Spiegato: Hurriyat a un bivio - Dicembre 2022

La Conferenza Hurriyat, la piattaforma politica dei separatisti in Kashmir, sta diventando sempre più emarginata, con il Centro che reprime i suoi leader e valuta la messa al bando di entrambe le fazioni.

Poi il presidente della fazione intransigente di Hurriyat Syed Ali Shah Geelani (al centro), il capo della fazione moderata Mirwaiz Umar Farooq (a destra) e Yasin Malik (a sinistra) dopo un incontro a Srinagar nel 2016. (Express Archive)

Dopo aver bandito il Jamat-e-Islami e il Jammu and Kashmir Liberation Front (JKLF), è stato riferito che il Il centro sta valutando un divieto su entrambe le fazioni della Conferenza Hurriyat di tutte le parti. Che cosa rappresenta la Conferenza Hurriyat e qual è la sua rilevanza?



Anche in Spiegato|Il centro ha tracciato la linea rossa molto tempo fa, Hurriyat se n'è andato al freddo da quando J&K si è diviso

Gli inizi

Nell'inverno del 1992, quando la militanza era al suo apice in Kashmir, i separatisti sentivano il bisogno di una piattaforma politica che integrasse il movimento militante e cercasse una soluzione alla questione del Kashmir. Ciò ha portato alla formazione della All Parties Hurriyat Conference (APHC), un amalgama di gruppi politici separatisti.





Il 31 luglio 1993, diversi partiti politici, sociali e religiosi separatisti - con ideologie disparate ma uniti dalla visione comune che il Kashmir è sotto occupazione illegale - hanno ricucito l'alleanza dopo sette mesi di deliberazioni.

L'idea è stata discussa per la prima volta il 27 dicembre 1992 in una riunione convocata da Mirwaiz Umar Farooq, allora 19enne, che aveva assunto la carica di capo sacerdote del Kashmir (Mirwaiz) e presidente del Comitato d'azione Awami dopo l'assassinio di suo padre Mirwaiz Mohammad Farooq il 21 maggio 1990. Quando l'alleanza prese forma, Mirwaiz ne fu il primo presidente.



La costituzione di Hurriyat lo descrive come un'unione di partiti politici, sociali e religiosi di J&K, per condurre una lotta pacifica per la risoluzione della disputa sul Kashmir, secondo le risoluzioni delle Nazioni Unite o attraverso colloqui tripartiti, tra India, Pakistan e popolo del Kashmir.

L'Hurriyat era essenzialmente un'estensione di un'alleanza elettorale formata sei anni prima. Nelle elezioni dell'Assemblea del 1987, diversi partiti sociali, religiosi e politici si erano uniti sotto la bandiera del Fronte unito musulmano (MUF) per opporsi all'unione della Conferenza nazionale e del Congresso. Le elezioni, ampiamente viste come truccate, hanno gettato i semi di un movimento civile e militante contro quello che era percepito come il governo di Nuova Delhi in Kashmir.



La struttura



L'Hurriyat aveva una struttura a due livelli: un consiglio esecutivo di sette membri e un consiglio generale di quasi due dozzine di membri. La costituzione Hurriyat non consentiva alcun cambiamento nel consiglio esecutivo ma permetteva di aumentare o diminuire i numeri nel consiglio generale.

Il consiglio esecutivo era rappresentato da Jamat-e-Islami, un'organizzazione socio-religiosa che ha sostenuto l'integrazione del Kashmir con il Pakistan; Jammu e Kashmir Liberation Front, un gruppo militante pro-indipendenza che ha dichiarato un cessate il fuoco unilaterale nel 1994 per lavorare per una soluzione pacifica; People's Conference, partito politico fondato da Abdul Gani Lone assassinato da militanti nel 2002; Awami Action Committee di Mirwaiz Umar Farooq; Ittehadul Muslimeen del religioso sciita Abbas Ansari; Lega popolare guidata dallo sceicco Abdul Aziz che è stato ucciso quando la polizia ha sparato sui manifestanti che marciavano verso Muzaffarabad nel 2008; e la conferenza musulmana del professor Abdul Gani Bhat, un professore che è stato licenziato dal governo J&K per aver costituito una minaccia alla sicurezza dello stato.



