Spiegazione: la politica nazionale sull'istruzione dell'India, 2020 - Luglio 2022

Nuova Politica Educativa 2020: uno sguardo alle proposte su curricolo, corsi e mezzi di insegnamento, e i takeaway per studenti, scuole e università.

nuova politica educativa, politica educativa 2020, politica educativa degli studenti delle scuole, esami del consiglio di amministrazione, programma delle scuole, notizie indiane express, nuova politica educativa spiegataTra le proposte, formato scuola 10+2 per diventare 5+3+3+4. (Foto Express: Partha Paul)

Nuova politica per l'istruzione 2020:Mercoledì, il Gabinetto dell'Unioneapprovato una nuova politica nazionale per l'istruzione (NEP)proponendo cambiamenti radicali nella scuola e nell'istruzione superiore. Uno sguardo ai takeaway e alle loro implicazioni per gli studenti e le istituzioni di apprendimento:

A cosa serve una NEP?



Un NEP è un quadro completo per guidare lo sviluppo dell'istruzione nel paese. La necessità di una politica è stata avvertita per la prima volta nel 1964, quando il deputato del Congresso Siddheshwar Prasad ha criticato l'allora governo per la mancanza di una visione e di una filosofia per l'istruzione. Lo stesso anno è stata costituita una Commissione per l'istruzione di 17 membri, guidata dall'allora presidente dell'UGC D S Kothari, per elaborare una politica nazionale e coordinata sull'istruzione. Sulla base dei suggerimenti di questa Commissione, il Parlamento ha approvato la prima politica dell'istruzione nel 1968.



Un nuovo NEP di solito arriva ogni pochi decenni. L'India ne ha avuti tre fino ad oggi. Il primo è arrivato nel 1968 e il secondo nel 1986, rispettivamente sotto Indira Gandhi e Rajiv Gandhi; la NEP del 1986 è stata rivista nel 1992 quando P V Narasimha Rao era Primo Ministro. Il terzo è il NEP rilasciato mercoledì sotto la Presidenza del Consiglio dei Ministri di Narendra Modi.

Perché è necessaria la politica nazionale per l'istruzione

Quali sono i punti chiave?



Il NEP propone cambiamenti radicali tra cui l'apertura dell'istruzione superiore indiana alle università straniere, lo smantellamento dell'UGC e dell'All India Council for Technical Education (AICTE), l'introduzione di un programma universitario multidisciplinare di quattro anni con più opzioni di uscita e l'interruzione del Programma M Phil.

Nell'istruzione scolastica, la politica si concentra sulla revisione del curriculum, sulla semplificazione degli esami del consiglio di amministrazione, sulla riduzione del programma per mantenere gli elementi essenziali di base e sulla spinta all'apprendimento esperienziale e al pensiero critico.

In un cambiamento significativo rispetto alla politica del 1986, che spingeva per una struttura 10+2 dell'istruzione scolastica, la nuova NEP propone un design 5+3+3+4 corrispondente ai gruppi di età 3-8 anni (fase fondamentale), 8 -11 (preparativo), 11-14 (medio) e 14-18 (secondario). Ciò porta l'educazione della prima infanzia (nota anche come educazione prescolare per bambini di età compresa tra 3 e 5 anni) nell'ambito dell'istruzione formale. Il programma del pasto di mezzogiorno sarà esteso ai bambini in età prescolare. La NEP dice che gli studenti fino alla classe 5 dovrebbero essere insegnati nella loro lingua madre o nella lingua regionale.



La politica propone inoltre l'eliminazione graduale di tutte le istituzioni che offrono flussi unici e che tutte le università e i college devono mirare a diventare multidisciplinari entro il 2040.

Anche in Spiegato |Come il ministero dell'Istruzione indiano è diventato 'Ministero HRD' e poi è tornato ad abbracciare l'istruzione

Come saranno attuate queste riforme?



La NEP fornisce solo un'ampia direzione e non è obbligatorio seguirla. Poiché l'istruzione è una materia concorrente (sia il Centro che i governi statali possono legiferare su di essa), le riforme proposte possono essere attuate solo in collaborazione tra il Centro e gli stati. Questo non accadrà immediatamente. Il governo in carica ha fissato un obiettivo del 2040 per attuare l'intera politica. Anche un finanziamento sufficiente è cruciale; la NEP del 1968 fu ostacolata da una carenza di fondi.

Il governo prevede di istituire comitati disciplinari con membri dei ministeri competenti sia a livello centrale che statale per sviluppare piani di attuazione per ogni aspetto della NEP. I piani elencheranno le azioni che devono essere intraprese da più organismi, tra cui il Ministero delle risorse umane, i dipartimenti statali dell'istruzione, i consigli scolastici, l'NCERT, il Comitato consultivo centrale per l'istruzione e l'Agenzia nazionale per i test, tra gli altri. La pianificazione sarà seguita da una revisione annuale congiunta dei progressi rispetto agli obiettivi fissati.




Jenny Funnell attore

Tutti gli stati devono seguirlo?

Che cosa significa l'enfasi sulla lingua madre/lingua regionale per le scuole medio-inglese?

