Spiegazione: L'ascesa e la caduta del K P Oli . del Nepal - Luglio 2022

Gli ultimi tre anni sono stati drammatici per Oli, dalla sua ascesa al potere con un mandato storico all'ordinanza della Corte Suprema del Nepal che ha concluso il suo incarico di Primo Ministro. Uno sguardo agli eventi che hanno portato alla sua rovina.

Dopo l'uscita di Oli (a sinistra), Sher Bahadur Deuba è subentrato come PM. (Archivio espresso)

Lunedì la Corte Suprema del Nepalripristinato il suo Parlamento, che il presidente Bidhya Devi Bhandari aveva sciolto a maggio su consiglio del primo ministro K P Sharma Oli , e le ha ordinato di nominare il rivale di Oli Sher Bahadur Deuba come nuovo primo ministro. Martedì Deuba ha prestato giuramento.

Per Oli, segna una caduta notevole quanto la sua ascesa al potere.



Mandato storico

Avevo il mandato, ma il mandamus della corte è andato a favore di Deuba, ha detto Oli nel suo discorso di addio.



Oli e i suoi alleati si erano assicurati una maggioranza di quasi due terzi in Parlamento nei sondaggi del 2018. Il suo trionfo è attribuito in gran parte al modo in cui si era opposto all'India durante il blocco economico di 134 giorni, poiché il Nepal si rifiutava di ritardare la promulgazione della Costituzione senza affrontare le preoccupazioni della popolazione nella regione del Terai.

Oli ha conquistato l'immagine di un nazionalista, soprattutto dopo essersi avvicinato alla Cina proponendo accordi commerciali e di transito per far fronte alla carenza di materie prime essenziali.



La maggioranza dei due terzi era condivisa da un'alleanza pre-sondaggio tra il Partito Comunista del Nepal-Marxista Leninista Unificato (UML) di Oli e il Partito Comunista del Nepal sotto l'ex leader maoista Pushpa Kamal Dahal Prachanda. I due partiti si sono successivamente fusi nel Partito Comunista del Nepal, un'impresa rara dopo 30 anni di instabilità politica. Oli e Prachanda hanno deciso di co-presiedere l'organizzazione del partito e Oli doveva consegnare la presidenza del primo ministro a Prachanda a metà del mandato di governo.

Anche in Spiegato| L'impatto dei talebani in Afghanistan sull'India

Cadere dalla grazia



Oli sapeva che la sua credibilità era al culmine. Come Primo Ministro, ha coniato uno slogan - Samriddha Nepal, Sukhi Nepali (Prosperous Nepal, Happy Nepalis) - promettendo un miglioramento del loro tenore di vita. Ci sarebbe connettività fluviale con l'India, con navi che facilitano il commercio e il transito in un paese senza sbocco sul mare. Ci sarebbe un sistema di distribuzione del gas da cucina distribuito a livello centrale e tolleranza zero nei confronti della corruzione, con anche individui potenti non risparmiati. Il governo non è riuscito a mantenere queste promesse.


patrimonio netto di james altucher

Contemporaneamente, Oli ha iniziato un altro esercizio, portando tutte le agenzie investigative, tra cui il Dipartimento investigativo nazionale e l'intelligence delle entrate, direttamente sotto l'ufficio del primo ministro. Ciò ha sollevato preoccupazioni tra i suoi avversari politici.

Quando Oli ha chiarito a Prachanda intorno alla scadenza che non era disposto a cedere la sedia del Primo Ministro come concordato, l'attrito che ha causato tra i leader dell'UML e il partito maoista alla fine ha portato il partito risultante dall'unione sull'orlo del divorzio.



A quel punto, le azioni di Oli avevano anche iniziato a turbare i suoi stessi compagni anziani dell'ex UML, poiché assegnava costantemente una serie di incarichi chiave, sia nel partito che nel governo, a un gruppo selezionato di suoi seguaci.

Prachanda ha ritirato i ministri del suo partito dal governo, si è allontanato dall'alleanza e, nel maggio 2021, ha finalmente ritirato il sostegno. Questo è stato un mese dopo che la Corte Suprema aveva annullato la fusione delle due parti.



Anche una sezione dell'UML si è unita a coloro che chiedevano la rimozione di Oli come primo ministro.

Due volte disciolto

La sua posizione si era già indebolita prima dello sciopero di Prachanda, Oli aveva sciolto bruscamente il Parlamento il 20 dicembre 2020 e aveva annunciato che le urne si sarebbero svolte entro sei mesi. Ha detto che il Parlamento stava ostacolando la consegna delle sue promesse e che andare per un nuovo mandato era il miglior modo per la democrazia. Oli non ha ascoltato gli avvertimenti, sia all'interno del suo partito che dall'opposizione, che la Costituzione limita tale mossa senza esplorare tutte le possibilità per un governo alternativo.

