Nell'omicidio di un popolare leader pashtun, concentrati sull'unico partito del Pakistan che sfida apertamente l'esercito - Gennaio 2022

In un momento in cui il Pakistan crede di essere riuscito a spianare la strada ai talebani per tornare al potere a Kabul, la crescente popolarità del Movimento Pashtun Tahafuz è una prematura spina nel fianco.

Sardar Muhammed Arif Wazir omicidioSardar Muhammed Arif Wazir faceva parte del Movimento Pashtun Tahafuz (PTM). (Twitter/@DMBaloch_)

Il 1° maggio Sardar Muhammed Arif Wazir, un leader politico pashtun in Pakistan, è stato ferito a morte in una sparatoria da parte di uomini non identificati mentre si trovava davanti alla sua casa nel Waziristan meridionale.

Con ferite da arma da fuoco alla testa e al collo, Wazir è stato trasferito in un ospedale di Islamabad, dove è deceduto per le ferite riportate il giorno seguente. La notizia della sua morte ha scatenato un'ondata di dolore e rabbia tra i pashtun nelle aree della frontiera nord-occidentale del Pakistan.



Il giornale 'Dawn' ha detto che migliaia di persone si sono radunate per il suo funerale a Wana, la città principale del South Waziristan, il 4 maggio, nonostante il COVID-19. Il 5 maggio c'è stato un altro grande raduno per protestare contro l'uccisione e proteste in altre città.



Wazir faceva parte del Movimento Pashtun Tahafuz (PTM), un gruppo con ampio sostegno in quelle che erano le aree tribali ad amministrazione federale della provincia di Khyber Pakhtunkhwa, in particolare nel Waziristan meridionale e settentrionale, il centro geografico della politica afghana del Pakistan. Sebbene l'identità degli assassini di Wazir non sia nota, il PTM e i suoi sostenitori incolpano l'esercito pakistano e l'ISI.

Mohsin Dawar, un importante leader del PTM e membro del parlamento pakistano, ha twittato alla morte di Wazir che Arif Wazir è stato assassinato da 'buoni terroristi'. La nostra lotta contro i loro padroni continuerà. L'hashtag #StateKilledArifWazir ha iniziato a fare tendenza sui social media subito dopo.



Il PTM è un feroce critico della politica di guerra per procura dell'esercito pachistano attraverso i gruppi jihadisti e la sua estensione, le guerre ombra all'interno del paese. Ha appena due anni come partito politico, è l'unica forza politica organizzata che ora sfida apertamente l'esercito pakistano.

Wazir, un 38enne che aveva un'ampia base di appoggio nel Waziristan meridionale, era un critico esplicito e vocale dell'establishment della sicurezza. Appena quattro giorni prima che gli sparassero, era stato rilasciato su cauzione dopo essere stato arrestato il 17 aprile con l'accusa di incitamento all'odio con l'accusa di aver pronunciato un discorso anti-Pakistan durante una visita in Afghanistan all'inizio del mese.

Secondo la Commissione per i diritti umani del Pakistan (HRCP), Wazir aveva parlato in Afghanistan dell'impatto della guerra sulla vita dei pashtun in Pakistan e Afghanistan e della necessità di unità nella comunità pashtun. Negli ultimi due anni, secondo HRCP, è stato arrestato sei volte e in tutto ha trascorso 13 mesi in detenzione.



Arif WazirAl funerale di Arif Wazir. (Twitter/@a_siab)

La morte violenta di Wazir ha portato ancora una volta l'attenzione sul PTM come movimento politico in crescita nelle regioni nord-occidentali che ha innervosito lo stato pachistano e che sta facendo di tutto per reprimere. I Pashtun sono il secondo gruppo etnico del Pakistan.

Il PTM si stava accumulando dal 2014 ed è esploso sulla scena politica nel 2018, quando un gran numero di pashtun ha iniziato una lunga marcia da Dera Ismail Khan - dove molti dalle aree tribali si sono trasferiti dopo essere stati dislocati dalla guerra al terrore - a 300 km di distanza a Islamabad, per protestare contro l'uccisione di Naqeebullah Mehsud, un giovane pashtun, in un presunto incontro a Karachi.

