Spiegato: come i campi sportivi stanno diventando luoghi di protesta e i funzionari guardano dall'altra parte - Luglio 2022

Quando la Norvegia si è recata a Gibilterra mercoledì e la Germania ha ospitato l'Islanda il giorno dopo, entrambe le squadre hanno attirato l'attenzione sul presunto maltrattamento dei lavoratori migranti da parte del Qatar, paese ospitante della Coppa del Mondo 2022.

I giocatori titolari della Germania posano per una foto di squadra all'inizio della partita di qualificazione del Gruppo J della Coppa del Mondo 2022 tra Germania e Islanda a Duisburg, in Germania, giovedì 25 marzo 2021. (Tobias Schwarz/Pool via AP)

Nelle rispettive partite infrasettimanali di qualificazione ai Mondiali, le nazionali di calcio norvegese e tedesca sono scese in campoindossare magliette con sloganevidenziando una questione di diritti umani.

Per la maggior parte del 2020, i campionati sportivi di tutto il mondo hanno permesso e incoraggiato i club a 'mettersi in ginocchio' prima di una partita come supporto per il movimento Black Lives Matter (BLM). Ma quando la Norvegia si è recata a Gibilterra mercoledì e la Germania ha ospitato l'Islanda il giorno dopo, entrambe le squadre hanno attirato l'attenzione sul presunto maltrattamento dei lavoratori migranti da parte del Qatar, paese ospitante della Coppa del Mondo 2022.



Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta



La squadra norvegese è uscita con maglie identiche con il messaggio Diritti umani - Dentro e fuori dal campo, mentre la squadra tedesca aveva le parole Diritti umani enunciate mentre ogni giocatore indossava una maglietta con una sola lettera. Entrambe le squadre hanno vinto la rispettiva partita 3-0.

Sebbene una tale dimostrazione vada contro le norme FIFA, l'organo di governo dello sport ha affermato che nessuna azione sarà intrapresa contro nessuna delle due squadre.




patrimonio netto di travis stork

Quando la Norvegia e la Germania hanno rilasciato questa dichiarazione?

Secondo quanto riferito, da alcune settimane è in corso una discussione tra i migliori club norvegesi, guidati dal Tromsø, sulla possibilità che la nazionale boicotti i Mondiali del prossimo anno.

I giocatori della nazionale e l'allenatore Ståle Solbakken sono stati tutti visti durante il riscaldamento indossare magliette con la scritta Rispetto – Dentro e fuori dal campo, prima di scambiarla con quella con la scritta Diritti umani – Dentro e fuori dal campo quando si battevano per l'inno nazionale.



Questo è un po' ciò di cui abbiamo parlato, per focalizzare l'attenzione su alcune delle discussioni fuori dal campo, ha detto Solbakken alla norvegese TV2. I ragazzi erano desiderosi di farlo e io sono qui come esempio.

Nel frattempo, la squadra tedesca si è schierata per l'inno nazionale indossando magliette con una sola lettera che alla fine ha scritto Diritti umani.

I giocatori hanno disegnato tutto sulle loro magliette, secondo quanto riferito dall'allenatore della squadra tedesca Joachim Loew da The Guardian. Doveva essere la prima dichiarazione da parte nostra, della squadra. Difendiamo i diritti umani, indipendentemente dal luogo. Questi sono i nostri valori. Pertanto, è stata una dichiarazione molto buona e importante.



Perché sono state fatte queste dichiarazioni?

Da quando il Qatar ha vinto la gara per ospitare la Coppa del Mondo 2022, nel 2010, ci sono state segnalazioni di condizioni disumane per i lavoratori edili, la maggior parte dei quali sono lavoratori migranti, che costruiscono gli stadi pianificati nuovi e aggiornati.



Un rapporto di The Guardian il mese scorso ha rivelato che oltre 6500 lavoratori migranti dal subcontinente indiano erano morti da quando alla nazione ricca di petrolio erano stati assegnati i diritti di accoglienza.

Giovedì, tuttavia, secondo The Guardian, il portavoce dell'organizzatore della Coppa del mondo del Qatar (Comitato supremo per la consegna e l'eredità - SC) ha affermato che il Paese è sempre stato trasparente sulla salute e la sicurezza dei lavoratori.

Il portavoce ha inoltre aggiunto: dall'inizio della costruzione nel 2014, ci sono stati tre decessi legati al lavoro e 35 decessi non correlati al lavoro. Il comitato di vigilanza ha studiato ogni caso, imparando lezioni per evitare che si ripetano in futuro. Il comitato di vigilanza ha reso noto ogni incidente tramite dichiarazioni pubbliche e/o rapporti annuali sui progressi in materia di benessere dei lavoratori.

Qual è stata la risposta della FIFA alla dichiarazione di Norvegia e Germania?

