Spiegazione: tutto quello che devi sapere sui leader del nuovo governo talebano - Gennaio 2022

Dopo le recenti lotte intestine tra le cosiddette fazioni moderate e dure dei talebani, la nomina del rispettato ma in gran parte di basso profilo Mohammad Hasan Akhund a primo ministro viene vista come un compromesso.

Talebani Afghanistan, Afghanistan Notizie talebane, Chi sono i nuovi leader talebani, notizie talebane, notizie dal mondo espresso indianoI combattenti talebani prendono il controllo del palazzo presidenziale afghano dopo che il presidente afghano Ashraf Ghani è fuggito dal paese, a Kabul (AP Photo/File)

I talebani hanno nominato Mohammad Hasan Akhund primo ministro ad interim del nuovo governo afghano, con il mullah Abdul Ghani Baradar e il mullah Abdus Salam come suoi vice.

Nel frattempo, MawlawiHaibatullah Akhundzadanon ha alcun ruolo ufficiale nel governo, ma rimane il leader supremo dei talebani e si dice che abbia supervisionato la creazione del gabinetto del gruppo.



Anche in Spiegato| Sette cose da notare nel nuovo governo afghano

Mawlawi Haibatullah Akhundzada, leader supremo dei talebani

Akhundzada, il leader supremo dei talebani dal 2016, non ha mai fatto un'apparizione pubblica e si sa poco di lui. Si ritiene che abbia circa 60 anni e che abbia trascorso la maggior parte della sua vita vivendo in Afghanistan. Negli anni '80, ha partecipato alla resistenza islamica contro l'invasione sovietica e, dopo la conquista dell'Afghanistan da parte dei talebani, è stato nominato capo della giustizia dei tribunali della sharia del paese.



Si dice che Akhundzada sia un intransigente politico che, in quanto principale autorità religiosa dei talebani, ha emesso diverse fatwa. Come Leader Supremo, è responsabile degli affari politici, militari e religiosi.

Talebani Afghanistan, Afghanistan Notizie talebane, Chi sono i nuovi leader talebani, notizie talebane, notizie dal mondo espresso indianoIl governo dei talebani

Mohammad Hasan Akhund, primo ministro

Come Akhundzada, non si sa molto di Akhund, la cui nomina a primo ministro ha sorpreso alcuni osservatori che si aspettavano di vedere Baradar o Sirajuddin Haqqani assumere il ruolo. Dopo le recenti lotte intestine tra le cosiddette fazioni moderate e intransigenti dei talebani, la nomina del rispettato ma in gran parte di basso profilo Akhund a primo ministro viene vista come un compromesso.




joseph fiennes moglie

Akhund è uno dei quattro uomini che hanno fondato i talebani nel 1994 ed era noto per essere uno stretto collaboratore del primo leader supremo del gruppo, il mullah Omar, e dell'attuale leader, Akhundzada. Durante il primo periodo al potere dei talebani, tra il 1996 e il 2001, Akhund è stato ministro degli Esteri dell'Afghanistan e poi vice primo ministro.

Leggi anche| Chi sono gli Haqqani Network, il gruppo più potente del governo talebano?

Negli ultimi 20 anni ha guidato il potente organo decisionale dei talebani, la Rehbari Shura. A differenza di Akhundzada, che è visto come un'autorità religiosa, Akhund è principalmente una figura politica, che trae gran parte della sua legittimità dal suo ruolo di primo piano nei talebani prima dell'11 settembre.

Talebani Afghanistan, Afghanistan Notizie talebane, Chi sono i nuovi leader talebani, notizie talebane, notizie dal mondo espresso indianoIl mullah Hasan Akhund (a destra) con l'ex primo ministro pakistano Nawaz Sharif a Islamabad. (File/AP)

Abdul Ghani Baradar, vice primo ministro

Degno di nota combattente Mujahadeen durante l'occupazione sovietica, Baradar era molto vicino a Omar, aiutandolo a formare i talebani e sposando sua sorella. Dopo l'invasione dell'Afghanistan nel 2001, Baradar è diventato un fulcro dell'insurrezione talebana fino a quando non è stato catturato in Pakistan nel 2010. È rimasto in prigione per otto anni prima di essere rilasciato come parte di un piano per facilitare il processo di pace tra il governo nazionale afghano e i talebani.



Nel 2019, Baradar è stato nominato capo dell'ufficio politico del gruppo in Qatar e ha rappresentato i talebani durante i negoziati di Doha e i colloqui di pace inter-afghani falliti. In tale veste, Baradar è diventato de facto il volto pubblico dei talebani ed è stato visto come una presenza moderatrice a livello internazionale.

Nel 2020 è diventato il primo leader talebano a comunicare direttamente con un presidente degli Stati Uniti. Giorni dopo l'accordo del gruppo con gli Stati Uniti, è stato descritto dall'allora presidente Trump come molto bravo. A luglio, Baradar ha anche incontrato a Pechino il ministro degli Esteri cinese Wang Yi.

