Cittadinanza persa e riconquistata: l'importanza di essere Milan Kundera - Gennaio 2022

Nel 1979, Kundera fu privato della cittadinanza della Cecoslovacchia indivisa. Aveva pubblicato un libro in Francia intitolato Il libro del riso e dell'oblio, la cui frase più nota è: La lotta dell'uomo contro il potere è la lotta della memoria contro l'oblio.

Cittadinanza persa e riconquistata: lMilan Kundera. Un autore di origine ceca che vive in Francia. Kundera ha riacquistato la cittadinanza ceca dopo 40 anni. (Jovan Dezort/CTK tramite AP)

Portare con sé una copia del classico di Milan Kundera L'insostenibile leggerezza dell'essere era un'affettazione di molti giovani studenti di tutto il mondo negli anni '80. Pubblicato nel 1984, il libro è diventato quasi un cult ed è diventato anche un acclamato film quattro anni dopo.

La scorsa settimana, l'autore novantenne era di nuovo nelle notizie. L'ambasciatore della Repubblica Ceca in Francia, Petr Dulak, si è recato nell'appartamento di Kundera a Parigi per consegnargli un certificato di cittadinanza. Dulak in seguito disse alla radio ceca della profonda cecità di Kundera. È rimasto fedele alle sue convinzioni e alla sua identità, un ceco profondo, direi. È davvero una persona molto legata a questo paese ed è molto interessato a ciò che sta accadendo in Repubblica Ceca.



Che cosa era successo?



Nel 1979, Kundera fu privato della cittadinanza della Cecoslovacchia indivisa. Aveva pubblicato un libro in Francia intitolato Il libro del riso e dell'oblio, la cui frase più nota è: La lotta dell'uomo contro il potere è la lotta della memoria contro l'oblio. Si dice che il libro alludesse all'allora presidente cecoslovacco Gustav Husak come il presidente dell'oblio. Il governo non ha dimenticato. Gli è stata strappata la cittadinanza, Kundera, che insieme alla moglie era a Rennes per un incarico di insegnante dal 1975, ha fatto di Parigi la sua casa. Divenne cittadino francese nel 1981.

Kundera è identificato come socialista ed era anche membro del partito comunista, ed è stato espulso due volte. Si iscrive al partito per la prima volta nel 1948, viene espulso dopo due anni per ostilità e tendenze individualistiche, e rientra nel partito nel 1956. Fu dopo la Primavera di Praga, ovvero la soppressione sovietica della riforma tentata in Cecoslovacchia, che le cose si mettono male per lui . Fu espulso dall'Accademia degli scrittori e, nel 1970, di nuovo dal partito. I suoi libri e le sue commedie divennero invisibili nel suo paese d'origine.




altezza di eddie vedder

La sua idea di 'casa'

In un'intervista al New York Times nel 1984, Kundera disse: Devi chiedere: cos'è casa? Cosa significa essere 'a casa'? È una domanda complicata. Posso onestamente dire che mi sento molto meglio qui a Parigi che a Praga, ma poi posso anche dire che ho perso la mia casa, lasciando Praga? Tutto quello che so è che prima di partire avevo il terrore di 'perdere casa' e che dopo essermene andato mi sono reso conto - è stato con un certo stupore - che non sentivo la perdita, non mi sentivo privato.

Quando il presidente ceco Andrej Babiš ha visitato Parigi l'anno scorso, ha tenuto un incontro di tre ore con Kundera e sua moglie Vera, poi pubblicato su Facebook: La conversazione è stata guidata dalla signora Kundera, una donna incredibilmente energica... Penso che meritino la cittadinanza ceca che perso dopo essere emigrato.



Kundera non ha parlato dopo che gli è stata ripristinata la cittadinanza. Non è chiaro se lo avesse mai chiesto. Si dice che si fosse solo preoccupato se ci fossero state troppe scartoffie.


vale la pena lupo di cazzo

Nel 1984, in un'intervista a Die Zeit, aveva detto: Non esiste un simile sogno di un ritorno… Ho preso la mia Praga; l'odore, il gusto, la lingua, il paesaggio, la cultura.

Cosa significa per il ceco



Molti dei libri successivi di Kundera sono stati pubblicati in Francia, in francese, e non sempre hanno raggiunto la Cecoslovacchia/Repubblica Ceca dopo il 1981. Ha vinto il premio nazionale di letteratura ceca nel 2008, ma non ha partecipato alla cerimonia. È noto per essere tornato indietro dopo la Rivoluzione di velluto, ma in incognito.

I cechi hanno avuto un rapporto intimo con gli scrittori; il loro è uno dei pochi paesi ad aver avuto un drammaturgo/scrittore come presidente in Vaclav Havel, per molti anni. Kundera e Havel hanno tenuto dibattiti pubblici sul significato della protesta e sulla sua utilità. È iniziato con la pubblicazione di Kundera 'The Czech Lot', sulla rivista Listy nel dicembre 1968; ha scritto sui pericoli di essere un piccolo stato. Havel ha risposto nel 1969, con 'The Czech Lot?' sulla rivista Tvar.



Nel 1984, Kundera parlò di regimi minacciati dai critici. Prima eravamo stati messi in prigione, ma ora il governo diceva, in effetti, che in esilio eravamo meno pericolosi per lui - scrivendo e facendo discorsi e persino organizzandoci contro di esso - di quanto fossimo messi a tacere nel nostro paese. Era un riconoscimento che anche in prigione abbiamo aggiunto alla corrente sotterranea di inquietudine in Cecoslovacchia, che il paese avrebbe sempre saputo che eravamo lì.