Tale enfasi non è nuova: la maggior parte delle scuole statali del paese lo stanno già facendo. Per quanto riguarda le scuole private, è improbabile che venga loro chiesto di cambiare il loro mezzo di insegnamento. Un alto funzionario del ministero ha chiarito aquesto sito webche la disposizione sulla lingua madre come mezzo di insegnamento non era obbligatoria per gli Stati. L'istruzione è una materia concorrente. Ecco perché la politica afferma chiaramente che ai bambini verrà insegnato nella loro lingua madre o nella lingua regionale 'ove possibile', ha affermato l'ufficiale.

Che dire delle persone con lavori trasferibili o dei figli di genitori multilingue?

La NEP non dice nulla in particolare sui figli di genitori con lavori trasferibili, ma riconosce i bambini che vivono in famiglie multilingue: gli insegnanti saranno incoraggiati a utilizzare un approccio bilingue, compresi materiali didattici bilingue, con quegli studenti la cui lingua madre potrebbe essere diversa dal mezzo di istruzione.

Quali sono i suoi consigli chiave?

In che modo il governo intende aprire l'istruzione superiore ai giocatori stranieri?

Il documento afferma che le università tra le prime 100 al mondo potranno istituire campus in India. Sebbene non elabori i parametri per definire i primi 100, il governo in carica può utilizzare il 'QS World University Rankings' poiché si è basato su questi in passato durante la selezione delle università per lo status di 'Institute of Eminence'. Tuttavia, niente di tutto questo può iniziare a meno che il Ministero HRD non introduca una nuova legge che includa dettagli su come opereranno le università straniere in India.

Non è chiaro se una nuova legge incoraggerebbe le migliori università all'estero ad aprire campus in India. Nel 2013, quando l'UPA-II stava cercando di promuovere una legge simile, The Indian Express aveva riferito che le 20 migliori università globali, tra cui Yale, Cambridge, MIT e Stanford, l'Università di Edimburgo e Bristol, non avevano mostrato interesse per entrare nel mercato indiano.

La partecipazione delle università straniere in India è attualmente limitata alla partecipazione a programmi di gemellaggio collaborativo, alla condivisione di facoltà con istituzioni partner e all'offerta di formazione a distanza. Oltre 650 fornitori di istruzione stranieri hanno tali accordi in India.

Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime

Come funzionerà il programma quadriennale multidisciplinare di laurea?

Questo passo, curiosamente, arriva sei anni dopo che l'Università di Delhi è stata costretta a cancellare un programma universitario di quattro anni per volere del governo in carica. Nell'ambito del programma quadriennale proposto nel nuovo NEP, gli studenti possono uscire dopo un anno con un certificato, dopo due anni con un diploma e dopo tre anni con una laurea.


quanto guadagna jason alexander

I programmi di laurea quadriennale generalmente includono una certa quantità di lavoro di ricerca e lo studente acquisirà una conoscenza più approfondita della materia in cui decide di specializzarsi. Dopo quattro anni, uno studente BA dovrebbe essere in grado di accedere a un programma di laurea di ricerca direttamente a seconda quanto bene si è comportato... Tuttavia, i corsi di laurea magistrale continueranno a funzionare come funzionano, a seguito dei quali lo studente può scegliere di proseguire per un programma di dottorato, ha affermato lo scienziato ed ex presidente dell'UGC VS Chauhan.

Come cambierà l'istruzione scolastica?

Che impatto avrà l'eliminazione del programma M Phil?

Chauhan ha affermato che ciò non dovrebbe influire affatto sulla traiettoria dell'istruzione superiore. Nel corso normale, dopo la laurea magistrale, lo studente può iscriversi a un corso di dottorato. Questa è la pratica corrente in quasi tutto il mondo. Nella maggior parte delle università, comprese quelle del Regno Unito (Oxford, Cambridge e altre), M Phil aveva un titolo di ricerca intermedio tra un master e un dottorato di ricerca. Coloro che sono entrati in MPhil, il più delle volte hanno concluso i loro studi con un dottorato di ricerca. I diplomi MPhil sono stati gradualmente eliminati a favore di un programma di dottorato diretto.

L'attenzione a più discipline non diluirà il carattere delle istituzioni a flusso unico, come gli IIT?

Gli IIT si stanno già muovendo in quella direzione. L'IIT-Delhi ha un dipartimento di scienze umane e di recente ha istituito un dipartimento per le politiche pubbliche. IIT-Kharagpur ha una scuola di scienza e tecnologia medica. Interrogato su più discipline, il direttore dell'IIT-Delhi, V Ramgopal Rao, ha affermato: “Alcune delle migliori università degli Stati Uniti, come il MIT, hanno dipartimenti umanistici molto validi. Prendi il caso di un ingegnere civile. Sapere come costruire una diga non risolverà un problema. Ha bisogno di conoscere l'impatto ambientale e sociale della costruzione della diga. Molti ingegneri stanno diventando anche imprenditori. Non dovrebbero sapere qualcosa di economia? Molti più fattori entrano in tutto ciò che riguarda l'ingegneria oggi.