Il loro pacifico sit-in di due settimane nella capitale del Pakistan, dal 28 gennaio al 10 febbraio 2018, ha scosso l'establishment della sicurezza.




valore netto di julia roberts nel 2019

La dharna era guidata dal ventiseienne Manzoor Pashteen, che ha fondato il PTM come studente di 20 anni nel 2014. La sua famiglia, come migliaia di altre, ha dovuto lasciare la casa nel Waziristan meridionale e stabilirsi a Dera Ismail Khan, una città nella provincia pakistana di Khyber Pakhtunkhwa.

Lui e gli altri che ha mobilitato erano diventati tutti maggiorenni durante la guerra al terrore degli Stati Uniti in Afghanistan, in cui il Pakistan era stato avviluppato fin dall'inizio. Le aree tribali sulla frontiera del nord-ovest erano nella linea di tiro diretta.



Per due decenni e più, le FATA in generale e il Waziristan meridionale e settentrionale sono stati un rifugio sicuro per al-Qaeda, la rete Haqqani e i talebani afghani, sotto lo sguardo indulgente dell'esercito pakistano. La regione è una porta girevole attraverso la quale i jihadisti di ogni nomenclatura entrano ed escono dall'Afghanistan a piacimento, attraversando le aspre montagne che costituiscono il confine tra i due paesi.

Poiché i due Waziristan divennero un campo di battaglia per gli americani (a distanza tramite droni), i talebani afghani, i Tehreek-e-Taliban Pakistan e l'esercito pakistano, l'obiettivo del PTM era proteggere, come suggerisce il nome, i pashtun che vivevano lì e le cui vite erano state distrutte.

Il PTM si descrive come un movimento non violento basato sui diritti che inquadra la sua richiesta di essere trattato allo stesso modo con gli altri cittadini del paese nel quadro della costituzione del Pakistan.

L'inno del PTM Da Sanga Azadi Da (a che serve questa libertà) ha risuonato tra i pashtun. Il partito vuole la responsabilità della più potente istituzione in Pakistan per aver messo le FATA nell'occhio di un ciclone che continua a infuriare in Afghanistan, per le sparizioni e le uccisioni di civili in operazioni mirate o collaterali e altre violazioni dei diritti.

La formazione del 2009 del Tehreek-e-Taliban Pakistan è stata un punto di svolta per coloro che vivono nelle aree tribali. Le successive operazioni dell'esercito pakistano contro il TTP, definiti i talebani cattivi perché hanno preso di mira il Pakistan effettuando attentati suicidi e altri attacchi in tutto il paese, sono state viste dai pashtun come stereotipi dell'intera comunità come terroristi.

Arif WazirWazir, un 38enne che aveva un'ampia base di appoggio nel Waziristan meridionale, era un critico esplicito e vocale dell'establishment della sicurezza. (Twitter/@TawabGhorzang1)

I comitati di pace che ricevevano armi e denaro dall'esercito divennero di fatto i governanti di queste aree e, agendo come delegati dell'esercito, contrappongono i pashtun ai pashtun. Allo stesso tempo, i talebani afghani, la rete Haqqani e altri gruppi che erano buoni talebani agli occhi dell'establishment della sicurezza pakistano hanno avuto un lasciapassare gratuito. Le aree continuano a rimanere turbolente. Venerdì, le notizie in Pakistan hanno riferito che un membro del personale del Frontier Corps è stato ucciso e altri due sono rimasti feriti.

Non siamo anti-Pakistan; siamo solo antiterrorismo. Siamo contro l'oppressione in tutte le sue forme, sia essa perpetrata da buoni o cattivi talebani o dalle agenzie di intelligence dell'esercito pakistano, ha detto Manzoor Pashteen a Deutsche Welle in un'intervista l'anno scorso.

In un incontro pubblico a Lahore, ha chiesto: chi è un traditore? Noi che chiediamo pacificamente i nostri diritti prescritti dalla Costituzione, o quelle persone in divisa, che hanno ripetutamente violato la Costituzione?

Il sit-in di Islamabad del 2018 è stato il momento di raggiungimento della maggiore età e la trasformazione di PTM in un partito politico. Contestò le elezioni parlamentari quell'anno, vincendo due seggi. Dawar, che ha 30 anni, e il cugino di Arif Wazir, Ali Wazir, sono i suoi due parlamentari.

Lo stesso Arif ha perso di poco le elezioni tenutesi contemporaneamente per l'assemblea provinciale di Khyber Pakhtunkwa con circa 800 voti. Era stato arrestato e messo in prigione nel bel mezzo della sua campagna.

