Come Jairam Ramesh delinea il significato di 'La luce dell'Asia' - Ottobre 2022

Nel suo nuovo libro, il politico Ramesh presenta una biografia profonda e profondamente coinvolgente dell'influente libro di Edwin Arnold sulla vita del Buddha

Buddha ShakyamuniCosa ha insegnato il Buddha: un dipinto Thangka del XVIII secolo del Buddha Shakyamuni (Fonte: wikimedia commons)

Jairam Ramesh è un noto autore di libri sulla politica, i politici e gli affari internazionali indiani. Sebbene The Light of Asia si discosti in modo significativo dai suoi precedenti scritti tematicamente, conserva l'abbraccio caratteristico di Ramesh per la ricerca d'archivio e il suo zelo per la narrazione. La storia che racconta questa volta non riguarda una persona o un evento, ma riguarda la vita globale di un affascinante libro del poliglotta inglese del XIX secolo Edwin Arnold (1834-1904), intitolato La luce dell'Asia o La grande rinuncia (Mahabhinishkramana) Essere la vita e l'insegnamento di Gautama: principe dell'India e fondatore del buddismo. L'ultima pubblicazione di Ramesh è una biografia di questo libro immensamente influente.



Pubblicato nel luglio 1879, il racconto di Arnold sulla vita del Buddha è un poema epico scritto in versi sciolti, cioè poesia scritta con linee metriche regolari ma non rimate. Intrecciando in modo intricato le varie fasi della vita del Buddha: il suo concepimento, le sue esperienze mondane nel palazzo di suo padre, le quattro visioni che lo hanno portato a rinunciare agli attaccamenti familiari e ai lussi della vita di palazzo, le tentazioni sensuali create da Mara mentre meditava nella foresta , il raggiungimento dell'illuminazione sotto l'albero della Bodhi, i suoi insegnamenti sulle Quattro Nobili Verità e l'Ottuplice Sentiero e la cessazione finale della sua vita - la biografia di Arnold divenne rapidamente popolare tra intellettuali indiani e stranieri, premi Nobel e politici, inclusi sia Mahatma Gandhi e Winston Churchill tra i suoi ammiratori. È stato tradotto in diverse lingue indiane ed europee, rappresentato nei teatri e trasformato in film. Per chi non ha familiarità con il lavoro di Arnold, consiglio l'edizione del 1885 splendidamente illustrata pubblicata da JR Osgood & Co. a Boston, che è disponibile gratuitamente online.

Copertina del libro La luce dellLa luce dell'Asia: il poema che definì il Buddha di Jairam Ramesh, Penguin Random House, 448 pagine; 799 rupie

L'obiettivo di Ramesh non è analizzare la biografia del Buddha, né esplorare il merito letterario dei versi sciolti di Arnold. Il suo compito è piuttosto quello di illuminarci su Arnold e sulla storia e sui vari intrecci di The Light of Asia. Il risultato è uno studio accattivante di un uomo che si definiva uno che amava l'India e i popoli indiani e la sua opera più famosa, nonché l'impatto che i due hanno avuto su una sfilza di personaggi famosi in tutto il mondo e su uno dei più importanti luoghi di pellegrinaggio buddista. Il libro di Ramesh è una lettura deliziosa, essendo eccezionalmente educativo e straordinariamente impressionante per quanto riguarda il suo lavoro di ricerca e investigazione.





The Light of Asia di Ramesh è diviso in quattro sezioni. La prima sezione copre tre fasi della vita di Edwin Arnold prima del 1879; la seconda è una storia intrecciata di Arnold e del suo The Light of Asia mentre i due viaggiavano in tutto il mondo; la terza tratta dell'aldilà di The Light of Asia dopo la morte di Arnold; e la breve sezione finale narra i casi curiosi della traduzione di Arnold di un versetto di una santa e principessa del Kashmir di nome Lallesvari, e la scoperta dei nipoti di Arnold, le loro connessioni con il subcontinente indiano e il fatto che avevano abbracciato diverse religioni. Il libro di Ramesh si conclude con A Final Word, in cui sottolinea il fascino duraturo di The Light of Asia e la straordinaria vita e contributi del suo autore, che, secondo Ramesh, era un uomo del suo tempo, saldamente ancorato alla società tardo vittoriana, un imperialista britannico per antonomasia ma profondamente innamorato di altre culture, in particolare dell'India e, verso la fine della sua caleidoscopica vita, anche giapponese.


