Spiegato: Perché il ciclone Fani in Odisha è una tempesta insolita - Luglio 2022

Una potente tempesta ciclonica si dirige verso l'Odisha. I cicloni che emergono sul Golfo del Bengala in aprile-maggio sono generalmente più deboli e spesso deviano dalla costa orientale dell'India. Cosa spiega la forza e il percorso insoliti di Fani?

Spiegato: Perché il ciclone Fani in Odisha è una tempesta insolitaLe nuvole incombono davanti al ciclone Fani a Visakhapatnam il 1° maggio 2019. (Foto Reuters)

Una potente tempesta ciclonica di nome Fani (pronunciato Foni) si sta dirigendo verso la costa dell'Odisha, con il suo approdo previsto vicino a Puri venerdì. Previsto per generare tempeste con velocità del vento fino a 200 km all'ora, ha il potenziale per causare danni estesi nell'Odisha e negli stati vicini. L'ultima volta che una tempesta ciclonica così potente era emersa nel Golfo del Bengala in questo periodo dell'anno, nel 2008, aveva ucciso più di 1,25 lakh di persone in Myanmar. Ma ciò era principalmente dovuto alla mancanza di un sofisticato sistema di allarme e di una sufficiente preparazione logistica per evacuare le persone.

Segui gli aggiornamenti in tempo reale sul ciclone Fani in Odisha



Fani, d'altra parte, è stata costantemente monitorata da quando si è sviluppata a sud-est dello Sri Lanka circa una settimana fa, sono stati emessi avvisi ogni poche ore ai pescatori e alle persone che vivono nelle regioni costiere ed è stata organizzata una massiccia preparazione alle emergenze. Negli ultimi anni, l'India ha gestito in modo impressionante i disastri causati dai cicloni, in particolare durante il ciclone Phailin del 2013, che è stato persino più forte dell'imminente Fani.



Ciclone Fani, l'outlier

La costa orientale dell'India non è estranea ai cicloni. In media, ogni anno si verificano da cinque a sei tempeste cicloniche significative nella regione del Golfo del Bengala. I mesi di aprile e maggio appena prima dell'inizio del monsone, e poi da ottobre a dicembre subito dopo la fine del monsone, sono le stagioni migliori per i cicloni tropicali.

Eppure Fani è un po' anomalo, soprattutto per la sua forza e per il percorso che ha preso. I cicloni che emergono in aprile-maggio di solito sono molto più deboli di quelli di ottobre-dicembre. Ci sono stati solo 14 casi di un grave ciclone che si è formato nella regione del Golfo del Bengala ad aprile dal 1891 e solo uno di questi, formatosi nel 1956, ha toccato la terraferma indiana. Gli altri hanno deviato tutti a nord-est per colpire il Bangladesh, il Myanmar o altri paesi della regione del sud-est asiatico. Dal 1990 ad aprile si sono verificati solo quattro cicloni di questo tipo.



Leggi anche | Il tempio di Jagannath di Puri sostituisce la bandiera per suonare l'allarme: Fani in arrivo, preparati all'impatto


patrimonio netto di j-hope

Spiegato: Perché il ciclone Fani in Odisha è una tempesta insolitaClicca sull'immagine per ingrandirla

Fani non è solo un ciclone severo, ma un ciclone estremamente severo. I cicloni tropicali nel Golfo del Bengala sono classificati in base alla velocità massima del vento al loro centro. All'estremità inferiore ci sono depressioni che generano velocità del vento da 30 a 60 km all'ora, seguite da tempeste cicloniche (da 61 a 88 km/h), forti tempeste cicloniche (da 89 a 117 km/h) e tempeste cicloniche molto intense (da 118 a 166 km/h). In cima ci sono tempeste cicloniche estremamente gravi (da 167 a 221 km/h) e super cicloni (222 km/h o più).

Fani è, quindi, insolito, e ciò è dovuto principalmente al luogo in cui ha avuto origine, molto vicino all'Equatore, e al lungo percorso che ha percorso per raggiungere la massa continentale.