Un tribunale costituzionale della Corte suprema ha dichiarato nullo lo scioglimento del Parlamento il 23 febbraio 2021 e ha ordinato il ripristino del Parlamento. Ma una volta che il governo ha convocato una sessione del Parlamento, Oli ha iniziato a ripetere le sue lamentele su come il Parlamento stesse limitando le prestazioni di un governo legittimo.

Oli iniziò a evitare di tenere sessioni parlamentari e preferì governare per ordinanza, suscitando critiche dall'opposizione e dai dissidenti del suo partito. È in mezzo a tutto questo che Oli ha chiesto il voto di fiducia il 10 maggio di quest'anno, e solo 93 lo hanno sostenuto mentre 124 gli si sono opposti. Ma il presidente Bhandari lo ha riconfermato alla carica di cui all'articolo 76, paragrafo 3, della Costituzione tre giorni dopo, poiché era ancora il leader del partito unico più grande alla Camera. Ciò implicava che avrebbe cercato un altro voto di fiducia.

Il 21 maggio, il presidente ha chiesto a un candidato idoneo di rivendicare il posto di primo ministro entro le 17:00 del giorno successivo. Deuba, leader del Nepali Congress, ha presentato una lista di 149 parlamentari che costituiscono la maggioranza alla Camera (la cui forza effettiva era allora 271) ben entro la scadenza. Il sostegno di Deuba è arrivato da vari parlamentari: NC, il partito di Prachanda, una fazione del Samajbadi Janata Party e 26 parlamentari dissidenti dell'UML guidato da Oli.

Lo stesso Oli ha presentato una lista in cui rivendicava il sostegno di 153 membri, sulla base di lettere di leader di vari partiti che suggerivano che i parlamentari fossero vincolati da scudi di partito che non potevano sfidare. Bhandari ha respinto entrambe le richieste, ha sciolto ancora una volta il Parlamento su raccomandazione di Oli e lo ha nominato presidente del Consiglio fino alle elezioni (annunciate per novembre) senza menzionare la parola custode.

Poliziotti nepalesi fanno la guardia mentre i sostenitori del primo ministro Khadga Prasad Oli protestano dopo l'ordine della Corte Suprema, a Kathmandu, Nepal, lunedì 12 luglio 2021. (AP Photo/Niranjan Shrestha)

Ben 146 parlamentari sostenitori di Deuba, anche dell'UML, hanno quindi depositato una petizione congiunta in Cassazione, che lunedì ha annullato lo scioglimento della Camera, la nomina di Oli a presidente del Consiglio e, di riflesso, le elezioni previste per novembre. La cosa più umiliante per Oli è stata il fatto che la Corte Suprema abbia chiesto anche la nomina di Deuba a Primo Ministro.

Il presidente Bhandari ha scelto di non citare l'articolo della Costituzione in base al quale Deuba veniva nominato Primo Ministro. Ha semplicemente detto che è stato nominato secondo il verdetto della Corte Suprema.

Le azioni del presidente Bhandari hanno suscitato critiche e scrutinio. La Corte Suprema, nel suo verdetto, ha osservato che la sua azione andava contro il suo precedente verdetto che annullava il primo scioglimento. Oli e il presidente Bhandari si sarebbero incontrati quasi tutti i giorni, con discussioni mai divulgate.

Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta


patrimonio netto di bob barker

Incertezza avanti

Nonostante Deuba abbia prestato giuramento, permane l'incertezza sul voto di fiducia che dovrà affrontare. Molti credono che potrebbe perdere il sostegno dei dissidenti dell'UML, che si dice stiano valutando l'unificazione del loro partito prima che lui cerchi il voto di fiducia. Anche se perde il voto, ciò implicherà che non ci sono opzioni per la formazione di un governo alternativo, il che a sua volta potrebbe significare che Deuba continuerà a guidare un governo provvisorio.

Resta anche da vedere se i parlamentari presenteranno una mozione di impeachment contro il presidente Bhandari, visto che l'opposizione non ha la necessaria maggioranza dei due terzi alla Camera.

Per Oli, il suo ultimo mandato come Primo Ministro è stato il più glorioso, eppure si è concluso con una totale umiliazione.

Ciò che tutti questi eventi hanno dimostrato è che il sistema previsto dalla Costituzione del Nepal, vecchia di sei anni, può crollare facilmente, lasciando il Paese senza alternative. Ciò potrebbe portare a più caos, costringendo le persone a cercare una nuova leadership del tutto.