Spiegato: stampare più denaro o non farlo - Potrebbe 2022

Con l'economia in stallo, non c'è abbastanza denaro sul mercato perché il governo possa prendere in prestito. Può chiedere alla RBI di stampare più denaro? Come funziona questo processo e quali sono gli argomenti contro di esso?

tasso dLe finanze del governo erano già troppo estese entrando in questa crisi, con il suo deficit fiscale (l'importo totale dei prestiti per colmare il divario tra le sue spese e le sue entrate) ben oltre il limite consentito. (Fonte: Bloomberg)

La diffusione del COVID-19 ha fatto sì che l'economia indiana, che stava già rallentando rapidamente negli ultimi due anni, si sia completamente bloccata. La maggior parte delle stime suggerisce che il PIL indiano (prodotto interno lordo) crescerà a malapena nell'anno finanziario in corso, ovvero se non si contrarrà come è probabile che accada nella maggior parte delle principali economie del mondo.

Qual è il motivo di questa caduta? Con un blocco nazionale, i redditi sono diminuiti e anche i livelli di consumo. In altre parole, la domanda di beni (diciamo una pizza o un'auto) e servizi (diciamo un taglio di capelli o una vacanza) nell'economia è diminuita.



Cosa si può fare per aumentare la domanda? La gente ha bisogno di soldi. Ma, naturalmente, chi darà loro i soldi. Dagli amministratori delegati di livello più alto ai lavoratori bloccati, i redditi hanno subito un duro colpo, se non completamente prosciugato.



Chi sta facendo cosa?

Da parte sua, la Reserve Bank of India (RBI) ha cercato di aumentare la liquidità nel sistema finanziario. Ha comprato titoli di stato dal sistema finanziario e lo ha lasciato con del denaro. La maggior parte delle banche, tuttavia, non è disposta a concedere nuovi prestiti poiché è avversa al rischio. Inoltre, questo processo potrebbe richiedere tempo.


patrimonio netto jacksepticeye 2018

Le finanze del governo erano già troppo estese entrando in questa crisi, con il suo deficit fiscale (l'importo totale dei prestiti per colmare il divario tra le sue spese e le sue entrate) ben oltre il limite consentito.



Fluttuazioni del debito del Regno Unito nell'arco di tre secoli. Nessun livello ideale di debito è scolpito nella pietra. clicca per ingrandire

Allo stato attuale delle cose, in circostanze normali, solo perché l'economia è in stallo e il governo non riceverà le sue entrate, si prevede che il deficit fiscale delle amministrazioni pubbliche (cioè del Centro più stati) salga fino a circa il 15% del PIL quando il limite consentito è solo del 6%.

Inoltre, se il governo dovesse fornire una sorta di pacchetto di salvataggio o soccorso, dovrebbe prendere in prestito una quantità enorme. Il deficit fiscale andrà alle stelle.

spiegato:Come COVID-19 sta danneggiando il tasso di cambio della rupia con altre valute



Inoltre, affinché il governo possa prendere in prestito il denaro, il mercato dovrebbe averlo come risparmio. I dati mostrano che i risparmi delle famiglie domestiche stanno vacillando e sono appena sufficienti per finanziare le attuali esigenze di prestito del governo. Anche gli investitori stranieri si sono ritirati e si sono precipitati verso economie più sicure come gli Stati Uniti e non sono disposti a concedere prestiti in tempi di tale incertezza.

Quindi non c'è abbastanza denaro sul mercato perché il governo possa prendere in prestito. Inoltre, poiché il governo prende più in prestito dal mercato, aumenta il tasso di interesse.

Pertanto, all'interno del normale quadro economico, le cose possono solo peggiorare prima di migliorare, e il processo di recupero potrebbe essere dolorosamente lento e pieno di difficoltà in cui i bambini non ricevono un'istruzione, gli affamati non ricevono pasti adeguati e così via.



Ma c'è una soluzione: la monetizzazione diretta del deficit pubblico.

Che cos'è la monetizzazione diretta del deficit?

Immagina uno scenario in cui il governo tratti direttamente con la RBI, aggirando il sistema finanziario, e gli chieda di stampare nuova valuta in cambio di nuove obbligazioni che il governo dà alla RBI. Ora, il governo avrebbe i soldi per spendere e alleviare lo stress nell'economia, attraverso trasferimenti diretti di benefici ai poveri o iniziando la costruzione di un ospedale o fornendo sussidi salariali ai lavoratori delle piccole e medie imprese, ecc.