L'esercito è stato particolarmente duro nel modo in cui ha reagito al PTM e alla sua popolarità tra i pashtun. Ha descritto il PTM come anti-stato, traditore, finanziato da forze straniere e come terroristi.

In una conferenza stampa nell'agosto 2019, il tenente generale Asif Ghafoor, allora portavoce militare, ha chiesto al PTM: dicci quanti soldi hai ricevuto dall'NDS [agenzia di intelligence afghana] per gestire la tua campagna? Quanti soldi ti ha dato RAW per il primo sit-in a Islamabad?

Il 1° maggio Sardar Muhammed Arif Wazir, un leader politico pashtun in Pakistan, è stato ferito a morte in una sparatoria da parte di uomini non identificati. (Twitter/@haris_jillani)

Sebbene due dei suoi leader siedono nell'Assemblea nazionale insieme ad altri rappresentanti eletti, l'esercito ha attuato con successo un divieto generale sulla copertura mediatica del PTM. C'era una copertura scheletrica della morte di Wazir. Alla conferenza stampa, Ghafoor ha stabilito che i media non devono intervistare alcun rappresentante di PTM, poiché ciò sarebbe un atto anti-Pakistan. Il PTM ha risposto lavorando attraverso i social media, dove i suoi leader hanno un enorme seguito.

Wazir non è stato il primo leader del PTM ad essere eliminato. Secondo l'HRCP, nel 2019, Ibrahim Arman Loni, un membro del comitato centrale di PTM in Belucistan, è stato ucciso. Altri sono entrati e usciti dalla detenzione, di solito per sedizione.

Gulalai Ismail, membro del PTM e attivista per i diritti delle donne, ha dovuto fuggire dal Pakistan. Entrambi i parlamentari sono stati arrestati. Nel gennaio 2020, Pashteen è stato arrestato con altri membri e sostenitori di PTM ed è stato rilasciato il 15 febbraio 2020.

Lo scorso maggio, l'esercito pakistano e i sostenitori del PTM si sono scontrati vicino al luogo di un incontro pubblico nel Waziristan del Nord, dove erano presenti Dawar e il collega deputato, Ali Wazir. Lo scontro ha ucciso 13 sostenitori del PTM e ha lasciato 25 persone, tra cui cinque soldati feriti.

I timori dell'esercito riguardo al PTM risalgono alla memoria muscolare del Pakistan del nazionalismo pashtun e al nascente movimento per l'indipendenza pashtun che attirò da entrambi i lati della linea Durand, intorno al periodo dell'indipendenza dell'India e della nascita del Pakistan.

Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime


Mike Myers vale la pena

Il Khudai Khidmatgar, guidato da Khan Abdul Ghaffar Khan, si oppose alla spartizione dell'India, decise che non voleva far parte del Pakistan e chiese invece l'indipendenza. Alcuni pashtun in Afghanistan parlano ancora di un Grande Afghanistan che includerebbe le aree nord-occidentali del Pakistan.

Anche in Belucistan, dove un movimento nazionalista beluci cova da tempo, il PTM ha il sostegno dei pashtun. C'è molto interesse e sostegno per il PTM in Afghanistan, dove è visto come un contrattacco ai talebani. Al contrario, la danza del Pakistan con i talebani e l'islamismo mira a impedire che il nazionalismo laico pashtun metta radici.

In un momento in cui il Pakistan crede di essere riuscito a spianare la strada a un ritorno dei talebani a Kabul, la crescente popolarità del PTM tra i pashtun è una prematura spina nel fianco.

Sebbene non vi sia alcuna risposta ufficiale da parte dell'esercito all'accusa di essere dietro l'uccisione di Arif Wazir, le maniglie dell'esercito pro-Pakistan sui social media hanno cercato di incolpare la direzione nazionale della sicurezza, l'agenzia di intelligence afghana.

L'uccisione di Arif Wazir non porrà fine al PTM. Se i funerali sono indicativi, l'affluenza al suo pubblico è stata simile alla partecipazione ai funerali dei militanti in Kashmir. Inoltre, ha suscitato il timore tra una tribù in via di estinzione di dissidenti pakistani che coloro che sono apertamente contro l'esercito pakistano non saranno tollerati.