Spiegato: la battaglia della Corea del Sud tra chiese e stato su Covid-19 - Gennaio 2022

Le notizie suggeriscono che questa seconda ondata si è verificata in parte a causa di uno scontro tra la politica sanitaria del presidente sudcoreano Moon Jae-in e i gruppi ecclesiali conservatori che si oppongono a queste misure politiche.

Corea del Sud, coronavirus della Corea del Sud, casi di covid della Corea del Sud, epidemia di covid della Corea del Sud, seconda ondata di covid della Corea del Sud, chiese della Corea del Sud, Explained Global, Express Explained, Indian ExpressUn funzionario pubblico disinfetta come precauzione contro il coronavirus presso la Yoido Full Gospel Church a Seoul, Corea del Sud, venerdì 21 agosto 2020. (AP Photo/Ahn Young-joon)

Per mesi, la Corea del Sud è stata tra le poche nazioni che sembrava essere riuscita a controllare l'epidemia di COVID-19, utilizzando un modello che mantenesse la sua economia in funzione e non comportasse il blocco delle sue città più grandi o la chiusura dell'accesso ai suoi confini. , come osservato altrove nel mondo. La Corea del Sud è stata vista come un esempio di come contenere con successo il virus.

La Corea del Sud è riuscita a controllare la diffusione di un focolaio più ampio in parte grazie alla ricerca aggressiva dei contatti, ai test e all'applicazione di mascherine obbligatorie, programmi governativi che erano stati ampiamente accettati dai residenti come misure necessarie per combattere il coronavirus.



A metà agosto, tuttavia, il paese ha iniziato a testimoniare l'inizio della sua seconda ondata di infezioni con numeri registrati a tre cifre. Le notizie suggeriscono che questa seconda ondata si è verificata in parte a causa di uno scontro tra la politica sanitaria del presidente sudcoreano Moon Jae-in e i gruppi ecclesiali conservatori che si oppongono a queste misure politiche. Sebbene ci siano stati diversi gruppi di infezioni da gennaio, i più grandi sono stati ricondotti ad alcune delle più grandi chiese e manifestazioni antigovernative del paese che si sono svolte in violazione delle normative sanitarie in vigore. Tuttavia, per alcuni, la lotta tra queste chiese e le normative sanitarie del governo è diventata una questione che coinvolge anche le libertà religiose e civili.



Perché le chiese si oppongono alle normative sanitarie Covid-19 della Corea del Sud?

Il primo caso noto di infezione da coronavirus legato alle chiese in Corea del Sud può essere fatto risalire a febbraio, quando una donna di 61 anni è diventata la prima congregata della Chiesa di Gesù di Shincheonji, nella città di Daegu, a risultare positiva. Non è chiaro come sia stata infettata, ma entro due giorni dal suo risultato positivo, anche altre 15 persone collegate alla chiesa di Shincheonji sono risultate positive. Nel giro di un mese, migliaia di persone che erano venute in contatto con i membri della chiesa sono risultate positive al Covid-19 e nuovi gruppi di infezioni con legami con la chiesa e i fedeli hanno iniziato a comparire in tutta la Corea del Sud.

In poco più di un mese, a marzo, più della metà delle infezioni totali della Corea del Sud erano collegate a questa particolare chiesa, con il più grande cluster rintracciato a Daegu.



Il governo sudcoreano ha iniziato a vietare i grandi raduni, chiudendo scuole, uffici e luoghi pubblici e rendendo obbligatorie le maschere per il viso nel tentativo di frenare la diffusione delle infezioni.

Mentre si diffondeva la notizia che la chiesa di Shincheonji era la fonte di nuovi cluster di infezione, aumentavano le chiamate pubbliche in Corea del Sud, chiedendo l'intervento del governo per sciogliere l'organizzazione.

La controversia non è nuova per questa chiesa segreta. Per anni, l'organizzazione ha affrontato critiche per i suoi metodi di reclutamento subdoli e segreti e con il coronavirus, le critiche sono solo cresciute. La chiesa e i suoi sostenitori hanno respinto le critiche e hanno affermato di essere usati come capri espiatori dalla cattiva gestione della pandemia da parte del governo e dalla chiusura delle chiese e metodi aggressivi di tracciamento dei contratti vengono utilizzati per cacciare e perseguitare i membri della chiesa in ciò che considerano una violazione della libertà religiosa.



Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime

Ci sono altre chiese coinvolte?

Per la prima volta da marzo, la Corea del Sud ha segnalato circa 279 nuovi casi di Covid-19 a metà agosto, con un numero simile di infezioni registrate in giorni consecutivi. L'agenzia di stampa sudcoreana Yonhap ha riferito che almeno 300 nuovi casi sono stati collegati alla chiesa di Sarang Jeil, secondo il governo metropolitano di Seoul.

Questo nuovo gruppo ha portato alla rabbia pubblica contro la chiesa, simile a quanto osservato mesi fa nel caso della chiesa Shincheonji, con 200.000 sudcoreani che hanno firmato una petizione online, chiedendo la detenzione del pastore capo di Sarang Jeil, Rev Jun Kwang-hoon.



Secondo un rapporto di Reuters, le infezioni sono state registrate per la prima volta tra i membri della chiesa il 12 agosto, a seguito della quale il pastore capo e altri membri della chiesa hanno violato le regole del governo partecipando a una manifestazione antigovernativa di massa nel centro di Seoul il 15 agosto. Dopo aver parlato alla manifestazione , Jun è risultato positivo al Covid-19, insieme ad altri 739 membri della chiesa.

Qual è il conflitto tra le chiese e il governo della Corea del Sud?

Il reverendo Jun Kwang-hoon, pastore di destra, è stato un critico vocale del presidente Moon Jae-in, in particolare delle sue politiche nei confronti della Corea del Nord. Jun, che è attualmente rilasciato su cauzione per accuse elettorali, ha anche ripetutamente violato gli ordini sanitari in vigore in Corea del Sud. Alla manifestazione affollata a Seoul a metà agosto, i sostenitori di Jun sono stati coinvolti in un alterco e in una disputa con la polizia che stava cercando di far rispettare gli ordini di salute pubblica e distanziamento fisico.



Quando il governo sudcoreano aveva cercato di imporre il tracciamento dei contatti in seguito alla scoperta del primo cluster relativo allo Shincheonji, erano iniziate le notizie locali secondo cui le autorità ecclesiastiche si erano rifiutate di collaborare con le autorità governative non fornendo un elenco completo dei loro membri della chiesa. Ci sono state accuse alla chiesa di fornire nomi e indirizzi falsi, rendendo più difficile l'applicazione dei protocolli di salute pubblica.


patrimonio netto di kevin hart celebrity

Ad agosto, il capo della chiesa di Shincheonji, Lee Man-hee, è stato arrestato perché nascondeva informazioni sui membri e sui raduni della chiesa. La chiesa nega queste accuse e afferma che l'organizzazione ei suoi membri sono stati presi di mira ingiustamente.

I membri della chiesa di Sarang Jeil affermano che il suo leader e i suoi membri sono stati deliberatamente presi di mira in una caccia alle streghe religiosa per le loro opinioni politiche e per essere critici vocali nei confronti del presidente sudcoreano.

Dallo scoppio del virus e dall'aumento del numero di contagi, il governo sudcoreano ha limitato le riunioni al chiuso a 50 persone e le riunioni all'aperto a 100 persone, e il governo afferma che questi gruppi ecclesiali hanno violato le norme sulla salute pubblica.