A Burning, il romanzo separatista di cui tutti parlano e il suo autore di origine indiana - Dicembre 2022

Come la newyorkese Megha Majumdar è passata dall'essere una ragazza di Calcutta 'non brava in inglese' a una scrittrice d'esordio parlante della città.

megha majumdar, megha majumdar un incendio, megha majumdar, megha majumdar un incendio, intervista a megha majumdar, indian express, notizie indian expressMajumdar è cresciuto nella Calcutta, governata dal partito comunista, negli anni Novanta, quando il paese si stava svegliando al fascino della liberalizzazione.

Giorni prima di Safoora Zargar, la studentessa Jamia Millia Islamia in carcere per aver protestato contro il Legge sulla cittadinanza (emendamento) , viene negata la libertà su cauzione per la terza volta e mentre le proteste contro l'omicidio di George Floyd, un uomo afroamericano, si stanno diffondendo negli Stati Uniti, sono in videochiamata con Megha Majumdar. Il ronzio intorno al romanzo d'esordio del 32enne newyorkese, A Burning (Rs 599, Penguin Hamish Hamilton), che uscirà domani, è stato vertiginoso molto prima della sua pubblicazione. I generosi testi di Amitav Ghosh e Yaa Gyasi hanno lodato il libro come uno spirito del tempo dei nostri tempi; James Wood di The New Yorker ha sottolineato la sua straordinaria immediatezza e apertura alla vita che delinea un mosaico di disuguaglianze in cui potremmo riconoscere i modelli delle nostre vite comuni.



Tuttavia, c'è una stranezza in questo momento in cui la presa della finzione sulla realtà ha iniziato a sembrare stanca. Poiché un flusso incessante di orrori nelle nostre vite sociopolitiche induce alcuni alla sua potenza e logora altri con l'oltraggio, niente, a quanto pare, può essere più aberrante del presente. Questo è un momento difficile e faticoso in tutto il mondo, riconosce Majumdar, Gran parte di questo momento qui negli Stati Uniti riguarda la resa dei conti storica. E, naturalmente, ho seguito la traiettoria dell'ala destra in India. Studiosi e giornalisti hanno messo in relazione il nazionalismo indù e la supremazia bianca. Nel mio libro, volevo scrivere delle persone. Volevo scrivere di come le persone sognano, si sforzano e ridono sotto sistemi oppressivi.

A Burning è uno studio silenzioso e bruciante della sottoclasse e dell'aspirante classe media in India, il cui interesse provvisorio nell'economia capitalista è complicato dalle numerose tirannie di genere, religione e classe endemiche della società. Quando Jivan, una ragazza musulmana di uno slum di Calcutta, uno dei tre protagonisti di Majumdar, reagisce ai post di odio contro la sua comunità su Facebook dopo un sospetto attacco terroristico, con rabbia e dolore, ma anche con un po' di bravura, si sa che ci sarà conseguenze. Se la polizia non ha aiutato la gente comune come te e me, se la polizia li ha guardati morire, non significa che anche il governo è un terrorista? scrive su Facebook. La punizione è rapida: la polizia viene a prenderla subito dopo. La sua amicizia sui social con uno sconosciuto legato al caso è documentata come la sua complicità e la sua presenza alla stazione ferroviaria la sera fatidica in cui un treno viene incendiato, lasciando quasi 100 morti, come prova. Con un'azione rapida, Majumdar porta i lettori nel cuore della Nuova India, dove le ambizioni personali e politiche sono servite o capovolte da una crescente agitazione nazionalista indù.






quanto guadagna geoff ramsey

A Burning pulsa con le cadenze della vita quotidiana, il flusso e riflusso di ambizioni, aspirazioni, disparità e delusioni.

