'Era importante scrivere delle parti che, ai miei occhi, non funzionavano': Uday Bhatia nel suo libro su Satya - Potrebbe 2022

Durante una conversazione via e-mail, Uday Bhatia ha parlato del modo in cui ha progettato la narrazione, si è avvicinato al film e se l'aperta mascolinità radicata nei film di gangster è praticabile nei tempi attuali.

Bullets Over Bombay è stato pubblicato da HarperCollins. (Fonte: HarperCollins India)

Ram Gopal VarmaSatyapubblicato nel 1998 e ha scoperto un particolare sito di curiosità: le vite interiori dei gangster. Ha alterato la rappresentazione dei fuorilegge nei film hindi senza deviare dalle esigenze del genere. Ma prima ancora, il film ha cambiato la vita di un regista che parlava a malapena hindi ma era innamorato di Bombay, uno scrittore troppo zelante e riluttante, e un gruppo di attori affamati la cui crescente disperazione si fondeva con l'energia maniacale dei loro personaggi.

InProiettili su Bombay, un racconto immersivo che racconta la realizzazione diSatya, Uday Bhatia mette insieme il viaggio del film sin dal suo inizio. Due decenni dopo è pieno di ambiguità. Quasi ogni membro del cast ha le proprie versioni di una scena. Ma includendo tutto senza autenticarne alcuno, Bhatia trasforma questa ambiguità accordata dalla memoria in una sfocatura risultante dalla gioia. Probabilmente si stavano divertendo troppo per ricordare i dettagli. Egli convalida una follia al metodo. Il risultato è un libro decisamente gratificante guidato dalla curiosità, ricercato in modo esauriente ma non appesantito da essa.



Durante una conversazione via e-mail, l'autore ha parlato conindianexpress.comsul suo design narrativo, il modo in cui si è avvicinato al film e se l'aperta mascolinità radicata nei film di gangster è praticabile nei tempi attuali.



estratti:


patrimonio netto di dave comstock

La pietra angolare del tuo argomento inProiettili su Bombayè questoSatyaracchiude molteplici dualità. È un film di gangster e in egual misura un film su Mumbai. Si tratta di Satya tanto quanto di Bheeku. Questa dualità si riflette nel modo in cui hai progettato la narrazione. In diversi casi il libro non rimane più sul film ma si occupa di altri film di gangster con dettagli vividi. È notevole perché proprio quando il lettore sente che hai perso di vista, leghi i dettagli dispersi con Satya. Puoi guidarci attraverso il processo?



Man mano che mi addentravo nella scrittura del libro, ho iniziato a notare ogni sorta di dualità. Il film, come dici tu, è diviso tra Satya e Bheeku. Ha due scrittori, due direttori della fotografia, due montatori e due compositori. Ha un istinto sia commerciale che indipendente. E la fotografia è a metà tra noir mainstream e documentario verité.

La divisione film di gangster film-città, però, era qualcosa che avevo in mente fin dall'inizio. Volevo esaminare l'aspetto 'città' di Satya, poiché questo viene spesso ignorato. Esplorare questa doppia identità è sempre stato il mio piano. Ma potrebbe avermi condizionato a notare altre dualità lungo la strada.

Analizzi il significato diSatyacontestualizzandolo e indicando fino a che punto l'estetica del film si è infiltrata in altri film di gangster nel corso degli anni. La tua percezione è cambiata mentre lavoravi al libro?



Il mio apprezzamento per quanto bene sia scritto e recitato lo ha sicuramente fatto. È quasi incredibile che la sceneggiatura sia stata scritta da due principianti che non erano di Mumbai. Una cosa che rende Satya unico nella filmografia di Varma è che è tanto il film di uno scrittore e attore quanto quello di un regista. Questo non per minimizzare il contributo di Varma, solo per dire che sapeva quando stava guardando una cosa buona.