Ci si aspettava che Baradar assumesse il ruolo di Primo Ministro, ma secondo quanto riferito è stato messo fuori dai giochi dopo essere stato ferito in mezzo a un disaccordo interno tra le fazioni a lui fedeli e quelle allineate con Sirajuddin Haqqani.



da non perdere| Molto diverso dagli anni '90: cinque take away dalla caduta del Panjshir Talebani Afghanistan, Afghanistan Notizie talebane, Chi sono i nuovi leader talebani, notizie talebane, notizie dal mondo espresso indianoIl mullah Abdul Ghani Baradar (al centro) è uno dei co-fondatori dei talebani. (Foto d'archivio/Reuters)

Sirajuddin Haqqani, ministro degli Interni

Forse uno dei membri più estremisti dei talebani, Sirajjudin Haqqani è il capo dell'influente rete Haqqani, un sottogruppo dei talebani con sede fuori dal Pakistan. Il gruppo, designato dagli Stati Uniti come organizzazione terroristica, sovrintende alle risorse finanziarie e militari dei talebani lungo il confine tra Pakistan e Afghanistan.

Lo stesso Haqqani è nella lista dei ricercati dell'FBI e ha una taglia di 10 milioni di dollari sulla testa. Secondo il sito web dell'FBI, Haqqani è ricercato in relazione a un attacco del 2008 a un hotel a Kabul che ha ucciso sei persone e alla pianificazione di un fallito tentativo di omicidio del presidente afghano Hamid Karzai nel 2008, insieme ad altre attività.



In un pezzo d'opinione per il New York Times, scritto prima della firma dell'accordo di Doha, Haqqani ha proiettato una posizione più moderata. Ha scritto che i talebani aspiravano a costruire un sistema islamico in cui tutti gli afghani abbiano uguali diritti, dove i diritti delle donne garantiti dall'Islam — dal diritto all'istruzione al diritto al lavoro — siano protetti e dove il merito sia la base per le pari opportunità.

Tuttavia, nonostante le sue dichiarazioni pubbliche, l'importanza di Haqqani nei talebani sarà preoccupante per gli osservatori internazionali, a causa del suo legame con il terrorismo e della sua affiliazione con Al Qaeda. Secondo un rapporto delle Nazioni Unite del 2020, la rete Haqqani mantiene stretti contatti con Al Qaeda, che si ritiene abbia attualmente tra i 400 e i 600 membri attivi in ​​Afghanistan.

Inoltre, le tendenze estremiste di Haqqani sono evidenti nei suoi stessi scritti. Nel 2010, ha pubblicato un manuale di addestramento per l'insurrezione in cui sostiene l'uso di decapitazioni e attentati suicidi, legittimando anche l'attacco a obiettivi occidentali.

Governo talebano: resto del governo

Mullah Yaqoob, ministro della Difesa

Il figlio di Omar, Yaqoob ha recitato per la posizione di Leader Supremo nel 2016 ed è stato riferito furioso quando il ruolo è andato invece ad Akhundzada. Nonostante sia sulla trentina e manchi del tipo di esperienza di combattimento che possiedono i suoi compagni talebani, Yaqoob è attualmente responsabile di tutte le operazioni militari. Ha molta influenza per la sua associazione con Omar e, come Baradar, è considerato una voce moderata all'interno dei talebani.

Durante la presa del paese da parte dei talebani, secondo quanto riferito Yaqoob ha esortato i combattenti a non danneggiare i membri dell'esercito e del governo afghani e di evitare il saccheggio delle proprietà abbandonate.


patrimonio netto khia 2015

Amir Khan Muttaqi, ministro degli Esteri

Un'altra voce moderata, Muttaqi è stata Ministro della Cultura e dell'Informazione e Ministro dell'Istruzione durante il precedente governo talebano. Come Baradar, anche Muttaqi è stato inviato in Qatar ed è stato membro della squadra negoziale durante i colloqui di Doha.

Muttaqi era il presidente della Commissione di invito e guida durante l'insurrezione e, in tale veste, era responsabile della propaganda talebana. Era responsabile degli sforzi per convincere i funzionari del governo e altre figure di spicco a disertare. Quando i talebani hanno condotto la loro avanzata, Muttaqi ha chiesto una soluzione pacifica alle ostilità.

Mohammad Abbas Stanikzai, viceministro degli Esteri

Più conosciuto a livello internazionale di Muttaqi, Stanikzai si è formato come ufficiale dell'esercito afghano in India e presumibilmente sarà responsabile dell'instaurazione delle relazioni dei talebani con Nuova Delhi.

Durante l'invasione sovietica, disertò dall'esercito per unirsi ai movimenti islamici, ma secondo quanto riferito era in contrasto con Omar per il suo stile di vita occidentalizzato e la propensione al consumo di alcol. Di conseguenza, Stanikzai fu rimosso dalla carica di Ministro degli Affari Esteri e gli fu invece assegnato il posto meno importante di Ministro della Salute.

Tuttavia, dal 2012 ha svolto un ruolo cruciale nella diffusione diplomatica dei talebani e ha viaggiato in diversi paesi per conto del gruppo. In un'intervista con Firstpost, Stanikzai ha sottolineato il suo desiderio di stabilire relazioni amichevoli in tutta la regione e ha affermato che indù e sikh potrebbero continuare a vivere pacificamente in Afghanistan.

Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta