Spiegato: L'inno per unire tace - Ottobre 2022

In Afghanistan, dove le faglie etniche sono profonde e ostacolano la costruzione della nazione, l'acquisizione dei talebani solleva interrogativi, in particolare sul futuro dei gruppi non così dominanti.

talebani, ultime notizie talebane, acquisizione dei talebani, notizie di oggi afghanistan, aggiornamento delle ultime notizie sullUna proiezione 3D di come poteva apparire una statua di Buddha a Bamiyan, nell'Afghanistan centrale, dove i talebani distrussero le statue nel marzo 2001. (Foto: The New York Times)

Il Royal Salute è stato il primo inno nazionale dell'Afghanistan, uno strumentale adottato nel 1926 quando Amanullah Khan l'Emiro divenne re nel settimo anno del suo regno.



Nei 95 anni successivi, il paese ha avuto altri cinque inni, in sintonia con il cambio di regime e governanti. E un periodo di 5 anni senza inno. Quel periodo senz'anima iniziò nel 1996 quando i talebani prima preso il potere. Con il divieto della musica, il Qal'a-ye Islam, Qalb-e Asiya (Fortezza dell'Islam, Cuore dell'Asia) è scomparso.

Anche in Spiegato| La lunga relazione del Pakistan con i talebani

Una canzone di battaglia del 1919, era l'inno dal 1992, quando i mujaheddin rovesciarono Mohd Najibullah. L'inno è tornato dopo la cacciata dei talebani nel 2001 in seguito agli attacchi dell'11 settembre.





L'inno, la Costituzione

Cinque anni dopo, una Loya Jirga - in Pashto, significa un grande consiglio o assemblea - decise il Nazionale Surud (Pashto) o Surud-e Milli (persiano), l'inno di un nuovo Afghanistan, che ha cercato di ricucire le sue diverse etnie, sottolineando che questo è il paese di ogni tribù.



L'etnia è profonda in Afghanistan e la sua diversità, ironia della sorte, è stata anche la sua rovina con lealtà divise e feroci e affiliazioni così chiare da ostacolare la costruzione della nazione. È anche uno dei motivi per cui le guerre per decenni hanno generato signori della guerra e territori delimitati su linee etniche.


noah centineo kellee janel

La Costituzione del 2004 e l'inno nazionale facevano riferimento a 14 gruppi etnici. L'articolo 4 affermava che la nazione dell'Afghanistan comprenderà pashtun, tagiko, Hazara , Uzbek, Turkman, Baluch, Pachaie, Nuristani, Aymaq, Arab, Qirghiz, Qizilbash, Gujur, Brahwui e altre tribù. E l'articolo 20 ha chiarito: l'inno nazionale dell'Afghanistan deve essere in pashtu con la menzione di 'Dio è grande' così come i nomi delle tribù dell'Afghanistan.



Così il Milli Surud identificato le tribù della terra: questo è il paese di ogni tribù, la terra dei beluci e degli uzbeki; di pashtun e hazara; di turkmeni e tagiki. Con loro ci sono Arabi e Gujjar, Pamiris, Nuristanis, Brahuis e Qizilbash; anche Aimaq e Pashai.

taliban, ultime notizie talebane, acquisizione dei talebani, notizie di oggi afghanistan, aggiornamento delle ultime notizie sullUna rappresentazione di come i vari gruppi etnici sono distribuiti in tutto l'Afghanistan.

I pashtun predominanti

Tra i gruppi etnici, i pashtun sono i più grandi, stimati al 40%-42% della popolazione di 3,8 crore del paese. Pashto e Dari sono le lingue ufficiali.



I pashtun, che sono per lo più sunniti, sono stati a lungo il gruppo dominante – negli ultimi tempi, dai capi talebani che hanno preso Kabul nel 1996 a Hamid Karzai che è succeduto loro nel 2001 ad Ashraf Ghani che ha governato dal 2014 al è scappato domenica scorsa .

Concentrati nel sud e nell'est del paese, i pashtun sono sparsi in tutto il paese, dal sud di Amu Darya fino ai confini con il Pakistan e oltre.



Vincolati dal codice di Pashtunwali, non riconoscono la linea Durand che li divide su entrambi i lati dell'aspro confine.

Le avventure tagike

I tagiki etnici, che costituiscono la maggioranza nel vicino Tagikistan, sono il secondo gruppo più grande in Afghanistan: si stima che costituiscano il 27% della popolazione.



Non hanno mai veramente detenuto il potere. Nel gennaio 1929, un soldato tagiko diventato bandito, Habibullah Kalakani, noto ai più come Bacha-i Saqao o figlio di un portatore d'acqua, si presentò a Kabul e Amanullah Khan fuggì, consegnando la carica a suo fratello che si arrese dopo due giorni. Il breve governo di Kalakani terminò nell'ottobre di quell'anno e fu giustiziato il mese successivo.

