Compensazione Per Il Segno Zodiacale
Personale C Celebrità

Scopri La Compatibilità Con Il Segno Zodiacale

Spiegato: diritti coniugali davanti alla Corte Suprema

La Corte Suprema dovrebbe avviare un'udienza contro una disposizione del diritto personale indù che obbliga i coniugi a convivere. Su quali basi viene contestato e come si sono pronunciati i tribunali in passato?

La petizione alla Corte Suprema sostiene che una restituzione dei diritti coniugali su mandato del tribunale equivaleva a un atto coercitivo da parte dello Stato. (Archivio espresso)

Nella prossima settimana, la Corte Suprema dovrebbe iniziare ad ascoltare una nuova sfida alla disposizione che consente la restituzione dei diritti coniugali ai sensi delle leggi personali indù. Nel 2019, un tribunale di tre giudici della Corte suprema aveva accettato di ascoltare i motivi.



Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta

Qual è il provvedimento impugnato?

La sezione 9 dell'Hindu Marriage Act, 1955, che tratta della restituzione dei diritti coniugali, recita: Quando il marito o la moglie si sono ritirati dalla società dell'altro, senza giustificato motivo, la parte lesa può chiedere, mediante istanza a il tribunale distrettuale, per la restituzione dei diritti coniugali e il tribunale, accertata la veridicità delle dichiarazioni rese in tale istanza e che non vi è alcun motivo giuridico per cui la domanda non debba essere accolta, possono conseguentemente decretare la restituzione dei diritti coniugali.





Anche in Spiegato| Il caso Shreya Singhal che ha annullato la Sezione 66A dell'IT Act

Cosa sono i diritti coniugali?

I diritti coniugali sono i diritti creati dal matrimonio, cioè il diritto del marito o della moglie alla società dell'altro coniuge. La legge riconosce questi diritti, sia nelle leggi personali in materia di matrimonio, divorzio, ecc., sia nel diritto penale che prevede il pagamento di alimenti e alimenti al coniuge.

La sezione 9 dell'Hindu Marriage Act riconosce un aspetto dei diritti coniugali: il diritto al consorzio e lo protegge consentendo al coniuge di rivolgersi a un tribunale per far valere il diritto. Il concetto di restituzione dei diritti coniugali è ora codificato nel diritto personale indù, ma ha origini coloniali ed ha genesi nel diritto ecclesiastico. Disposizioni simili esistono nel diritto personale musulmano e nel Divorce Act, 1869, che disciplina il diritto di famiglia cristiano.
Per inciso, nel 1970, il Regno Unito ha abrogato la legge sulla restituzione dei diritti coniugali.




quanto vale Larry Flynt

Come può essere archiviato un caso ai sensi della Sezione 9?

Se un coniuge rifiuta la convivenza, l'altro coniuge può adire il tribunale della famiglia chiedendo il decreto di convivenza. Se l'ordine del tribunale non viene rispettato, il tribunale può pignorare i beni. Tuttavia, la decisione può essere impugnata dinanzi a un'Alta Corte e alla Corte Suprema.



Normalmente, quando un coniuge chiede il divorzio unilateralmente, l'altro coniuge chiede la restituzione dei diritti coniugali se non è d'accordo con il divorzio. La disposizione è vista come un intervento attraverso la legislazione per colpire una nota conciliativa tra i coniugi sparring.

Perché la legge è stata impugnata?

La legge viene ora impugnata con la motivazione principale che viola il diritto fondamentale alla privacy. L'istanza di due studenti di giurisprudenza sostiene che una restituzione dei diritti coniugali su mandato del tribunale equivalga a un atto coercitivo da parte dello Stato, che viola la propria autonomia sessuale e decisionale, e il diritto alla privacy e alla dignità. Nel 2019, un tribunale di nove giudici della Corte Suprema ha riconosciuto il diritto alla privacy come un diritto fondamentale.