Il consiglio generale comprendeva organismi di categoria, associazioni studentesche e gruppi sociali e religiosi. I suoi numeri continuavano a cambiare.


quanto vale Mike Rowe

la spaccatura



Dal 1993 al 1996, l'Hurriyat è stata la forza politica dominante in Kashmir con i leader politici tradizionali che si sono ritirati. Mentre la Conferenza nazionale è tornata sulla scena politica durante le elezioni dell'Assemblea del 1996, l'Hurriyat è rimasto a galla con il sostegno del Pakistan.

Dopo oltre un decennio, l'alleanza ha iniziato a sgretolarsi al suo interno, lottando per tenere insieme il suo gregge con le sue disparate ideologie, da moderati come Mirwaiz Umar Farooq e Abdul Gani Lone a estremisti come Syed Ali Geelani e Masarat Alam. Le loro divergenze sulla strategia futura, il ruolo della militanza e il dialogo con Nuova Delhi erano allo scoperto.

Le elezioni dell'Assemblea del 2002 hanno portato a una spaccatura. Il gruppo intransigente guidato da Syed Ali Shah Geelani ha accusato Sajad Lone, rappresentante della Conferenza del popolo dopo l'assassinio di suo padre, di schierare candidati per procura alle elezioni. Il gruppo Geelani ha chiesto l'espulsione di Lone, ma poi il presidente di Hurriyat Abbas Ansari ha rifiutato. In un incontro a casa di Geelani il 7 settembre 2003, i sostenitori della linea dura hanno rimosso Ansari dalla carica di capo di Hurriyat e hanno annunciato Masarat Alam come presidente ad interim. Gli Hurriyat si divisero nei campi di Mirwaiz e Geelani.

Il Fronte di Liberazione J&K guidato da Yasin Malik si separò da entrambe le fazioni.

Colloqui Moderati-Centro

Il campo di Mirwaiz era favorevole al dialogo con Nuova Delhi, mentre il gruppo Geelani poneva una condizione preliminare affinché Nuova Delhi accettasse prima il Kashmir come territorio conteso.

Subito dopo la scissione, il gruppo Mirwaiz ha aperto i canali di dialogo con il Centro. Il 22 gennaio 2004, l'allora vice primo ministro LK Advani ha ospitato una delegazione Hurriyat - Abbas Ansari, Mirwaiz Umar Farooq, Abdul Gani Bhat, Bilal Lone e Fazal Haq Qureshi - nel suo ufficio a North Block. Entrambe le parti hanno deciso di incontrarsi di nuovo. Il secondo round si è tenuto a Nuova Delhi il 27 marzo di quell'anno.

I colloqui sono proseguiti con il governo successivo. Il 6 settembre 2005, l'allora primo ministro Manmohan Singh ha incontrato i moderati di Hurriyat guidati da Mirwaiz. Il round successivo è stato il 4 maggio 2006 e le due parti hanno concordato di sviluppare un meccanismo per continuare il dialogo per la risoluzione della questione del Kashmir.

Con il sostegno del Centro, anche la fazione Mirwaiz e Mohd Yasin Malik si sono recati in Pakistan sull'autobus Srinagar-Muzaffarabad per incontrare la leadership in Pakistan.

L'ascesa di Geelani

La vicinanza percepita dei moderati a Nuova Delhi e l'assenza di qualsiasi risultato dal dialogo hanno rafforzato gli estremisti guidati da Geelani. Il 12 aprile 2016, sei leader tra cui Shabir Ahmad Shah, Nayeem Ahmad Khan e Aga Hassan Budgami si separarono da Mirwaiz e si unirono a Geelani.

Il disordine attuale

I raid della National Investigation Agency (NIA) contro i leader di Hurriyat nel 2018 hanno messo entrambe le fazioni in secondo piano.

Il 30 giugno dello scorso anno, Geelani ha suscitato una sorpresa quando si è dissociato dalla sua fazione degli Hurriyat, lasciando le redini al suo vice Mohammad Ashraf Sehrai, morto in custodia nel carcere di Jammu all'inizio di quest'anno.

I raid della NIA, il divieto di Jamat-e-Islami e l'arresto della maggior parte della leadership di primo e secondo grado di entrambe le fazioni, prima dell'abrogazione dello status speciale di J&K il 5 agosto 2019, hanno lasciato l'Hurriyat allo sbando.

Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta