Fiscalità retroattiva: il caso Vodafone e la sentenza del tribunale dell'Aia - Gennaio 2022

Il tribunale ha anche chiesto all'India di non perseguire più la richiesta di imposta nei confronti del Gruppo Vodafone.

I pedoni passano davanti a un negozio Vodafone India Ltd. a Mumbai. (Foto di Bloomberg: Dhiraj Singh)

In una decisione unanime, venerdì la Corte permanente di arbitrato dell'Aia ha stabilito che la richiesta retroattiva dell'India di Rs 22.100 crore come plusvalenza e ritenuta alla fonte imposta alla società di telecomunicazioni britannica per un accordo del 2007 era in violazione della garanzia di equità e correttezza. trattamento. La corte ha chiesto anche all'Indianon perseguire la domanda fiscalepiù contro il Gruppo Vodafone.

Qual è il caso?

Nel maggio 2007, Vodafone aveva acquistato una quota del 67% in Hutchison Whampoa per 11 miliardi di dollari. Ciò includeva l'attività di telefonia mobile e altre attività di Hutchison in India. Nel settembre di quell'anno, il governo indiano per la prima volta ha richiesto a Vodafone una richiesta di Rs 7.990 crore di plusvalenze e ritenuta alla fonte, affermando che la società avrebbe dovuto detrarre l'imposta alla fonte prima di effettuare un pagamento a Hutchison.



Vodafone ha impugnato l'avviso di richiesta presso l'Alta Corte di Bombay, che si è pronunciata a favore dell'Income Tax Department. Successivamente Vodafone ha impugnato la sentenza dell'Alta Corte in Cassazione, che nel 2012 ha stabilito che l'interpretazione del Gruppo Vodafone dell'Income Tax Act del 1961 era corretta e che non doveva pagare alcuna imposta per l'acquisto della partecipazione.



Lo stesso anno, l'allora ministro delle Finanze, il compianto Pranab Mukherjee, aggirò la sentenza della Corte Suprema proponendo un emendamento alla legge finanziaria, conferendo così all'Income Tax Department il potere di tassare retroattivamente tali accordi. La legge fu approvata dal Parlamento quell'anno e l'onere di pagare le tasse ricadde su Vodafone. Il caso era ormai diventato famoso come il 'caso di tassazione retrospettiva'.

Contrattempo per la politica

La sentenza a favore di Vodafone segna una battuta d'arresto per le politiche fiscali retroattive del Paese. Inoltre, solleva la possibilità che altri casi in arbitrato vengano decisi su linee simili.



vodafone, tassa di vodafone, arbitrato fiscale di vodafone, caso di arbitrato fiscale di vodafone, espresso spiegato, indiano espressoNick Read, CEO di Vodafone Group, fuori dal parlamento indiano a marzo di quest'anno. (Foto espresso: Amit Mehra)

Che cos'è la tassazione retroattiva?

Come suggerisce il nome, la tassazione retroattiva consente a un paese di approvare una regola sulla tassazione di determinati prodotti, articoli o servizi e offerte e addebitare alle società un periodo precedente alla data di approvazione della legge.

I paesi utilizzano questa strada per correggere eventuali anomalie nelle loro politiche fiscali che, in passato, hanno consentito alle aziende di sfruttare tali scappatoie. Sebbene i governi utilizzino spesso un emendamento retroattivo alle leggi fiscali per chiarire le leggi esistenti, finisce per danneggiare le aziende che hanno interpretato, consapevolmente o inconsapevolmente, le norme fiscali in modo diverso.

Oltre all'India, molti paesi tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Paesi Bassi, Canada, Belgio, Australia e Italia hanno tassato retroattivamente le società che avevano approfittato delle lacune della legge precedente.



Leggi anche | Il governo potrebbe dover sborsare 85 crore di rupie se decide di non presentare ricorso

Cosa è successo dopo che l'India ha approvato la legge sulla tassazione retroattiva?

