Nuova ricerca: 1 su 3 sopravvissuti a Covid-19 affronta problemi neurologici o di salute mentale in sei mesi - Gennaio 2022

L'incidenza stimata di essere diagnosticati con un disturbo neurologico o di salute mentale a seguito dell'infezione da Covid-19 è stata del 34%.

Sopravvissuti a Covid, problemi di salute mentale, casi di covid di Pune, casi di coronavirus, notizie di Pune, notizie di Maharashtra, notizie espresse indianeQuest'ultimo studio ha analizzato i dati delle cartelle cliniche elettroniche di 236.379 pazienti Covid-19 della rete TriNetX con sede negli Stati Uniti, che comprende oltre 81 milioni di persone.

Uno su tre sopravvissuti a Covid-19 ha ricevuto una diagnosi neurologica o psichiatrica entro sei mesi dall'infezione con il virus SARS-CoV-2, uno studio osservazionale su oltre 230.000 cartelle cliniche dei pazienti pubblicato nelle stime della rivista The Lancet Psychiatry. Lo studio ha esaminato 14 disturbi neurologici e di salute mentale.

Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta



Dall'inizio della pandemia di Covid-19, c'è stata una crescente preoccupazione che i sopravvissuti possano essere a maggior rischio di disturbi neurologici. Un precedente studio osservazionale dello stesso gruppo di ricerca ha riferito che i sopravvissuti a Covid-19 sono a maggior rischio di disturbi dell'umore e d'ansia nei primi tre mesi dopo l'infezione. Tuttavia, fino ad ora, non ci sono stati dati su larga scala che esaminassero i rischi di diagnosi neurologiche e psichiatriche nei sei mesi successivi all'infezione da Covid-19.




Markus Persson moglie

Quest'ultimo studio ha analizzato i dati delle cartelle cliniche elettroniche di 236.379 pazienti Covid-19 della rete TriNetX con sede negli Stati Uniti, che comprende oltre 81 milioni di persone.

Sono stati inclusi nell'analisi i pazienti di età superiore ai 10 anni che sono stati infettati dal virus SARS-CoV-2 dopo il 20 gennaio 2020 ed erano ancora vivi il 13 dicembre. Questo gruppo è stato confrontato con 105.579 pazienti con diagnosi di influenza e 236.038 pazienti con diagnosi di qualsiasi infezione del tratto respiratorio (inclusa l'influenza).



Nel complesso, l'incidenza stimata di essere diagnosticati con un disturbo neurologico o di salute mentale a seguito dell'infezione da Covid-19 è stata del 34%. Per il 13% di queste persone, è stata la prima diagnosi neurologica o psichiatrica registrata.


chris brown reddito

Le diagnosi più comuni dopo il Covid-19 sono state disturbi d'ansia (che si verificano nel 17% dei pazienti), disturbi dell'umore (14%), disturbi da abuso di sostanze (7%) e insonnia (5%). L'incidenza di esiti neurologici era inferiore, compreso lo 0,6% per l'emorragia cerebrale, il 2,1% per l'ictus ischemico e lo 0,7% per la demenza.

Gli autori affermano che i loro risultati dovrebbero aiutare la pianificazione del servizio ed evidenziare la necessità di una ricerca continua. Sebbene i rischi individuali per la maggior parte dei disturbi siano piccoli, l'effetto sull'intera popolazione può essere sostanziale per i sistemi di assistenza sanitaria e sociale a causa della portata della pandemia e del fatto che molte di queste condizioni sono croniche. Di conseguenza, i sistemi sanitari devono essere dotati di risorse per far fronte ai bisogni previsti, sia all'interno dei servizi di assistenza primaria che secondaria.



ISCRIVITI ADESSO :Il canale Telegram spiegato Express


patrimonio netto di adelle

I rischi di una diagnosi neurologica o psichiatrica erano maggiori, ma non solo, nei pazienti con grave Covid-19. Rispetto all'incidenza complessiva del 34%, una diagnosi neurologica o psichiatrica si è verificata nel 38% di coloro che erano stati ricoverati in ospedale, nel 46% di quelli in terapia intensiva e nel 62% di coloro che avevano avuto delirio (encefalopatia) durante il loro Covid-19. infezione.

Il dottor Max Taquet, coautore dello studio, dell'Università di Oxford, ha dichiarato: I nostri risultati indicano che le malattie cerebrali e i disturbi psichiatrici sono più comuni dopo il Covid-19 che dopo l'influenza o altre infezioni respiratorie, anche quando i pazienti sono abbinati per altri fattori di rischio. Ora dobbiamo vedere cosa succede oltre i sei mesi. Lo studio non può rivelare i meccanismi coinvolti, ma sottolinea la necessità di ricerche urgenti per identificarli, al fine di prevenirli o curarli.