Spiegazione: Storia e precedente del discorso del Presidente in Parlamento - Luglio 2022

La prima sessione del Parlamento di quest'anno inizia venerdì con il discorso del presidente Ram Nath Kovind. Come è iniziata questa tradizione, qual è il protocollo seguito e su cosa si sono soffermati i discorsi negli anni?

Il 29 gennaio 2021 il presidente Ram Nath Kovind parlerà a una seduta congiunta del Parlamento

La prima sessione del Parlamento del 2021 inizierà venerdì con il presidente Ram Nath Kovind che si rivolgerà ai membri di entrambe le Camere del Parlamento. Se non si candida alla rielezione, sarà il suo penultimo discorso in Parlamento. Nel suo discorso, ci sarà un'indicazione dei piani del governo e delle aree di interesse per l'anno a venire. Il suo discorso segnerà l'inizio della seduta, ma non costituirà una seduta congiunta delle due Camere.

Storia e precedenti



Nel Regno Unito, la storia del monarca che si rivolge al Parlamento risale al XVI secolo. Negli Stati Uniti, il presidente Gorge Washington si rivolse al Congresso per la prima volta nel 1790. In India, la pratica del presidente che si rivolge al parlamento può essere fatta risalire al Government of India Act del 1919. Questa legge conferiva al governatore generale il diritto di rivolgendosi all'Assemblea Legislativa e al Consiglio di Stato. La legge non prevedeva un discorso congiunto, ma il Governatore Generale si è rivolto insieme all'Assemblea e al Consiglio in più occasioni. Non ci fu alcun suo discorso all'Assemblea Costituente (legislativa) dal 1947 al 1950. E dopo l'entrata in vigore della Costituzione, il presidente Rajendra Prasad si rivolse per la prima volta ai membri di Lok Sabha e Rajya Sabha il 31 gennaio 1950.



La Costituzione conferisce al Presidente il potere di rivolgersi alla Camera oa una seduta congiunta delle due Camere del Parlamento. L'articolo 87 prevede due occasioni speciali in cui il presidente si rivolge in seduta comune. Il primo è affrontare la sessione di apertura di una nuova legislatura dopo le elezioni generali. Il secondo è quello di affrontare la prima seduta del Parlamento ogni anno. Una sessione di una legislatura nuova o continua non può iniziare senza soddisfare questo requisito. Quando la Costituzione è entrata in vigore, il Presidente era tenuto a parlare a ogni sessione del Parlamento. Così, durante il parlamento provvisorio nel 1950, il presidente Prasad tenne un discorso prima di ogni sessione. Il primo emendamento alla Costituzione nel 1951 ha cambiato questa posizione e ha fatto il discorso del presidente una volta all'anno.

ISCRIVITI ADESSO :Il canale Telegram spiegato Express Fonte: ricerca legislativa PRS, sito web Lok Sabha

Dal governo, riguardo al governo




quanto vale Chris Rock

Non esiste un formato prestabilito per il discorso del presidente. La Costituzione prevede che il Presidente comunichi al Parlamento la causa della convocazione. Durante la stesura della Costituzione, il professor K T Shah ha voluto che il discorso del Presidente fosse più specifico. Ha suggerito che la lingua sia cambiata per specificare che il Presidente deve informare il Parlamento sullo stato generale dell'Unione, comprese le proposte finanziarie, e altre questioni particolari di politica che ritenga adatte a tale indirizzo. Il suo emendamento è stato ispirato dalla Costituzione degli Stati Uniti, secondo la quale il Presidente deve di volta in volta fornire al Congresso informazioni sullo stato dell'Unione e raccomandare alla loro considerazione le misure che riterrà necessarie e opportune. Ma l'emendamento del professor Shah è stato respinto dall'Assemblea costituente. Il discorso del Presidente segue una struttura generale in cui mette in evidenza i risultati del governo dell'anno precedente e definisce l'ampia agenda di governance per l'anno successivo.

Il discorso che legge il presidente è il punto di vista del governo ed è scritto da esso. Di solito, a dicembre, la Presidenza del Consiglio dei Ministri chiede ai vari ministeri di iniziare a inviare i propri input per il discorso. Esce anche un messaggio dal ministero degli Affari parlamentari che chiede ai ministeri di inviare informazioni su eventuali proposte legislative che devono essere incluse nel discorso del presidente. Tutte queste informazioni vengono aggregate e modellate in un discorso, che viene poi inviato al Presidente. Il governo usa l'indirizzo del presidente per fare annunci politici e legislativi.

Ad esempio, nel 1985 il presidente Giani Zail Singh annunciò che il governo del primo ministro Rajiv Gandhi intendeva introdurre una nuova politica nazionale per l'istruzione e la legge anti-defezione. Nel 1996, il governo di 13 giorni del primo ministro Atal Bihari Vajpayee ha annunciato l'intenzione di conferire lo stato a Uttaranchal e Vananchal (Jharkhand) e il 33% di riserva alle donne nelle legislature. Durante il suo secondo mandato nel 1999, il governo del primo ministro Vajpayee ha proposto l'idea di un mandato fisso per Lok Sabha e lo stato Vidhan Sabhas. Dopo il devastante tsunami del 2004, il governo del primo ministro Manmohan Singh ha utilizzato il discorso del presidente per annunciare la creazione di una legge nazionale per la gestione dei disastri. E nel 2015, il presidente Pranab Mukherjee ha espresso il piano del governo di Narendra Modi per accelerare le riforme del settore finanziario e il suo sforzo per il regolare svolgimento delle attività legislative e l'adozione di leggi progressiste in Parlamento.



Procedimento e tradizione

Nei giorni successivi al discorso del Presidente, nelle due Camere viene presentata una mozione di ringraziamento al Presidente per il suo intervento. Un'occasione per i parlamentari delle due Camere per un ampio dibattito sulla governance del Paese. Il presidente del Consiglio replica alla mozione di ringraziamento di entrambe le Camere e risponde alle questioni sollevate dai parlamentari. La mozione viene quindi messa ai voti e i parlamentari possono esprimere il loro disaccordo spostando emendamenti alla mozione. I parlamentari dell'opposizione sono riusciti a far approvare emendamenti alla mozione di ringraziamento a Rajya Sabha in cinque occasioni (1980, 1989, 2001, 2015, 2016). Hanno avuto meno successo a Lok Sabha. Ad esempio, nel 2018, i parlamentari di Lok Sabha hanno presentato 845 emendamenti, di cui 375 sono stati spostati e negati.

Il discorso del Presidente è una delle occasioni più solenni del calendario parlamentare. È l'unica occasione dell'anno in cui l'intero Parlamento, ovvero il presidente, Lok Sabha e Rajya Sabha, si riuniscono. L'evento è associato alla cerimonia e al protocollo. Il Segretariato Lok Sabha si prepara ampiamente per questo evento annuale. In passato, per la processione cerimoniale, prelevava 150 metri di panno rosso dalla casa del Presidente. Un ufficiale di Lok Sabha sarebbe anche incaricato di ricordare all'ADC al presidente di portare l'acqua e il bicchiere da Rashtrapati Bhawan per l'uso del presidente. Il Presidente arriva al Parlamento scortato dalle Guardie Presidenziali ed è ricevuto dai Presidenti delle due Camere, dal Primo Ministro, dal Ministro per gli Affari parlamentari e dai Segretari generali delle due Camere. Viene quindi scortato nella Sala Centrale dove consegna il suo discorso ai parlamentari riuniti di Lok Sabha e Rajya Sabha.




sophie lowe piedi

Chakshu Roy è responsabile della ricerca legislativa PRS