Anche se ho sempre voluto esaminarlo come un film cittadino, ho iniziato a capire quanto bene Satya avesse integrato Mumbai nella sua narrativa solo quando mi sono trasferito lì. Più a lungo restavo lì, più Satya mi sembrava ricca.

Uday Bhatia.

La narrazione amplia il genere che il libro ha scelto per se stesso. Certo che non è finzione, ma le storie che ogni membro del cast ha avuto e il modo in cui sono state difficilmente corroborate danno al film uno status quasi mitico. Sebbene tu abbia incluso la maggior parte delle versioni, per lo più contrarian, ne hai vagliate e scartate qualcuna?



Volevo dare un senso alla storia che si svolgeva e alle molte strade che avrebbe potuto prendere. Per me, spesso dice ciò che le persone scelgono di ricordare e ricordare male. A volte potrebbe sembrare Rashomon, ma in realtà mi è piaciuto provare a risolvere le diverse versioni.

Sono stato quindi abbastanza felice di includere la maggior parte degli account e aggiungere solo una piccola nota editoriale ogni volta che sentivo che qualcosa non andava. Fortunatamente, in alcuni casi avevo abbastanza account concorrenti da poter esaminare quelli che erano ovviamente imprecisi.




eric braeden worth

Anche se il modo in cui è stato realizzato il film è fondamentale per la tua scrittura, ti occupi liberamente di ciò che consideriSatyai suoi difetti: il finale, lo spartito rumoroso di sottofondo. Come ti sei avvicinato al film mentre scrivevi della sua realizzazione?

Ho pensato che fosse importante scrivere dei bit inSatyache, ai miei occhi, non ha funzionato. Non mi fiderei di qualcuno che ha scritto un libro su un film e non ha menzionato una sola cosa che non gli è piaciuta.

Da qualche parte, durante il processo di scrittura, ho deciso che non avrei tenuto le parti del film religiosamente separate dalle parti della sua realizzazione. Quindi il capitolo che si rompeSatyagiù in 10 scene include molti dettagli del cinema e il capitolo sulla realizzazione ha un'analisi di scene specifiche. Sentivo che uno avrebbe aiutato a illuminare l'altro se li avessi intrecciati dentro e fuori.

Hai parlato con la maggior parte delle persone associate al film ma non con tutte, come Urmila Matondkar. Hai ancora domande a cui non hai risposte?

Sicuro. Ho ancora domande su come è avvenuta la modifica, con Apurva Asrani e Bhanodaya che lavorano separatamente. Mi chiedo a volte quanto dialogo sia stato improvvisato; un copione per le riprese lo avrebbe chiarito. Mi sarebbe piaciuto parlare con Matondkar e Chowta. Forse avrei una lettura più generosa di Vidya e della partitura se ci fossi riuscito.

Scrivi come il personaggio di Vidya sia noioso. Anche Pyaari ha poco tempo sullo schermo. Come altri film di gangster, Satya è radicato in un universo creato e vissuto dagli uomini. In parte è cambiato, ma la maggior parte no. Dato quanto è collegato il genere al machismo esagerato, ne riconosci il valore e la fattibilità ai giorni nostri?

È vero che Satya è un universo molto maschile, sia dietro la telecamera che sullo schermo. Vidya è centrale ma passiva; Pyaari è elettrico ma periferico. Le donne non sono state servite bene dai film di gangster qui, anche se ci sono delle eccezioni: Tabu inMaqbool, Pratima Kazmi inWaisa Bhi Hota Hai Parte II, Richa Chadha inBande di Wasseypur.

I film di gangster hindi non vengono più girati regolarmente. Se torneranno di moda, sarà interessante vedere se prenderanno spunto dai recenti spettacoli in streaming sui gangster, che hanno mostrato la volontà di ridurre il machismo e creare personaggi femminili più sfumati.

Per ulteriori notizie sullo stile di vita, seguici su Instagram|Twitter|Facebooke non perderti gli ultimi aggiornamenti!