Ved Mehta muore a 86 anni; arrivano gli omaggi per il celebre scrittore - Febbraio 2023

Autore di 27 libri, tra cui la serie autobiografica in dodici volumi Continents of Exile, membro del MacArthur Prize e membro della British Royal Society of Literature, Mehta ha anche insegnato scrittura in numerosi college e università.

Per Mehta, per mehta muoreL'autore Ved Mehta è morto all'86 di New York. (Fonte: Archivi Express)

Il noto autore Ved Mehta è morto all'età di 86 anni sabato 9 gennaio a New York. Nato nel 1934 a Lahore, perse la vista all'età di quattro anni a causa di una meningite cerebrospinale e presto fu mandato a studiare in una scuola per ciechi a Bombay, seguita da un'altra in Arkansas, negli Stati Uniti. In un'intervista a Il New York Times , ha detto che suo padre, Amolak Ram Mehta, si è rifiutato di credere che la perdita fosse permanente. Più tardi, Mehta studiò al Pomona College e all'Università di Oxford e, nel corso della sua vita, scrisse diversi libri, i più notevoli tra i quali furono i suoi saggi personali.




Kimberley Crossman Age

Nella stessa intervista, Mehta ha ammesso che la scrittura è in parte il risultato della solitudine. In parte scrivo a causa della cecità, a causa dell'accresciuto senso di solitudine che provano molti ciechi intelligenti.

Commentando il suo stile, Mehta ha rivelato: Quando ho iniziato a scrivere, volevo vedere come potevo sfruttare gli altri miei sensi. Sono arrivato al punto in cui volevo sperimentare. Per sondare davvero le profondità dell'esperimento, volevo esplorare la mia vita. Penso alla scrittura autobiografica come a una lettera a me stesso.





LEGGI ANCHE|Da Lahore a Londra a New York passando per l'India: lo sguardo risoluto di Ved Mehta — e la prosa

Il suo primo libro Faccia a faccia pubblicato nel 1957. Altre sue opere includono: Fly and the Fly-Bottle: Incontri con intellettuali britannici, Daddyji, A Family Affair: India Under Three Prime Ministers, A Ved Mehta Reader: The Craft of the Essay tra gli altri.

Un immigrato, sradicato era la sua idea di casa. In un'intervista a Los Angeles Times aveva detto, Per sentirti dislocato, devi appartenere a qualche posto. Sento di non appartenere a nessun posto. Appartengo davvero alla popolazione degli sfollati, dei rifugiati del XX secolo.



L'autore di 27 libri, tra cui la serie autobiografica in dodici volumi Continenti d'esilio, membro del MacArthur Prize e membro della British Royal Society of Literature, Mehta ha anche insegnato scrittura in numerosi college e università.

Molte persone si sono rivolte ai social media per condividere i tributi alla sua scomparsa.



L'autore Amitava Kumar ha condiviso le sue condoglianze in una serie di tweet.

Editore Chiki Sarkar ha anche condiviso un ricordo del suo lavoro con lui.



Il giornalista Salil Tripathi ha menzionato come è finita un'era.

Anche lo storico Manan Ahmed ha utilizzato Twitter per condividere le sue emozioni.


patrimonio netto pink floyd

Condividi Con I Tuoi Amici: