Emendamento alla legge sulle riforme agrarie del Karnataka: cosa dicono il governo e l'opposizione - Febbraio 2023

Gli emendamenti consentono ai non agricoltori di acquistare terreni agricoli nello stato. Negli ultimi anni i governi successivi hanno gradualmente diluito le norme sulla proprietà fondiaria ai sensi della legge sulla riforma fondiaria per facilitare la crescita industriale e la proprietà dei terreni agricoli da parte dei non agricoltori.

Emendamento alla legge sulle riforme agrarie del Karnataka: cosa dicono il governo e lNella casa del Karnataka.

Il Congresso dell'opposizione ha definito una condanna a morte per gli agricoltori gli emendamenti al Karnataka Land Reforms Act 1961 — che sono stati approvati nella legislatura statale la scorsa settimana dal governo del BJP con il sostegno dell'opposizione Janata Dal (secolare).



Gli emendamenti consentono ai non agricoltori di acquistare terreni agricoli nello stato. Negli ultimi anni i governi successivi hanno gradualmente diluito le norme sulla proprietà fondiaria ai sensi della legge sulla riforma fondiaria per facilitare la crescita industriale e la proprietà dei terreni agricoli da parte dei non agricoltori.

Quali sono gli ultimi emendamenti?





Il Karnataka Land Reforms (Amendment) Bill, 2020 ha abrogato tre sezioni chiave del Karnataka Land Reforms Act del 1961 che imponeva alcune restrizioni alla proprietà dei terreni agricoli.

Gli emendamenti hanno eliminato la Sezione 79A della legge che consentiva solo a coloro che guadagnano meno di Rs 25 lakh all'anno di acquistare terreni agricoli e la Sezione 79B che affermava che solo le persone che guadagnano da vivere attraverso l'agricoltura possono acquistare terreni agricoli. L'emendamento ha anche rimosso la Sezione 79C della legge, che consentiva ai dipartimenti delle entrate di indagare su presunte violazioni delle Sezioni 79A e 79B durante l'acquisto di terreni. Segui Express spiegato su Telegram



Quale logica ha citato il governo statale?

Il ministro delle entrate R Ashok, che ha pilotato il disegno di legge, ha affermato durante le discussioni che le sezioni proposte per essere abrogate dalla legge stavano solo facilitando la corruzione negli uffici dei catasti e dei tahsildar, piuttosto che avvantaggiare gli agricoltori che volevano vendere la loro terra. Ha affermato che oltre 13.814 casi di violazione delle sezioni 79 A e B erano pendenti senza che fosse intrapresa alcuna azione. Le sezioni della legge stanno perdendo la loro rilevanza nella situazione attuale ed è stato dato un rapporto per realizzare cambiamenti nelle aree urbane durante il mandato del Congresso stesso, ha detto.



Il primo ministro B S Yediyurappa ha affermato che i terreni agricoli irrigati e i terreni di proprietà delle comunità SC/ST rimarranno protetti come terreni agricoli nonostante gli emendamenti. Solo il 2% dei terreni agricoli dello stato è stato utilizzato per scopi industriali, ha affermato.


edward falciatrice norton jr

Qual è l'obiezione del Congresso?



Il leader dell'opposizione Siddaramaiah ha affermato che l'emendamento comporterà la perdita di terreni agricoli che avrebbero potuto essere coltivati ​​per soddisfare le esigenze alimentari. Ha affermato che l'emendamento è destinato a beneficiare la mafia immobiliare a Bengaluru.

Ai sensi delle sezioni 79 A e B, ci sono 13.814 casi pendenti nei tribunali che coinvolgono circa 60.000 acri a Bengaluru e dintorni. Supponendo un tasso di circa Rs 2 crore per ogni acro, la proprietà del valore di Rs 1.2 lakh crore sarà liberata da questa legge, ha detto Siddaramaiah. La natura retrospettiva del disegno di legge mostra che il governo è a stretto contatto con gli enti e le società di edilizia abitativa. La legge sarà una condanna a morte per agricoltori, lavoratori agricoli e dalit. Anche gruppi di agricoltori come il Karnataka Rajya Raitha Sangha si sono opposti agli emendamenti.



Nell'agosto 2015, anche il governo del Congresso guidato da Siddaramiah aveva allentato le regole per l'acquisizione di terreni da parte di persone non dedite all'agricoltura. Il Karnataka Land Reforms (Amendment) Bill, 2015 ha modificato la Sezione 79A e ha aumentato il tetto di reddito annuale per l'acquisizione di terreni da parte di persone non impegnate nell'agricoltura da Rs 2 lakh a Rs 25 lakh. A quel tempo, era l'allora opposizione BJP e JDS che aveva sostenuto che l'emendamento avrebbe solo aiutato le imprese immobiliari ad acquisire più terra intorno alle città.

Anche in Spiegato| I momenti salienti del nuovo massacro contro le mucche del Karnataka Bill

E qual è lo stand di JD(S)?



Il JD(S) inizialmente si è opposto agli emendamenti proposti dal BJP in quanto non erano nell'interesse degli agricoltori. Si è specificamente opposto a un emendamento proposto alla Sezione 63A per aumentare il tetto per le proprietà terriere - da 54 acri a 108 acri per una famiglia di cinque persone e da 108 acri a 216 acri per una famiglia di 10 persone. Dopo che il governo ha abbandonato la mossa per modificare Sezione 63A, il JD (S) ha sostenuto il disegno di legge. Il leader del JD(S) H D Kumaraswamy ha dichiarato la scorsa settimana che lui stesso ha dovuto affrontare accuse di violazione delle sezioni 79 A e B sulla proprietà di quasi 50 acri di terreno agricolo alla periferia di Bengaluru.

In quali circostanze è stata presa la mossa?

C'è stata una crescente pressione da parte dell'industria per modificare le leggi sulla proprietà della terra per allinearle a quelle degli stati vicini al fine di facilitare la crescita lontano dal settore agricolo stagnante. Yediyurappa aveva promesso tali cambiamenti durante la sua visita al World Economic Forum di Davos all'inizio di quest'anno come incentivo per attrarre investitori.

Nel marzo di quest'anno, il governo ha approvato un disegno di legge per emendare la sezione 109 della legge del 1961 per consentire alle industrie di vendere i terreni agricoli acquistati per scopi industriali (piuttosto che restituirli gratuitamente al governo) se non sono riusciti a portare avanti con l'industria pianificata. L'emendamento ha consentito tale vendita dopo sette anni di gestione del settore.


quanto vale Jackie Christie

Il BJP al potere ha sostenuto che non esistono restrizioni alla vendita e all'acquisto di terreni agricoli in Karnataka in Maharashtra, Andhra Pradesh o Tamil Nadu. A Ballari, il terreno costa Rs 1,10 crore per acro, mentre nella vicina Ananthapur (Andhra) il terreno costa solo Rs 10 lakh. Di conseguenza, gli investitori sarebbero andati in Andhra Pradesh e Tamil Nadu, ha affermato C R Janardhana, presidente della Federazione delle Camere di commercio e industria del Karnataka. Le riforme agrarie cambieranno questo. C'è un'opportunità di impiegare un crore di persone con l'acquisizione di un altro 2% di terra.

Condividi Con I Tuoi Amici: