Spiegato: qual è l'entità della crisi dell'ossigeno in India e quali sono le soluzioni - Ottobre 2022

A causa delle carenze in diversi stati, il Centro ha pianificato l'importazione di 50.000 tonnellate di ossigeno medico. Quali stati sono i più colpiti, perché i trasporti sono difficili e qual è la strada da percorrere?

I clienti di un negozio che vende bombole di ossigeno medico a Lucknow venerdì. (Foto espresso: Vishal Srivastav)

Mentre l'India tocca 16 lakh di infezioni da Covid-19 attive, un certo numero di stati ha segnalato carenze di ossigeno medico per un numero crescente di pazienti che necessitano di supporto di ossigeno. L'India prevede di importare 50.000 tonnellate di ossigeno medico per soddisfare la crescente domanda. Il Ministero della salute e del benessere familiare è stato incaricato di indire una gara per l'importazione.



Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta

Quali sono gli stati più colpiti?





Il consumo di ossigeno medico nel Maharashtra ha raggiunto la piena capacità produttiva dello stato di 1.250 tonnellate. Lo stato ha 6,38 lakh di casi attivi di Covid-19 e circa il 10% di loro - circa 60.000-65.000 - sono in supporto di ossigeno, il più alto per qualsiasi stato. Il Maharashtra prende inoltre ogni giorno 50 tonnellate dal Chhattisgarh e altre 50 tonnellate dal Gujarat. È inoltre previsto che riceverà 100 tonnellate dallo stabilimento di Reliance a Jamnagar, nel Gujarat.

Il Madhya Pradesh, con 59.193 pazienti attivi al 16 aprile, richiede 250 tonnellate al giorno. Lo stato non ha un proprio impianto di produzione e fa affidamento su Gujarat, Chhattisgarh e Uttar Pradesh per la fornitura di ossigeno. Con l'aumento dei casi negli stati vicini, MP sta valutando la possibilità che le forniture da lì si esauriscano. Il fabbisogno del Gujarat ha superato le 500 tonnellate al giorno per oltre 49.737 casi attivi di Covid-19.



L'Empowered Group-2 nominato dal Centro, formato per monitorare la fornitura di attrezzature mediche essenziali durante la pandemia, si è concentrato su 12 stati ad alto carico: Maharashtra, MP, Gujarat, Rajasthan Karnataka, UP, Delhi, Chhattisgarh, Kerala, Tamil Nadu, Punjab e Haryana — dove il fabbisogno di ossigeno è previsto per le riprese nei prossimi giorni. Oltre 17.000 tonnellate di ossigeno saranno dirette in tre lotti dagli stati che hanno ossigeno in eccesso a questi 12 stati per soddisfare la domanda prevista.

Il problema è acuto nelle aree rurali, che stanno attraversando un aumento dei casi di Covid-19 ma non hanno grandi cisterne di stoccaggio, e nelle case di cura più piccole, che fanno affidamento sulla fornitura giornaliera di bombole di ossigeno.



Quanto ossigeno viene prodotto, dove e quali sono i vincoli sull'approvvigionamento?

L'ossigeno trova applicazioni nell'industria siderurgica, negli ospedali, nelle unità farmaceutiche che producono fiale e nell'industria del vetro. Attualmente, la maggior parte degli stati ha deviato l'intera produzione di ossigeno per uso medico.



Gli esperti del settore hanno affermato che l'India ha la capacità di produrre più di 7.000 tonnellate di ossigeno medico. I principali produttori sono Inox Air Products, Linde India, Goyal MG Gases Pvt Ltd, National Oxygen Limited. La più grande di queste, Inox, produce 2000 tonnellate al giorno. Attualmente stiamo contribuendo al 60% del fabbisogno totale di ossigeno medico nel paese. Abbiamo interrotto la produzione di azoto e gas argon e deviato tutte le risorse per la produzione di ossigeno, ha affermato un funzionario Inox.

Durante la prima ondata della pandemia dello scorso anno, anche ai produttori più piccoli che producevano ossigeno industriale è stato permesso di produrre ossigeno medico modificando determinate specifiche. Ciò ha contribuito ad espandere la capacità di produzione di ossigeno medico.