Rafforzare oltre i mari

I cicloni si formano su acque oceaniche leggermente calde. La temperatura dello strato superficiale del mare, fino a una profondità di circa 60 metri, deve essere di almeno 28°C per favorire la formazione di un ciclone. Questo spiega perché i periodi aprile-maggio e ottobre-dicembre sono favorevoli ai cicloni. Quindi, il basso livello dell'aria sopra le acque deve avere una rotazione 'antioraria' (nell'emisfero settentrionale; in senso orario nell'emisfero meridionale). Durante questi periodi, esiste una zona nella regione del Golfo del Bengala (chiamata zona di convergenza intertropicale che cambia con le stagioni) il cui confine meridionale è soggetto a venti da ovest a est, mentre il confine settentrionale ha venti che fluiscono da est a ovest. Ciò induce la rotazione antioraria dell'aria.


quanto vale Hugh Laurie

Una volta formati, i cicloni in quest'area di solito si spostano a nord-ovest. Mentre viaggia sul mare, il ciclone raccoglie più aria umida dal mare caldo e aumenta il suo peso.

Una regola pratica per i cicloni (o uragani e tifoni come vengono chiamati negli Stati Uniti e in Giappone) è che più tempo trascorrono sui mari, più diventano forti. Gli uragani intorno agli Stati Uniti, che hanno origine nel vasto Oceano Pacifico, di solito sono molto più forti dei cicloni tropicali nel Golfo del Bengala, una regione relativamente stretta e chiusa. I cicloni che hanno origine qui, dopo aver colpito la massa continentale, decadono rapidamente a causa dell'attrito e dell'assenza di umidità.



Spiegato: Perché il ciclone Fani è una tempesta insolitaLunedì i pescatori in Odisha. (Foto PTI)

Ciclone Fani in Odisha: origini in situ

Una grande differenza tra i punti di forza dei cicloni in aprile-maggio e ottobre-dicembre è che i primi hanno origine in situ nel Golfo del Bengala stesso, a poche centinaia di chilometri dalla massa continentale. D'altro canto, i cicloni di ottobre-dicembre sono solitamente resti di sistemi ciclonici che emergono nell'Oceano Pacifico, ma riescono a raggiungere il Golfo del Bengala, notevolmente indebolito dopo aver attraversato la massa continentale del sud-est asiatico vicino al Mar Cinese Meridionale. Questi sistemi hanno già una certa energia e acquistano slancio mentre attraversano il Golfo del Bengala.

Aprile-maggio non è la stagione dei tifoni nell'Oceano Pacifico occidentale. La maggior parte dei tifoni nel Pacifico occidentale nell'emisfero settentrionale si formano tra giugno e novembre. Ecco perché quasi tutti i cicloni nel Golfo del Bengala nel periodo aprile-maggio sono sistemi in situ, ha affermato PV Joseph, ex direttore del Dipartimento meteorologico indiano.



Come il ciclone Fani ha fatto crescere i muscoli

I sistemi ciclonici in situ nel Golfo del Bengala di solito hanno origine intorno ai 10° di latitudine, in linea con Chennai o Thiruvananthapuram. Fani, d'altra parte, ha avuto origine abbastanza vicino all'Equatore, intorno ai 2° di latitudine, ben al di sotto della massa continentale dello Sri Lanka. L'approdo previsto sulla costa dell'Odisha è a una latitudine di quasi 20°. Ha attraversato molto il mare, guadagnando così una forza insolita per i cicloni originari del Golfo del Bengala in questa stagione.

Inizialmente era diretto a nord-ovest, verso la costa del Tamil Nadu, ma ha cambiato rotta a metà strada e ha deviato a nord-est lontano dalla costa per raggiungere l'Odisha. Questo gli ha dato ancora più tempo sul mare.

Se fosse rimasto sul suo corso originale e fosse atterrato sulla costa del Tamil Nadu, Fani sarebbe stato solo un normale ciclone, non il ciclone estremamente severo che è ora. Il ricurvo che ha preso gli ha dato più tempo sul mare e ha assicurato che ha acquisito una forza insolita, ha detto il meteorologo UC Mohanty di IIT Bhubaneswar.