Invece di stampare questo denaro, che è una passività per la RBI (ricorda che ogni banconota ha il Governatore della RBI che promette di pagare al portatore la somma designata di rupie), ottiene titoli di stato, che sono una risorsa per la RBI poiché tale le obbligazioni comportano la promessa del governo di restituire la somma designata a una data specificata. E poiché non ci si aspetta che il governo vada in default, la RBI viene classificata nel suo bilancio anche se il governo può continuare a riavviare l'economia.

Ciò è diverso dalla monetizzazione indiretta che RBI effettua quando effettua le cosiddette Open Market Operations (OMO) e/o acquista obbligazioni sul mercato secondario.

Lo stanno facendo altri Paesi per contrastare la crisi economica legata al COVID-19?

Sì. Nel Regno Unito il 9 aprile, la Banca d'Inghilterra ha esteso il meccanismo di monetizzazione diretta al governo del Regno Unito anche se Andrew Bailey, governatore della Banca d'Inghilterra, si è opposto alla mossa fino all'ultimo momento.

L'India ha mai fatto questo in passato?

Sì, fino al 1997 la RBI monetizzava automaticamente il deficit del governo. Tuttavia, la monetizzazione diretta del disavanzo pubblico ha i suoi svantaggi. Nel 1994, Manmohan Singh (ex governatore della RBI e poi ministro delle finanze) e C Rangarajan, allora governatore della RBI, decisero di porre fine a questa struttura entro il 1997.

Ora, però, anche Rangarajan crede che l'India dovrebbe ricorrere alla monetizzazione del deficit. La monetizzazione del deficit è inevitabile. Un così grande aumento della spesa non può essere gestito senza la monetizzazione del debito pubblico, ha affermato di recente.

Allora, perché il governo non chiede alla RBI di stampare nuova moneta?

La monetizzazione diretta del deficit è una questione molto controversa. Un altro ex governatore della RBI, D Subbarao, lo ha recentemente messo in guardia. Subbarao ha scritto sul Financial Times: Non c'è dubbio che l'India debba prendere in prestito e spendere di più in questa crisi; questo è un imperativo morale e politico. Ma New Delhi non dovrebbe dimenticare che la sua violenta crisi della bilancia dei pagamenti nel 1991, e una quasi crisi nel 2013, erano, in fondo, il risultato di un'estesa dissolutezza fiscale.

Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime

Quali sono i principali problemi con la monetizzazione diretta del disavanzo pubblico?

L'argomento principale contro di essa riguarda non tanto la sua iniziazione quanto la sua fine. Idealmente, questo strumento offre al governo l'opportunità di aumentare la domanda complessiva nel momento in cui la domanda privata è diminuita, come avviene oggi. Ma se i governi non escono abbastanza presto, questo strumento getta anche i semi per un'altra crisi.

Ecco come: la spesa pubblica che utilizza questo nuovo denaro aumenta i redditi e aumenta la domanda privata nell'economia. Quindi, alimenta l'inflazione. Un piccolo aumento dell'inflazione è salutare in quanto incoraggia l'attività commerciale. Ma se il governo non si ferma in tempo, sempre più soldi inondano il mercato e creano un'elevata inflazione. E poiché l'inflazione viene rivelata con un ritardo, spesso è troppo tardi prima che i governi si rendano conto di aver indebitato eccessivamente. L'aumento dell'inflazione e del debito pubblico forniscono motivi di instabilità macroeconomica, come menzionato da Subbarao.

A quale livello dovrebbe essere idealmente limitato il debito pubblico?

Sebbene nessun livello ideale di debito sia scolpito nella pietra (vedi grafico, che mostra come il debito pubblico nel Regno Unito ha oscillato per tre secoli), la maggior parte degli economisti ritiene che le economie in via di sviluppo come l'India non dovrebbero avere un debito superiore all'80%-90% del PIL. Attualmente, è circa il 70% del PIL in India.

Da non perdere Explained: come la RBI sta gestendo 'The Great Lockdown'

Dovrebbe impegnarsi per un importo predeterminato di prestiti aggiuntivi e per invertire l'azione una volta superata la crisi. Solo una tale restrizione fiscale esplicitamente affermata può mantenere la fiducia del mercato in un'economia emergente, ha scritto Subbarao.

L'altro argomento contro la monetizzazione diretta è che i governi sono considerati inefficienti e corrotti nelle loro scelte di spesa, ad esempio chi salvare e in che misura.