Una volta che il Parlamento ha approvato l'emendamento alla legge finanziaria nel 2012, l'onere di pagare le tasse è ricaduto su Vodafone. L'emendamento è stato criticato dagli investitori di tutto il mondo, i quali hanno affermato che la modifica della legge era di natura perversa.

L'emendamento retrospettivo che ha ribaltato la decisione della più alta corte del paese è stato redatto male nelle sue ampie generalità e ha portato un perverso senso di vendetta, ha affermato Nigam Nuggehalli, preside della Facoltà di giurisprudenza della BML Munjal University.



In seguito alle critiche internazionali, l'India ha cercato di risolvere la questione amichevolmente con Vodafone, ma non ci è riuscita. Dopo che il nuovo governo della NDA è salito al potere, ha affermato che non avrebbe creato nuove passività fiscali per le società che utilizzano la via della tassazione retrospettiva.

Nel 2014 tutti i tentativi da parte delle telecomunicazioni e del ministero delle finanze di risolvere la questione erano falliti. Il Gruppo Vodafone ha quindi invocato la clausola 9 del Trattato sugli investimenti bilaterali (BIT) firmato tra India e Paesi Bassi nel 1995.



Leggi anche | Idee spiegate: cosa può fare il governo per rilanciare l'industria delle telecomunicazioni indiana?

vodafone, tassa di vodafone, arbitrato fiscale di vodafone, caso di arbitrato fiscale di vodafone, espresso spiegato, indiano espressoUn cliente esce da un negozio Vodafone Idea Ltd. a Mumbai domenica 19 gennaio 2020. (Foto/File Bloomberg)

Che cos'è il Trattato bilaterale sugli investimenti?

Il 6 novembre 1995, India e Paesi Bassi avevano firmato un BIT per la promozione e la protezione degli investimenti da parte delle società di ciascun paese nella giurisdizione dell'altro.

Tra i vari accordi, il trattato aveva poi affermato che entrambi i paesi si sarebbero adoperati per incoraggiare e promuovere condizioni favorevoli per gli investitori dell'altro paese. I due paesi, in base al BIT, assicureranno che alle società presenti nelle rispettive giurisdizioni sia sempre accordato un trattamento equo ed equo e godano di piena protezione e sicurezza nel territorio dell'altro.

Mentre il trattato era tra India e Paesi Bassi, Vodafone lo ha invocato poiché la sua unità olandese, Vodafone International Holdings BV, aveva acquistato le attività commerciali indiane di Hutchinson Telecommunicaton International Ltd. Ciò ne ha fatto una transazione tra un'azienda olandese e un'azienda indiana.

Il BIT tra India e Paesi Bassi è scaduto il 22 settembre 2016.

Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime


quanto guadagna sandra lee

Cosa ha detto la Corte permanente di arbitrato dell'Aia?

Uno dei principali fattori per cui la Corte Arbitrale si è pronunciata a favore di Vodafone è stata la violazione del BIT e della Commissione delle Nazioni Unite sul diritto commerciale internazionale (UNCITRAL).

Nel 2014, quando il Gruppo Vodafone aveva avviato l'arbitrato contro l'India presso la Corte di Arbitrato, lo aveva fatto ai sensi dell'articolo 9 del BIT tra India e Paesi Bassi.

L'articolo 9 del BIT afferma che qualsiasi controversia tra un investitore di una parte contraente e l'altra parte contraente in relazione a un investimento nel territorio dell'altra parte contraente deve essere risolta, per quanto possibile, in via amichevole mediante negoziati.

L'altro era l'articolo 3 del regolamento arbitrale dell'UNCITRAL, il quale, tra l'altro, prevede che la costituzione del tribunale arbitrale non sia ostacolata da alcuna controversia circa la sufficienza dell'atto arbitrale, che sarà definitivamente risolta dal tribunale arbitrale.

Nella sua sentenza, il tribunale arbitrale ha anche affermato che ora, poiché è stato accertato che l'India ha violato i termini dell'accordo, deve ora cessare gli sforzi per recuperare le suddette imposte da Vodafone.