Spiegazione: Ferdinand Piëch — l'uomo dietro la svolta della Volkswagen - Potrebbe 2022

In una carriera che dura da oltre cinque decenni, Piëch era noto per aver fatto dei progressi tecnologici nelle sue auto una priorità chiave, mantenendo allo stesso tempo uno stile di gestione che molti pensavano fosse spietato e autoritario.

Spiegazione: Ferdinand Piëch — lPiëch è stato in una posizione dominante in Volkswagen fino al 2015, quando ha lasciato dopo una lotta per il potere con il suo protetto e successore Martin Winterkorn. (Reuters/File)

Ferdinand Piëch, l'ingegnere visionario accreditato per il turnaround della casa automobilistica tedesca Volkswagen negli anni '90, è morto martedì all'età di 82 anni.

In una carriera che dura da oltre cinque decenni, Piëch era noto per aver fatto dei progressi tecnologici nelle sue auto una priorità chiave, mantenendo allo stesso tempo uno stile di gestione che molti pensavano fosse spietato e autoritario.



Chi era Ferdinand Piëch e quali sono i suoi contributi all'industria automobilistica?



Ferdinand Piëch è nato in una famosa famiglia austriaca con legami nazisti. Suo nonno era Ferdinand Porsche, la persona assunta dal dittatore Adolf Hitler per la progettazione di un'auto popolare, che in seguito prese forma come Maggiolino Volkswagen. Il vecchio Ferdinand ha anche trovato il marchio di lusso Porsche.

Piëch era appassionato di produzione fin dall'infanzia e ha studiato ingegneria in Svizzera prima di entrare in Porsche nel 1963.



Alla Porsche, padre della '917'

Quando Piëch è entrato a far parte del reparto prove motori di Porsche, l'azienda era gestita da Ferry Porsche, suo zio. Qui, Piëch è stato notato per le sue capacità di innovazione e la sua prima svolta tecnica è stata l'auto da corsa Porsche 917.

La Porsche 917 era dotata di un motore boxer a sei cilindri. (Fonte: Wikimedia Commons/ Brian Snelson)

La Porsche 917 era dotata di un motore boxer a sei cilindri, considerato un importante progresso all'epoca, che aiutò l'auto a distinguersi nelle gare del 1970 e 1971 del Gran Premio di Le Mans. Anche le vendite di Porsche hanno iniziato a crescere da questo punto.



Un'aspra faida familiare all'interno della famiglia Piëch-Porsche costrinse Ferdinand Piëch a lasciare l'azienda nel 1972.

Prossima fermata, Audi e il sistema 'Quattro'

Piëch si unì quindi ad Audi, un'altra parte dell'eredità della sua famiglia, che all'epoca ebbe solo un discreto successo.



Modello Audi 80 (Fonte: Wikimedia Commons/Mikael Wall)

Qui, Piëch ha sviluppato il sistema di trazione integrale 'Quattro', che ha reso Audi il pioniere nell'utilizzo di una trazione integrale nelle autovetture. Questo, insieme all'introduzione dei motori diesel TDI e al restyling del marchio, ha visto cambiare le fortune di Audi.

Modello Audi 100 (Fonte: Wikimedia Commons/Rudolf Stricker)

I modelli Audi 80 e 100 sono stati gli importanti lanci di prodotto di questo periodo.



Girando intorno alla Volkswagen


michael burry moglie

Nel 1993, Piëch è stato portato in Volkswagen, dove gli è stato affidato il difficile compito di invertire la spirale discendente a cui stava assistendo il gigante automobilistico. Piëch ha affrontato i problemi con il suo caratteristico approccio autoritario. Ha iniziato tagliando i costi e ampliando il paniere di prodotti.

Volkswagen introdusse nuove auto come la Golf e la Passat e lanciò una nuova versione del Maggiolino che le valse il successo in Nord America. Piëch ha anche effettuato audaci acquisizioni di marchi tra cui SEAT e Skoda di fascia media e marchi di lusso come Bentley, Bugatti e Lamborghini. La concorrenza tra ingegneri e designer all'interno del gruppo Volkswagen avrebbe portato a un'innovazione più rapida, riteneva Piëch.

La strategia modulare di Piëch prevedeva l'inclusione di una serie di funzionalità comuni per più modelli di auto, riducendo così notevolmente le spese.

Nel 2014, Volkswagen realizzava profitti per circa 13 miliardi di dollari ed era emersa come concorrente mondiale del produttore giapponese Toyota.

Volkswagen dopo Piëch

Piëch è stato in una posizione dominante in Volkswagen fino al 2015, quando ha lasciato dopo una lotta per il potere con il suo protetto e successore Martin Winterkorn.

Fu subito dopo la partenza di Piëch che la Volkswagen fu coinvolta nello scandalo 'Dieselgate', in cui fu scoperto che la società aveva manomesso la tecnologia automobilistica per ingannare i regolatori.

La truffa ha portato Volkswagen a pagare circa 30 miliardi di dollari in sanzioni, risarcimenti e richiami. Sebbene Piëch non sia stato personalmente incolpato, molti credono che sia stato il suo stile di lavoro inesorabile a gettare le radici della catastrofe.