Cisgender, genderqueer, agender, bigender: cosa sono questi termini, perché sono importanti? - Luglio 2022

Sono in uso diversi identificatori di genere: Facebook offre oltre 60 tra cui scegliere. Perché abbiamo bisogno di così tanti termini? La profusione sta effettivamente confondendo il messaggio che cercano di trasmettere?

Cisgender, cosa sono Cisgender, agender, bigender, genderqueer, lgbtq, identità di genere, indian express spiegatoSecondo gli attivisti di genere e coloro che usano il termine, avere parole distinte per le persone transgender e cisgender denota che entrambe sono esperienze ugualmente valide e neutre, senza che nessuna delle due sia un'aberrazione.

Il mese scorso, l'attore di Hollywood William Shatner si è offeso per essere stato chiamato 'CIS', abbreviazione di 'cisgendered'. Alcuni hanno bisogno di etichette e categorie per separare le persone per molestarle o svilire... Abbiamo bisogno di queste etichette per comunicare? No. Quindi quelli che li usano quando descrivono gli altri lo fanno per ragioni negative, ha twittato Shatner.

In una battaglia su Twitter che infuriò per giorni, molti gli fecero notare che il cisgender non era affatto un peggiorativo, che era semplicemente un descrittore. Ma Shatner ha insistito: è usato come insulto e termine di molestia.



Quindi, il cisgender è un termine offensivo e molesto? O è un aggettivo innocuo? Ancora più importante, cos'è il cisgender?



cisgender

Il termine cisgendered viene utilizzato per definire le persone la cui identità di genere corrisponde all'identità loro assegnata alla nascita.

Quando un bambino nasce, gli viene assegnata un'identità di genere in base alle sue caratteristiche fisiche. Molti credono che il genere sia un costrutto sociale e, crescendo, il bambino può o meno confermare l'identità di nascita.



I bambini assegnati al maschio alla nascita possono sentire di identificarsi più autenticamente come donna, per fare un esempio.

Per le persone transgender, il loro senso di identità di genere non corrisponde a quello loro assegnato alla nascita.

Il prefisso latino 'cis' significa letteralmente 'dalla stessa parte di', mentre 'trans' significa dall'altra parte.



Chi ha usato la parola per primo?

'Cisgender' è entrato nell'Oxford English Dictionary della Gran Bretagna nel 2015 e nel Merriam Webster Dictionary degli Stati Uniti nel 2016.

Entrambi i dizionari documentano il suo primo utilizzo intorno al 1994. Dana Leland Defosse, biologa dell'Università del Minnesota, sembra aver usato per la prima volta la parola in relazione a uno studio sulla transfobia, nel maggio 1994.



Ciò che è comunemente accettato è che la parola esiste nelle riviste accademiche dalla metà degli anni '90. È stato reso popolare dal libro Whipping Girl: A Transsexual Woman on Sexism and the Scapegoating of Femininity della teorica del genere e attivista Julia Serano del 2007 e gradualmente, specialmente con l'avvento di Internet, è diventato abbastanza parte del linguaggio popolare da essere incluso nei dizionari.

Perché la parola è importante



Molto semplicemente, se ci sono persone 'transgender', dovrebbe esserci una parola per coloro che non lo sono. Dare un'etichetta a una sola parte della popolazione, specialmente quando questa è la parte minoritaria, implica che le altre siano predefinite, 'normali' e che solo quella parte debba essere individuata ed etichettata.

Secondo gli attivisti di genere e coloro che usano il termine, avere parole distinte per le persone transgender e cisgender denota che entrambe sono esperienze ugualmente valide e neutre, senza che nessuna delle due sia un'aberrazione.

Inoltre, cis e trans non sono gli unici identificatori di genere in uso. Esistono molti altri termini, come genderqueer, gender fluid e gender variant. Alcuni scelgono anche di non usare i pronomi tradizionalmente legati al genere di lui/lei/suoi, e vanno per loro/loro.

Ok, perché abbiamo così tanti termini?

Avere parole specifiche aiuta le persone a esprimere meglio chi sono e a sapere che non sono sole nelle loro confusioni di genere. Inoltre, avere nuovi termini significa riconoscere che la conversazione sul genere sta cambiando. Può far sì che le persone che non hanno dovuto affrontare le lotte di genere come parte della loro realtà vissuta prestino maggiore attenzione alla loro esistenza.

Kiran Naik, un transman (donna con identità di nascita, si identifica come uomo) che lavora come attivista per i diritti trans e dei disabili a Chikballapur, Karnataka, dice: Perché tu mi accetti, devi prima sapere chi sono. Sono un transman. Questa è la mia identità. Molte persone semplicemente non capiscono cosa sia un transman. Per loro di capire un concetto, ci deve essere una parola. Ad esempio, le donne transessuali trovano relativamente più facile essere capite, perché le persone hanno familiarità con gli hijda. Semplicemente non riescono a capire i transmen.

Janani, analista del comportamento e professionista dei media di Bangalore, si identifica come genderqueer e usa i pronomi loro/loro. Sono d'accordo con l'importanza di termini specifici. In un mondo in cui era universalmente accettato che il genere sia un costrutto, forse i termini non avrebbero importanza. Ma nel nostro mondo, può essere immensamente utile per due ragioni: aiuta le persone a usare le etichette di identità per capire le loro sensazioni di genere e come lo definiscono per se stesse; e consente in genere alle persone cis di costruire flessibilità attorno alla costruzione del genere, dicono.