La narrativa sicura di Majumdar è spinta avanti da altri due personaggi legati a Jivan: PT Sir, l'istruttrice di educazione fisica nella scuola dove era una studentessa dell'EWS, che è attratta dal partito politico di destra locale e, Lovely, una transgender donna, a cui Jivan ha insegnato inglese e che sogna di diventare un'attrice. Volevo esplorare domande specifiche con ciascuno dei miei personaggi. Jivan lavora duramente per raggiungere i suoi obiettivi, che sono piuttosto semplici: vuole salire alla classe media. Vuole possedere uno smartphone e lavorare in un centro commerciale. Sfortunatamente per lei, è intrappolata in un sistema oppressivo in cui puoi fare tutto bene ed essere comunque ostacolato. Con PT Sir, ho voluto esaminare cosa potrebbe fare un piccolo assaggio di potere per un uomo della classe media come lui. A cosa si arrenderebbe, chi tradirebbe? dice Majumdar, che lavora come editore in una casa editrice indipendente, Catapult.


etnia lana del rey

Majumdar è cresciuto nella Calcutta, governata dal partito comunista, negli anni Novanta, quando il paese si stava svegliando al fascino della liberalizzazione. Il cambiamento era in atto anche nella narrativa politica indiana. Nel dicembre 1992, i kar sevak allineati al VHP e al BJP avrebbero demolito il Babri Masjid ad Ayodhya, nell'Uttar Pradesh, innescando una catena di reazioni in tutto il paese. Majumdar non spiega quando è diventata politicamente consapevole. Abbiamo visto le notizie che hanno fatto i nostri genitori. Eravamo consapevoli di ciò che stava accadendo intorno a noi, dice. Lascerà la città per gli Stati Uniti nel 2006 per studiare antropologia sociale all'Università di Harvard e in seguito per laurearsi alla Johns Hopkins. Ma avrebbe portato con sé le minuzie della vita per le strade della città.



A Burning pulsa con le cadenze della vita quotidiana, il flusso e riflusso di ambizioni, aspirazioni, disparità e delusioni. Come editore, Majumdar ha familiarità con il processo di pubblicazione, ma l'accoglienza del libro negli Stati Uniti - pubblicizzata come uno dei migliori debutti letterari dell'anno - l'ha colta di sorpresa. Sono stato grato per l'attenzione positiva iniziale, dice Majumdar, che ha iniziato a lavorare al suo secondo libro.

La sua competenza editoriale si manifesta nella manualità del romanzo, nei teaser che lancia a mo' di intermezzi episodici, nel ritmo cinematografico con cui alterna le voci narranti. A Burning è un romanzo decisamente del qui e ora, ma Majumdar racchiude strati di storia nel suo uso idiosincratico della lingua inglese. Nel Bengala occidentale, il governo di sinistra aveva abolito l'insegnamento dell'inglese a livello primario nelle scuole statali e sovvenzionate dal governo dal 1981.



Sarebbe stato riportato alle classi primarie quasi due decenni dopo, ma intere generazioni sono cresciute con una presa traballante sulla lingua. Durante la notte, Calcutta vedrebbe una proliferazione di lezioni che offrono lezioni in inglese. Majumdar ricorda di averne frequentato uno da bambino. Nel primo anno in cui i suoi genitori hanno fatto domanda per iscriverla alla scuola elementare, non ce l'ha fatta da nessuna parte — Il mio inglese non era molto buono, dice. Quindi, è stata iscritta per le lezioni di inglese. L'anno successivo si è iscritta a una scuola privata. Fu l'inizio di un impegno più profondo con la lingua. Ho trascorso gran parte della mia infanzia nelle biblioteche pubbliche e nelle bancarelle di libri di seconda mano, prendendo in prestito tutti i tipi di libri da leggere, dice.


il vy wiki

La sottigliezza con cui Majumdar modella il linguaggio allo spirito della città e dei suoi abitanti risuona meglio nella voce del suo personaggio più accattivante, Lovely, che parla in un inglese pidgin stentato che si adatta agli angoli della sua vita. La vitalità di Lovely si basa su esperienze viscerali acquisite durante i suoi viaggi attraverso la città e osservazioni minute che compensano la mancanza di educazione formale. È qui, nell'autenticità delle voci polifoniche che popolano il suo paesaggio immaginario, che il romanzo di Majumdar si eleva.



Come Djinn Patrol di Deepa Anappara sulla linea viola all'inizio di quest'anno, l'esilarante risposta a A Burning in the West deve una punta di cappello a spuntare tutte le caselle che rendono familiare la storia dell'India: disuguaglianza frastagliata, tumulto religioso e speranza irrefrenabile. Volevo che il libro fosse leggibile e invitante per coloro che non sono mai stati in India e non seguono le notizie indiane, così come per coloro che hanno vissuto in India per tutta la vita. Volevo che il libro fosse un atto di invito, che aprisse porte fantasiose alle tante storie diverse e complesse che si potrebbero seguire, dice.