - il divieto del burqa arriva prima del travagliato secondo anniversario degli attentati di Pasqua del 2019.

A Colombo. Non molte donne dello Sri Lanka indossano il burqa, anche se molte lo fanno rispetto a prima. (AP)

Il ministro della pubblica sicurezza dello Sri Lanka, Sarath Weerasekara, ha dichiarato sabato che ilil governo vieterà presto il burqa. Ha detto di aver firmato la proposta che ora richiede l'approvazione del governo e del parlamento.

Se il divieto passerà, come probabilmente accadrà - il governo Mahinda Rajapaksa ha una maggioranza di due terzi in Parlamento - lo Sri Lanka sarà tra una manciata di paesi non musulmani, soprattutto in Europa, dove l'indumento sarà bandito.



Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta

2 anni dopo gli attentati di Pasqua

In Sri Lanka, dove i musulmani rappresentano meno del 10% dei 21 milioni di abitanti - sono per lo più di lingua tamil e sono principalmente impegnati nel commercio e nel commercio - il divieto del burqa arriva prima del travagliato secondo anniversario degli attentati di Pasqua del 2019.

All'inizio di quest'anno, una regola del governo secondo cui i musulmani morti di Covid-19 non potevano essere sepolti ha visto i leader della comunità andare in tribunale. Hanno perso, ma l'indignazione che ha causato tra i paesi musulmani ha portato a un ripensamento. Anche il primo ministro pakistano Imran Khan ha affrontato pubblicamente la questione prima della sua visita. Contro le critiche internazionali al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite sulla questione tamil, il governo da allora ha permesso le sepolture.



Una commissione presidenziale d'inchiesta istituita per indagare sui sei attacchi suicidi avvenuti a chiese e hotel a Colombo e in altri due luoghi del Paese uccidendo 260 persone, ha presentato il suo rapporto al presidente Gotabaya Rajapaksa. Ma anche se la Chiesa ha esortato il governo a rendere pubblico il rapporto, il presidente ha nominato un comitato di ministri di gabinetto per studiare il rapporto.

Al comitato è stato chiesto di identificare il processo complessivo, comprese le misure che devono essere prese da varie agenzie e autorità come il Parlamento, la magistratura, il Dipartimento del procuratore generale, le forze di sicurezza, i servizi di intelligence dello Stato e l'attuazione delle raccomandazioni stabilite dal PCoI per evitare il ripetersi di una catastrofe nazionale di tale portata, secondo i resoconti dei media srilankesi.

Insieme al divieto del burqa, Weerasekara ha annunciato che il governo avrebbe chiuso 1.000 madrase. Il governo si è inoltre dotato di nuove norme ai sensi del draconiano Prevention of Terrorism Act per la detenzione fino a due anni allo scopo di deradicare chiunque sia sospettato di nutrire idee estremiste o per diffondere odio religioso, comunitario o etnico.



ISCRIVITI ADESSO :Il canale Telegram spiegato Express

Burqa, hijab e sicurezza nazionale

All'indomani degli attentati di Pasqua, il governo dello Sri Lanka aveva temporaneamente vietato il niqab, una copertura per il viso indossata da alcune donne musulmane, sebbene l'avesse formulato in termini ambigui come divieto di tutte le coperture per il viso.


patrimonio netto jeezy

Il divieto del burqa è stato ufficialmente collegato alla sicurezza nazionale e all'estremismo islamista.

Weerasekara ha detto che il burqa è qualcosa che colpisce direttamente la nostra sicurezza nazionale... questo è arrivato in Sri Lanka solo di recente. È un simbolo del loro estremismo religioso.



È probabile che il divieto aumenti la sensazione tra i musulmani dello Sri Lanka di essere puniti collettivamente per le azioni di pochi nella comunità. Il leader del gruppo terroristico Abu Bakr al-Baghdadi aveva rivendicato gli attacchi giorni dopo che si erano verificati.

All'epoca, i gruppi di donne avevano protestato contro il divieto temporaneo del niqab come una duplice discriminazione: contro una religione e contro le donne. Non esiste un editto comunitario in Sri Lanka che imponga alle donne musulmane di indossare il burqa. In effetti, non molte donne musulmane dello Sri Lanka lo indossano, anche se più lo indossano ora rispetto al passato. Ma per chi lo fa, come in tanti altri posti nel mondo, è una questione di scelta personale basata sull'identità, o solo sul pudore.



Tensioni buddista-musulmane

Gli attacchi di Pasqua e l'alternanza dei musulmani che ne sono seguiti hanno messo in difficoltà una comunità minoritaria che un tempo era vista come meglio integrata nel mainstream nazionale e politico rispetto ai Tamil. Ma anche prima degli attacchi mortali, la comunità musulmana ha affrontato a intermittenza il targeting di organizzazioni estremiste che affermavano di rappresentare la maggioranza buddista come Bodhu Bala Sena, Sinhala Ravaya, Sinhala e Mahason Balaya.

La BBS è il più potente di questi gruppi poiché il presidente Rajapaksa e il primo ministro Mahindra Rajapaksa sono stati visti associarsi con esso. Le campagne di questi gruppi si sono concentrate sull'uso di hijab, burqa e niqab da parte delle donne musulmane e sull'etichettatura halal sugli imballaggi alimentari e hanno portato a molte tensioni tra le due comunità, specialmente nello Sri Lanka del dopoguerra. Negli ultimi dieci anni si sono verificate diverse rivolte contro i musulmani.

Dopo la Svizzera

L'annuncio del divieto del burqa in Sri Lanka è arrivato vicino al divieto svizzero dell'8 marzo sull'indumento, che è arrivato dopo un referendum nazionale. In una dichiarazione dura, il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha criticato il divieto svizzero definendolo discriminatorio e profondamente deplorevole.

L'Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani (OHCHR) ha dichiarato in una dichiarazione: Vaghe giustificazioni su come l'uso di coperture per il viso rappresenterebbe una minaccia per la sicurezza, la salute o i diritti degli altri non possono essere considerate una ragione legittima per un tale invasivo restrizione delle libertà fondamentali.

Ha aggiunto che, sulla scia di una campagna pubblicitaria politica con forti sfumature xenofobe, la Svizzera si unisce al piccolo numero di paesi in cui la discriminazione attiva contro le donne musulmane è ora sanzionata dalla legge, il che è profondamente deplorevole.

Altri paesi che hanno vietato il burqa includono Paesi Bassi, Danimarca e Francia.