Spiegazione: cos'è l'intervallo seriale e come può essere gestito per controllare il Covid-19? - Gennaio 2022

Un recente documento di ricerca pubblicato sulla rivista Science ha affermato che la Cina è stata in grado di contenere il Covid-19 grazie alla sua capacità di gestire l'intervallo seriale.

Mercoledì un operatore sanitario preleva un campione di tampone alla Mohalla Clinic di Nuova Delhi (foto Express di Praveen Khanna)

Dall'epidemia di Covid-19, c'è stata una pandemia di termini epidemiologici che ora sono diventati comuni. Un recente documento di ricerca pubblicato sulla rivista Science, scritto da Benjamin Cowling e altri ricercatori dell'Università di Hong Kong, ha affermato che la Cina, che è ormai da più di un mese senza casi di Covid-19 trasmessi localmente, è stata in grado dicontenere Covid-19 grazie alla sua capacità di gestire l'intervallo seriale. Che cos'è l'intervallo seriale? Come può essere gestito per controllare il Covid-19? Quali misure ha adottato la Cina per gestire l'intervallo seriale? Spieghiamo.

Che cos'è l'intervallo seriale?

L'intervallo seriale è la durata tra l'insorgenza dei sintomi di un caso primario e l'insorgenza dei sintomi dei casi secondari (contatti) generati dal caso primario. In termini semplici, l'intervallo seriale è il divario tra l'insorgenza dei sintomi di Covid-19 nella persona A e la persona B, che è infettata dalla persona A.



Il termine fu usato per la prima volta dal medico britannico William Pickles, che inizialmente lo aveva chiamato intervallo di trasmissione con riferimento a un'epidemia di epatite nel Regno Unito durante il 1942-45. Più tardi, un altro medico britannico RE Hope Simpson ha usato il termine intervallo seriale, definendolo come l'intervallo tra le successive insorgenze della malattia.




biografia di john byner

I ricercatori, nel loro articolo intitolato L'intervallo seriale di SARS-CoV-2 è stato accorciato nel tempo da interventi non farmaceutici, hanno spiegato che l'intervallo seriale dipende da altri parametri epidemiologici come il periodo di incubazione, che è il tempo tra l'esposizione di una persona a l'insorgenza del virus e dei sintomi e il tasso di riproduzione o R naught, il numero di persone che saranno infettate da una persona infetta.

Spiegato |Il nazionalismo dei vaccini e come influisce sulla lotta al Covid-19




patrimonio netto di travis scott

Cosa indicano i cambiamenti nell'intervallo seriale?

L'intervallo seriale aiuta a misurare l'efficacia degli interventi di controllo delle infezioni oltre a indicare l'aumento dell'immunità della popolazione e prevedere l'incidenza futura. Pertanto, più rapidamente vengono identificate e isolate le persone che hanno contratto il Covid-19, più breve diventa l'intervallo seriale e riduce le opportunità di trasmissione del virus. Per gestire l'intervallo seriale, dovrebbe essere in atto un solido sistema di tracciamento dei contatti, quarantena e protocolli di isolamento.

In che modo Cina e Corea del Sud hanno gestito l'intervallo seriale?

Nel documento, i ricercatori hanno scoperto che l'intervallo seriale a Wuhan è sceso da 7,8 giorni a 2,6 giorni tra l'inizio di gennaio e l'inizio di febbraio. I contatti in quarantena entro 1 giorno dall'insorgenza dei sintomi hanno contribuito a ridurre la trasmissione di Covid-19 del 60%, hanno affermato i ricercatori.


patrimonio netto di kayla itsines

Ciò, suggeriscono i ricercatori, è stato reso possibile grazie al tracciamento aggressivo dei contatti, alla quarantena e all'isolamento, garantendo così che i pazienti infetti, poiché erano isolati, non potessero infettare altre persone più avanti nel ciclo di infezione. Il rapporto ha anche menzionato che interventi come la sospensione dei viaggi intra e interurbani e diverse forme diriduzione dei contattiampiamente implementato in diverse città cinesi ha mantenuto basso l'intervallo seriale.



Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime

Allo stesso modo, uno studio separato condotto da ricercatori di Zurigo e Seoul, pubblicato sull'International Journal of Infectious Diseases, ha scoperto che l'intervallo seriale in Corea del Sud, un altro paese la cui risposta al Covid-19 è stata propagandata come una storia di successo, è stato stimato in 3,63. giorni, accreditando l'efficacia degli intensi sforzi di ricerca dei contatti del paese.