Nel 1992, dopo la caduta del regime di Najibullah, una guerra civile travolse l'Afghanistan. Ahmad Shah Massoud, un comandante tagiko del Panjshiri Valley, che era diventata la nemesi dei sovietici, emerse come l'uomo forte dei mujaheddin e iniziò a comandare a Kabul.

Burhanuddin Rabbani, anch'egli tagiko, di Badakhshan nell'estremo nord-est, divenne presidente. Il suo è stato il governo che il mondo ha riconosciuto fino al 2001 anche dopo essere stato costretto all'esilio in seguito all'acquisizione di Kabul da parte dei talebani nel 1996 – solo il Pakistan, l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti hanno riconosciuto il dominio dei talebani.

I tagiki sono il gruppo etnico predominante a Herat a ovest e Mazar-e-Sharif a nord. Sono presenti in numero considerevole a Kabul e nelle province a nord.

Il Buddha fonda la milizia

Gli Hazara sono il terzo gruppo etnico più numeroso, rappresentando il 9%-10% della popolazione. La maggior parte sono sciiti e vivono ad Hazarajat negli altopiani centrali. Bamiyan , dove i talebani hanno distrutto le statue del Buddha nel marzo 2001, è la principale città della regione.

Gli Hazara, che si dice siano di origine turca o mongola, hanno avuto un passato travagliato con Kabul. Nei mesi che seguirono il ritiro delle truppe sovietiche dall'Afghanistan nel 1989, i gruppi hazara si unirono per formare la propria milizia chiamata Hizb-i-Wahadat, che in seguito si divise sulla questione dell'unione delle forze con Massoud e Rabbani.

Nel marzo 1995, il leader della fazione Wahadat Abdul Ali Mazari ei suoi colleghi furono invitati a colloqui dal leader talebano Mullah Burjan vicino a Charasyab. Fu rapito, torturato e ucciso. I talebani hanno affermato che Mazari li ha attaccati mentre veniva portato a Kandahar. Fu sepolto a Mazar-e-Sharif, allora controllato dal signore della guerra uzbeko Abdul Rashid Dostum.

taliban, ultime notizie talebane, acquisizione dei talebani, notizie di oggi afghanistan, aggiornamento delle ultime notizie sullCombattenti talebani fanno la guardia al cancello principale che conduce al palazzo presidenziale afghano, a Kabul, in Afghanistan. (Foto AP)

All'aeroporto di Rumi

Mazar, la città chiave del nord, è stata fino ad ora sotto il controllo di Dostum e delle sue truppe uzbeke: il valico di Hairatan al confine con l'Uzbekistan è ad appena un'ora di macchina da Mazar. Ma gli uzbeki non sono il gruppo predominante in città: sono in inferiorità numerica rispetto a tagiki e pashtun. La città è abitata anche da Hazara e Turkmeni.

Mazar è la capitale di Balkh e il suo aeroporto prende il nome da Jalal ad-Din Muhammad Balkhi che conosciamo come Rumi, poeta, studioso e mistico del XIII secolo. La città ospita anche la Moschea Blu che i sunniti credono contenga la tomba di Hazrat Ali - gli sciiti sostengono che riposa nel santuario dell'Imam Ali a Najaf, in Iraq.

Herat e le province vicino al confine con l'Iran ospitano gli sciiti: si stima che il 10% della popolazione del paese sia sciita.


Courtney Henggeler House

da non perdere| Un esperto spiega: cosa significa Kabul a Delhi

Le minoranze e le domande

Con i talebani ora in completo controllo del paese, vengono già poste domande sul loro probabile trattamento dei gruppi etnici che compongono il paese, in particolare le minoranze.

Ciò che ha aumentato i timori è che i leader dei gruppi etnici siano fuggiti o siano ora costretti a negoziare con i talebani: il signore della guerra uzbeko Dostum, l'uomo forte di Herat Ismail Khan, il leader hazara Karim Khalili e i tagiki etnici. Amrullah Saleh e Atta Muhammad Noor.

L'inno cita 14 gruppi etnici, ma ce ne sono molti altri che formano le minoranze – a parte gli Aimak, i Turkmeni, i Baloch, i Pashai, gli Arabi, i Nuristani, i Brahui, i Pamiri, i Gurjar. Per quanto riguarda gli indù e i sikh, il loro numero è diminuito nel corso degli anni con la maggior parte degli emigranti: una stima indica che il totale è di 1.350.

Dall'acquisizione, la bandiera dell'Afghanistan è stata ammainata in tutte le province, sostituita da quella dei talebani. Se torna il divieto di musica, anche l'inno scomparirà. Quell'inno che ha cucito insieme diverse etnie per il paese di ogni tribù.

Rakesh Sinha era in Afghanistan per coprire l'ascesa dei talebani nel 1995, la loro presa di Kabul nel 1996 e la loro cacciata nel 2001, per questo sito web .