Divieto di nota: cosa ha detto prima la Corte Suprema - Ottobre 2022

La mossa di demonetizzazione del primo ministro Modi deve essere esaminata dalla Corte Suprema. Nel 1996, un tribunale costituzionale aveva confermato la legalità di un precedente rottame ordinato dal governo nel 1978

demonetizzazione, crisi di demonetizzazione, demonetizzazione 1970, demonetizzazione di nuovo, prima demonetizzazione, divieto di nota, corte suprema, corte suprema sulla demonetizzazione, notizie dallQuesta non è la prima volta che la più alta corte esaminerà se il governo può eliminare banconote di alto valore.

Dalla demolizione dell'8 novembre 2016 di banconote da Rs 1.000 e Rs 500, varie agenzie governative, tra cui la Reserve Bank of India, hanno adottato molte misure per attuare l'annuncio del Primo Ministro. Contestualmente, sono stati depositati presso la Corte Suprema una serie di ricorsi che contestano la legittimità costituzionale della demonetizzazione. La corte ha ora deferito la questione a un tribunale costituzionale di cinque giudici, rifiutando di accettare l'argomento del governo secondo cui la decisione era di dominio esclusivo dell'esecutivo e al di là del controllo giudiziario.



È probabile che la corte approfondisca anche la costituzionalità dell'ordinanza emessa dal governo la scorsa settimana per porre fine allo status di corso legale delle vecchie banconote di alto taglio e per rendere il possesso di un gran numero di banconote rottamate un reato penale.


il valore netto del flash

Questa non è la prima volta che la più alta corte esaminerà se il governo può eliminare banconote di alto valore. Una mossa simile circa 38 anni fa ha anche affrontato una sfida legale, con un Constitution Bench che si è pronunciato sulla validità dell'High Denomination Bank Notes (Demonetisation) Act, 1978. La corte ha anche affrontato la questione delle banche che rifiutano di cambiare le banconote di alto taglio di alcuni ricorrenti a vario titolo.





Il banco di cinque giudici ha impiegato 18 anni per pronunciare il suo giudizio in Jayantilal Ratanchand Shah contro Reserve Bank of India e altri. Il verdetto, pronunciato il 9 agosto 1996, confermava la legalità della legge.

Ha avuto inizio con un'ordinanza entrata in vigore il 16 gennaio 1978 – e successivamente approvata come legge dal Parlamento – con la quale il governo ha dichiarato che alla scadenza del 16 gennaio 1978 tutte le banconote di grosso taglio cesseranno di avere corso legale. Le persone o le organizzazioni che volevano scambiare banconote erano tenute a presentare un modulo dettagliato, dichiarando di essere in possesso delle banconote prima del 16 gennaio 1978. Era prevista una finestra di soli tre giorni, fino al 19 gennaio. Tuttavia, i depositanti potevano scambiare le loro note fino al 24 gennaio 1978, a condizione che potessero spiegare le ragioni del mancato cambio entro la scadenza. Le banche avevano l'ultima parola sull'accettazione o il rifiuto della richiesta del depositante.



La sezione 4 di questa legge vietava anche il trasferimento e la ricezione di banconote di grosso taglio.

I firmatari sostenevano che la legge violava i loro diritti fondamentali, compreso l'articolo 31 (diritto alla proprietà), ora soppresso, in quanto consentiva alla RBI e al governo di sottrarsi alla loro responsabilità legale di onorare queste banconote. Hanno anche sostenuto che la mossa era illegale perché l'acquisizione di vecchie banconote non aveva alcuno scopo pubblico: ai sensi dell'articolo 31, nessuna proprietà poteva essere acquisita obbligatoriamente se non per scopi pubblici.



Tra coloro che si sono rivolti alla corte c'era il presidente di una società che gestiva un dispensario medico a Surat, che aveva depositato quasi 50 lakh di rupie in banca. Tuttavia, poiché la Società non è stata in grado di spiegare in modo soddisfacente l'enorme e improvviso aumento della quantità di denaro messo nelle sue cassette per le donazioni, i depositi non sono stati trattati come valuta valida dalla banca.

Il banco composto dai giudici M M Mukherjee, Kuldip Singh, M M Punchhi, S Saghir Ahmed e N P Singh ha sottolineato preambolo della legge sulla demonetizzazione, che ha affermato che la mossa era volta a controllare il trasferimento illecito di denaro per operazioni di finanziamento dannose per l'economia nazionale.



Considerando che la disponibilità di banconote di grosso taglio facilita il trasferimento illecito di denaro per finanziare operazioni dannose per l'economia nazionale o che hanno scopi illeciti ed è quindi necessario nell'interesse pubblico demonetizzare (queste) banconote, afferma il preambolo.

Il tribunale ha anche osservato che la legge è stata approvata per evitare la grave minaccia di denaro non contabilizzato che aveva avuto non solo un grave impatto sull'economia del paese, ma aveva anche privato la banca di stato di ingenti quantità delle sue entrate.




quando è nato dave kindig

Sulla questione del fatto che non servisse a uno scopo pubblico, il tribunale ha affermato che, in considerazione del male che la legge mirava a combattere, non si poteva dire che non fosse stata emanata per uno scopo pubblico.

La panchina ha anche affrontato la tesi secondo cui la finestra di scambio era irragionevole e violava i diritti fondamentali.



Quando (questo è) considerato nel contesto dello scopo che la legge sulla demonetizzazione ha cercato di raggiungere, vale a dire, di fermare il prima possibile la circolazione di banconote di grosso taglio, la censura dei ricorrenti non può essere accolta, afferma la sentenza.

maneesh.chhibber@expressindia.com