I produttori preparano ossigeno liquido con una purezza del 99,5%, che viene immagazzinato in cisterne jumbo e trasportato ai distributori in cisterne criogeniche a una temperatura specificata. A livello di distributore, viene seguito un processo di rigassificazione per convertire l'ossigeno in forma gassosa e riempirlo in cilindri jumbo e cilindri di dura. Questi cilindri poi vanno a fornitori più piccoli o direttamente agli ospedali. Il problema è che la domanda è alta, ma non ci sono abbastanza bombole e cisterne per immagazzinare e trasportare ossigeno, ha affermato un esperto del settore.

Non è possibile creare immediatamente nuovi impianti di produzione di ossigeno o ampliare quelli esistenti. Nell'ultimo anno, Inox ha avviato due stabilimenti nel Bengala occidentale e in UP per produrre rispettivamente 200 e 150 tonnellate di ossigeno al giorno. Il processo di installazione di un impianto ha richiesto 24 mesi. Un funzionario Inox ha detto che hanno piani per più impianti in MP, UP, Tamil Nadu e Bengala occidentale, ma non risolveranno la crisi immediata.



Quali sono gli ostacoli nel trasporto?

L'India non ha abbastanza autocisterne criogeniche per garantire il trasporto su strada 24×7 di ossigeno medico. Ora, quando l'ossigeno viene trasportato da uno stato all'altro, il tempo di viaggio necessario dal produttore al letto del paziente è aumentato da 3-5 giorni a 6-8 giorni. Più piccolo è un ospedale o più remota è la sua posizione, più lungo è il tempo impiegato dall'ossigeno per raggiungerlo.

I fornitori più piccoli si sono anche lamentati di non avere abbastanza cilindri jumbo e dura per mantenere il flusso costante.


quanto guadagna Kenan Thompson per episodio

L'aumento dei costi per il trasporto e la logistica ha aumentato il costo della ricarica delle bombole. Una bombola che in precedenza costava Rs 100-150 per la ricarica, ora costa Rs 500-2000.

ISCRIVITI ADESSO :Il canale Telegram spiegato Express

Qual è la via da seguire?

Di solito, 20 pazienti su 100 diventano sintomatici e tre di loro sono critici. La piscina che può richiedere ossigeno varia da 10-15 per 100 pazienti. Tra le soluzioni in corso di elaborazione o proposte:

Il Gruppo Empowered prevede di identificare 100 ospedali in aree remote per installare impianti di assorbimento dell'oscillazione di pressione (PSA), in grado di produrre il proprio ossigeno e rendere gli ospedali autosufficienti. Ciò ridurrà i costi di trasporto e i ritardi nella fornitura di ossigeno alle parti remote. Altri 162 impianti PSA sono in fase di completamento.

Gli ospedali stanno allestendo enormi serbatoi di stoccaggio per immagazzinare forniture che possono durare almeno 10 giorni. Nell'ultimo anno, diversi ospedali civili hanno allestito tali jumbo tanker per evitare la loro quotidiana attesa di bombole.

Gli esperti del settore in MP hanno affermato che intendono utilizzare i treni per trasportare l'ossigeno più velocemente invece di dipendere esclusivamente dal trasporto su strada tradizionale. Il primo ministro del Maharashtra Uddhav Thackeray ha suggerito il trasporto aereo di rifornimento di ossigeno da uno stato all'altro.

Le scorte di ossigeno in eccesso dagli impianti siderurgici sono state dirottate per uso medico. L'Empowered Group-2 ha anche deciso che le autocisterne di argon e azoto vengano dirottate per il trasporto di ossigeno. Per questo, l'Organizzazione per il petrolio e la sicurezza ha emesso ordini. Il Gruppo ha inoltre consigliato l'utilizzo di bombole industriali per la ricarica.

Il Ministero della Salute ha più volte messo in guardia contro lo spreco di ossigeno e l'uso non necessario. Esperti industriali hanno sollevato preoccupazioni per possibili perdite nelle condutture ospedaliere che forniscono ossigeno. L'anno scorso, un comitato di esperti del Ministero della Salute ha fissato la fornitura di ossigeno a 40 litri nelle unità di terapia intensiva ea 15 litri nei reparti normali per paziente al minuto. Ha consigliato il monitoraggio quotidiano dei pazienti con supporto di ossigeno e che solo quelli con livelli di saturazione di ossigeno inferiori al 94% siano sottoposti a supporto di ossigeno.