quanto vale Eddie Vanhalen

Studente di lettere classiche all'Università di Oxford, l'amore di Arnold per l'India iniziò alla fine del 1857, quando accettò la posizione di preside del Poona College (ora Deccan College). Durante il suo soggiorno di due anni a Poona, Arnold ha imparato il sanscrito, ha iniziato a tradurre testi indiani e ha difeso la causa dell'istruzione e dell'alfabetizzazione, compresa l'istruzione delle donne. Dopo il suo incarico a Poona, trascorse più di un decennio e mezzo (1860-76) a Londra come scrittore, giornalista e poeta. Durante questo periodo pubblicò una traduzione dell'Hitopadesa e scrisse un'opera in due volumi sul regno di Lord Dalhousie in India. Alla fine del 1875, la sua interpretazione del Gitagovinda apparve come The Indian Songs of Songs. Con quest'ultima pubblicazione, osserva Ramesh, Arnold si è fatto un nome anche in Inghilterra e in India. Infatti, due anni dopo, la regina Vittoria gli conferì il prestigioso Ordine della Stella dell'India.



La pubblicazione di The Light of Asia ha affermato saldamente Arnold come uno dei principali studiosi dell'India e delle religioni indiane. Ramesh delinea con dettagli corroboranti il ​​significato di quest'opera al di là della fama che ha portato al suo autore. Lo fa dimostrando l'impatto che il poema ha avuto su varie persone e organizzazioni in India e all'estero, le molteplici traduzioni che sono state pubblicate fino al 21° secolo e il motivo per cui occupa un posto importante nella storiografia del buddismo moderno. Riguardo a quest'ultimo, Ramesh spiega l'influenza che Arnold e il suo The Light of Asia hanno avuto sui membri della Società Teosofica, in particolare il colonnello Henry Steel Olcott, che ha lodato il libro per aver fatto più per il buddismo di qualsiasi altra agenzia, e Anagarika Dharmapala, che ha interpretato un ruolo importante nell'affermare le pretese buddiste sul tempio di Mahabodhi a Bodh Gaya, allora sotto il controllo di un gruppo di Shaiviti. Lo stesso Arnold, mostra Ramesh, era profondamente coinvolto nel sostenere la conservazione del Tempio come sito buddista sotto il controllo buddista.


peso altezza kanye west

Dati i dettagli forniti da Ramesh, la lista dei desideri per materiale aggiuntivo è breve. Ramesh avrebbe potuto esaminare più in dettaglio il commento di Olcott sul significato di The Light of Asia per i movimenti di rinascita buddista in tutta l'Asia, andando oltre la semplice questione del tempio di Mahabodhi. Altrettanto importante è la necessità di spiegare l'uso del termine Asia nel titolo del libro di Arnold. Ciò è pertinente perché una delle figure discusse da Ramesh nel contesto del Tempio di Mahabodhi è Okakura Kakuzo, che scrisse notoriamente che l'Asia era una e che fu determinante nella divulgazione dell'idea del pan-asiatismo. Okakura fu influenzato da The Light of Asia, in particolare dalla prefazione di Arnold, dove il poeta descrive il buddismo come la grande fede dell'Asia e afferma che i domini spirituali del Buddha si estendevano da Nepal e Ceylon su tutta la penisola orientale fino a Cina, Giappone, Tibet, Asia centrale , Siberia e persino la Lapponia svedese? La fine del XIX secolo fu un periodo critico per l'emergere di una coscienza asiatica in India, Giappone e Cina. La Luce dell'Asia ha contribuito a innescarlo?



Tansen Sen è direttore del Center for Global Asia e professore di Storia, New York University, Shanghai