Kiran sottolinea che l'accettabilità è sociale oltre che ufficiale. Vorrei il sesso che ho scelto sui miei documenti di identità. Ma perché ciò accada, il governo deve accettare che esiste una parola per quel genere.

Critica della parola

Alcune persone, comprese quelle che lavorano sui diritti trans, sentono che termini come 'cisgender' appartengono solo al regno della teoria esoterica del genere e il loro utilizzo può essere controproducente: le persone hanno meno probabilità di cogliere un messaggio se devono cercare le singole parole che compongono il messaggio.

Altri si sentono 'cisgender' in quanto contrastare il 'transgender' è restrittivo, rafforzando un binario di genere che molti scelgono di rifiutare.

Janani dice che i due termini non dovrebbero essere visti come binari, ma piuttosto come termini ombrello per due estremità di uno spettro, e il disagio di imparare nuove parole non vince il disagio del non-cis (trans, non binario, genderqueer, genderflux, ecc. .) persone che stanno vivendo un controllo costante della loro identità.

Anche daSpiegazione: le linee guida delle Nazioni Unite sull'accesso alla giustizia sociale per le persone con disabilità

Kiran dice che avere un termine esatto che possa definirli fa molta differenza per qualcuno che ha prima lottato internamente con la propria identità di genere e ora sta lottando con la società. Le persone si infastidiscono se pronunciate male il loro nome. Immagina di passare la tua vita con gli altri scoprendo la natura stessa del tuo essere sbagliato. Mi identifico pubblicamente come transman, ma la gente insiste nel chiamarmi 'signora' a causa della mia voce. Affinché la mia identità non venga cancellata, è importante per me avere una parola per essa.

Alcune etichette di identità in uso

Man mano che il linguaggio si evolve, molti nuovi termini entrano ed escono dall'uso. Inoltre, molte parole si sovrappongono. Ecco un elenco di alcuni identificatori di genere comuni, sebbene ce ne siano altri in uso.

Programma:Qualcuno che si identifica come non appartenente a nessun genere

Androgino:Qualcuno che non si identifica né come uomo né come donna


hans zimmer networth

Bigender:Qualcuno che si identifica sia come uomo che come donna

Non binario:Qualcuno che rifiuta i binari di maschio e femmina

generefluido:Qualcuno la cui identità di genere cambia

Interrogazione di genere:Qualcuno che sta esplorando il genere in cui si identifica

genere:Un termine generico per le persone che non si iscrivono ai sessi tradizionali

AFAB, AMAB:Femmina assegnata alla nascita, maschio assegnato alla nascita

intersessuale:Coloro che non possiedono le caratteristiche fisiche né di maschi né di femmine

Terzo genere:Coloro che hanno un'identità di genere al di là dell'uomo o della donna

Inoltre, si può essere cisgender ma la loro espressione di genere può essere diversa dal loro genere. Ad esempio, un uomo cisgender può vestirsi con un lehenga o un abito da ballo semplicemente perché gli piace.

Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime

Sulla profusione di termini, Janani dice: Non ci sono regole su come le persone usano le etichette di identità; metti cinque persone genderqueer in una stanza e probabilmente definiranno tutte genderqueer in modo diverso, ma quello che probabilmente avranno in comune è il modo in cui le etichette le aiutano a sentirsi e a muoversi nel mondo.

Altri termini nel discorso di genere che dovresti conoscere

Molte parole che non sono identificatori di genere, ma che spesso emergono nel discorso di genere (e sui social media) possono aiutare a comprendere meglio questi problemi. Alcuni di loro sono:

Dispoforia di genere: angoscia e trauma, significativi, a lungo termine, causati dall'incongruenza tra il tuo genere di nascita e quello che ritieni sia il tuo genere.

TERRENO:Femminista radicale trans-esclusione (recentemente usato in modo prominente per l'autrice JK Rowling). Queste sono femministe che negano che le donne trans siano donne e non ammettono che la lotta per i diritti delle donne dovrebbe includere il sostegno ai diritti transgender.

Misgenere:Usare per qualcuno un genere diverso da quello in cui si identifica.

cissessismo:Favorire le persone cisgender rispetto ad altre.

Perché la lingua è importante

Di recente, l'autrice JK Rowling ha affrontato molte critiche per le sue opinioni sui diritti dei trans. Concentrarsi su una delle cose che ha detto può illustrare l'importanza del linguaggio inclusivo. La Rowling aveva obiettato a un titolo che diceva 'persone che hanno le mestruazioni', insistendo sul fatto che avrebbero dovuto essere 'donne con le mestruazioni'.

Da non perdere Spiegato: i farmaci per il cuore comuni sono sicuri nei pazienti Covid-19, secondo uno studio

Tuttavia, non tutte le donne hanno le mestruazioni, le donne trans hanno le mestruazioni, le donne trans potrebbero non avere le mestruazioni. I critici di Rowling hanno sottolineato che mentre tutte queste categorie sono sicuramente 'persone', l'insistenza sull'uso di 'donne' può escludere le realtà di quelle non convenzionalmente donne e rendere il loro viaggio di accettazione, già estremamente difficile, più difficile.