La FIFA ha rilasciato una dichiarazione giovedì, dopo la dimostrazione in Norvegia, che (nessun) procedimento disciplinare in relazione a questa materia sarà aperto. La FIFA crede nella libertà di parola e nel potere del calcio come forza positiva.

La posizione dell'organo di governo è in contrasto con il suo codice disciplinare che afferma che qualsiasi caso di utilizzo di un evento sportivo per dimostrazione di natura non sportiva comporterà sanzioni.

È la prima volta che la FIFA non sanziona un simile atto di protesta?


quanto guadagna diana taylor

No. Quando la Bundesliga tedesca è ripresa dopo la pausa forzata dalla pandemia di COVID-19 lo scorso anno, i giocatori del Borussia Dortmund Jadon Sancho e Achraf Hakimi hanno mostrato il messaggio Giustizia per George Floyd sotto le loro maglie, il presidente della FIFA Gianni Infantino ha elogiato i giocatori e ha rifiutato di sanzionare qualsiasi punizione.

A scanso di equivoci, in una competizione FIFA le recenti manifestazioni di giocatori nelle partite della Bundesliga meriterebbero un applauso e non una punizione, secondo quanto riferito. Tutti dobbiamo dire no al razzismo e ad ogni forma di discriminazione. Tutti dobbiamo dire no alla violenza. Qualsiasi forma di violenza.

Secondo l'Evening Standard, la Legge 4 Sezione 5 della FIFA afferma che i giocatori non dovrebbero avere slogan, dichiarazioni o immagini sul loro kit o altre attrezzature che potrebbero essere considerate politiche.


quanto vale la nocciola e

Anche in Spiegato| Gli atleti non possono inginocchiarsi alle Olimpiadi; ora cambierà?

Come la FIFA, anche il CIO guarderà dall'altra parte?

Il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) ha discusso l'attuazione della sua famigerata Regola 50, che vieta a qualsiasi atleta di promuovere un problema di qualsiasi natura durante i Giochi Olimpici.

Secondo il sito web del CIO: La Regola 50 intende preservare il campo di gioco e il podio da qualsiasi protesta, rispettare i nostri compagni atleti e il loro momento speciale e consentire loro di concentrarsi sulla propria prestazione. Esempi di ciò che costituirebbe una protesta includono la visualizzazione di messaggi politici, inclusi cartelli o bracciali; gesti di natura politica, come il gesto della mano o l'inginocchiarsi; e rifiuto di seguire il protocollo delle Cerimonie.

Sin dalla morte di George Floyd che ha scatenato un rinnovato movimento BLM, eventi sportivi come, ma non solo, campionati di calcio in Europa, Formula Uno, NBA, NFL, MLB e tour delle Indie Occidentali in Inghilterra lo scorso anno, hanno tutti hanno visto i giocatori inginocchiarsi prima delle partite.

Ci sono state numerose organizzazioni, come il Comitato Olimpico e Paralimpico degli Stati Uniti (USOPC) - che ha chiarito a dicembre che non prenderà provvedimenti contro un atleta che prende posizione alle prossime Olimpiadi di Tokyo - e persino il World Athletics.

Sono stato molto chiaro sul fatto che se un atleta sceglie di inginocchiarsi su un podio, allora lo sostengo, il presidente del World Athletics Sebastian Coe è stato citato da Eurosport.

Gli atleti sono una parte del mondo e vogliono riflettere il mondo in cui vivono. Per me, quella parte è perfettamente accettabile purché sia ​​fatta con rispetto – completo rispetto – per gli altri concorrenti, cosa che penso che la maggior parte degli atleti capisca correttamente.

ISCRIVITI ADESSO :Il canale Telegram spiegato Express

Dov'è questa discussione adesso?

La Commissione degli atleti del CIO aveva condotto un sondaggio per ottenere l'interpretazione della Regola 50 da parte degli olimpionici e degli atleti d'élite. La scadenza per il sondaggio è terminata a gennaio.

Altri organismi hanno condotto i propri sondaggi, come riportato da Inside the Games. La Commissione degli atleti del Comitato olimpico australiano ha riscontrato che la maggioranza riteneva di dover essere in grado di esprimersi, ma senza influire sulle prestazioni degli altri atleti o sull'esperienza complessiva dei Giochi Olimpici.

La Panam Sports Athletes' Commission ha intervistato 218 atleti in 25 paesi. Ha rilevato che 189 riteneva che il CIO dovesse affrontare la discriminazione e 191 sosteneva che il CIO avrebbe dovuto aggiornare regolarmente le sue regole. 153 ha affermato che l'articolo 50 è completamente o parzialmente ingiusto e 39 ha chiesto che fosse abolito. 98 hanno presentato emendamenti mentre 81 hanno approvato l'articolo 50 così com'è.