Sebbene la disposizione sulla restituzione dei diritti coniugali sia stata precedentemente confermata dalla Corte Suprema, gli esperti legali hanno sottolineato che il verdetto storico dei nove giudici Bench nel caso sulla privacy ha posto le basi per potenziali sfide a diverse leggi come la criminalizzazione dell'omosessualità, il matrimonio stupro, restituzione dei diritti coniugali, il test delle due dita nelle indagini per stupro.


troy aikman rhonda worthey

Sebbene la legge sia ex-facie ('in faccia se è') neutrale rispetto al genere poiché consente sia alla moglie che al marito di chiedere la restituzione dei diritti coniugali, la disposizione colpisce in modo sproporzionato le donne. Le donne sono spesso richiamate nelle case coniugali ai sensi della disposizione e, dato che lo stupro coniugale non è un crimine, le rende suscettibili di tale convivenza forzata.



Si discuterà anche se lo Stato possa avere un interesse così cogente nel proteggere l'istituto del matrimonio da consentire a una legislazione di imporre la convivenza dei coniugi.

Che cosa ha detto prima la corte sulla legge?

Nel 1984, la Corte Suprema aveva confermato la Sezione 9 dell'Hindu Marriage Act nel caso Saroj Rani v Sudarshan Kumar Chadha, ritenendo che la disposizione avesse uno scopo sociale come aiuto per prevenire la rottura del matrimonio. In vista dell'intervento della Corte Suprema, due Alte Corti, quelle dell'Andhra Pradesh e di Delhi, si erano pronunciate diversamente sulla questione. Sabyasachi Mukherjee, giudice unico della Corte Suprema, ha stabilito la legge.



Nel 1983, un tribunale unico dell'Alta Corte dell'Andhra Pradesh aveva per la prima volta annullato la disposizione nel caso T Sareetha contro T Venkatasubbaiah e l'aveva dichiarata nulla. Il giudice P Choudhary ha citato il diritto alla privacy tra le altre ragioni. La corte ha anche ritenuto che in una questione che riguarda così intimamente la moglie o il marito le parti dovrebbero essere lasciate sole senza interferenze statali. La corte, cosa più importante, aveva anche riconosciuto che una convivenza sessuale irresistibile avrebbe avuto gravi conseguenze per le donne.


patrimonio netto jade thirlwall - net

Anche in Spiegato| Quando furono processati Tilak e Gandhi in base alla legge sulla sedizione?

Tuttavia, nello stesso anno, un tribunale unico dell'Alta Corte di Delhi ha adottato una visione diametralmente opposta della legge. Nel caso Harvinder Kaur contro Harmander Singh Chaudhry, l'Alta Corte di Delhi ha confermato la disposizione.

Dalle definizioni di convivenza e consorzio emerge che il rapporto sessuale è uno degli elementi che concorrono alla costituzione del matrimonio. Ma non è il summum bonum. Il sesso è il ritornello del caso di T Sareetha. Come se il matrimonio non consistesse in nient'altro che nel sesso. Chaudhary, l'eccessiva enfasi di J sul sesso è l'errore fondamentale nel suo ragionamento. Sembra suggerire che il decreto di restituzione abbia un solo scopo, cioè costringere la moglie riluttante a 'fare sesso con il marito'.

Il giudice Avadh Behari Rohatgi dell'Alta Corte di Delhi, nel criticare la sentenza dell'Alta Corte dell'Andhra Pradesh, ha aggiunto che è nell'interesse dello Stato che la vita familiare venga mantenuta e che le case non vengano distrutte dallo scioglimento del matrimonio dei genitori. Anche in assenza di figli, è nell'interesse dello Stato che, se possibile, il vincolo matrimoniale rimanga stabile e si mantenga.

La Corte Suprema ha confermato il punto di vista dell'Alta Corte di Delhi e ha annullato il verdetto dell'Alta Corte dell'Andhra Pradesh.

Condividi Con I Tuoi Amici: