Spiegazione: come il langar di Guru Nanak sta aiutando l'ONU a raggiungere il suo obiettivo 'fame zero' - Ottobre 2022

Dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs), il secondo ⁠— ‘fame zero’ ⁠— mira a porre fine alla fame estrema e alla malnutrizione, soprattutto tra i bambini, entro il 2030.

Spiegazione: come il langar di Guru Nanak sta aiutando lAi bambini in Malawi vengono forniti pasti nutrienti dall'organizzazione sikh 'Fame Zero con Langar'

Nel 2015, i paesi membri delle Nazioni Unite hanno adottato 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) come appello universale per porre fine alla povertà e proteggere il pianeta. La scadenza per raggiungere questi obiettivi è il 2030. Dei 17 obiettivi, il secondo - 'fame zero' - mira a porre fine alla fame estrema e alla malnutrizione, soprattutto tra i bambini, entro il 2030. questo sito web spiega come il 'langar' di Guru Nanak stia contribuendo al raggiungimento di questo obiettivo e alla riduzione della malnutrizione nei paesi africani, abbattendo le 'morti prevenibili di bambini'.



Cos'è il langar?

Langar si riferisce a un sistema di sviluppo di una cucina comunitaria, in cui le persone, indipendentemente dalla loro casta, religione e status sociale, siedono insieme sul pavimento e mangiano. L'istituzione del langar trova le sue radici in due insegnamenti del Sikhismo: 'Kirat karo, naam japo, vand chako' (lavora, prega e condividi con gli altri tutto ciò che guadagni) e 'Sangat aur pangat' (mangia seduti insieme in file sul pavimento). Secondo Paramvir Singh, professore, dipartimento dell'enciclopedia del Sikhismo, Università del Punjabi, Patiala, la parola 'langar' ha origine in persiano e significa un luogo di ristoro pubblico dove viene dato cibo alle persone, specialmente ai bisognosi.

Qual è il legame tra Guru Nanak e langar?

Si dice che quando Guru Nanak era un ragazzo, suo padre gli diede 20 rupie e lo mandò a comprare beni, venderli e tornare con qualche profitto. Tuttavia, lungo la strada, incontrò alcuni sadhu affamati (sant'uomo). Ha usato le Rs 20 per organizzare il cibo per loro. Li fece sedere per terra e servì il cibo con le sue stesse mani. Quando Nanak tornò a casa, suo padre era furioso perché era tornato a mani vuote. Ma Nanak ha detto che ha fatto un 'Sacha Sauda' dando da mangiare a uomini affamati, che secondo lui era 'l'affare più redditizio' per lui. Attualmente, Gurdwara Sacha Sauda si trova a Farooqabad nel distretto di Sheikhupura in Pakistan, dove si crede che Guru Nanak abbia nutrito quei sadhu.





Più tardi nella sua vita, Guru Nanak rafforzò la pratica del langar a Kartarpur, la sua ultima dimora, dove aveva stabilito un dharamsala per le preghiere e a tutti veniva servito cibo senza alcuna discriminazione.


quanto guadagna jeffrey kaplan

In che modo altri guru sikh hanno contribuito a questa tradizione?

Il secondo guru sikh Angad Dev e sua moglie Mata Khivi hanno svolto un ruolo cruciale nel rafforzare la tradizione del langar. Il professor Paramvir Singh ha detto che Mata Khivi lavorava in una cucina, serviva il langar per il sangat e il suo contributo trova menzione anche nel Guru Granth Sahib.




patrimonio netto di heidi swedberg

Il terzo Sikh Guru, Amar Das, seguiva troppo devotamente 'sangat aur pangat' e chiunque lo incontrasse veniva servito per primo il langar. Si dice che anche quando l'imperatore Akbar gli venne incontro, Guru gli suggerì di far sedere prima il langar con tutti sul pavimento, cosa che Akbar accettò.

In cosa consiste l'obiettivo 'Fame Zero' delle Nazioni Unite?

L'obiettivo della 'fame zero', specificato nei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) delle Nazioni Unite, afferma: ... La fame estrema e la malnutrizione rimangono un'enorme barriera allo sviluppo in molti paesi. Si stima che 821 milioni di persone siano cronicamente denutrite a partire dal 2017, spesso come conseguenza diretta del degrado ambientale, della siccità e della perdita di biodiversità. Oltre 90 milioni di bambini sotto i 5 (anni) sono pericolosamente sottopeso. La denutrizione e la grave insicurezza alimentare sembrano aumentare in quasi tutte le regioni dell'Africa, così come in Sud America. Dice inoltre che nel 2017 l'Asia ha rappresentato quasi i due terzi, il 63% degli affamati nel mondo e quasi 151 milioni di bambini sotto i 5 anni, il 22%, sono stati rachitici nel 2017 in tutto il mondo.



'Zero Hunger With Langar' fornisce 1,50 lakh di pasti al mese ai bambini del Malawi.

Qual è l'obiettivo?

L'obiettivo, secondo il sito web delle Nazioni Unite, è, entro il 2030, porre fine alla fame e garantire l'accesso a tutte le persone, in particolare i poveri e le persone in situazioni vulnerabili, compresi i neonati, a cibo sicuro, nutriente e sufficiente tutto l'anno. Entro il 2030, porre fine a tutte le forme di malnutrizione, compreso il raggiungimento, entro il 2025, di obiettivi concordati a livello internazionale in materia di arresto della crescita e deperimento nei bambini di età inferiore ai 5 anni e affrontare i bisogni nutrizionali delle ragazze adolescenti, delle donne in gravidanza e in allattamento e degli anziani.

In che modo le organizzazioni sikh usano il langar per ridurre la fame?

Diverse organizzazioni sikh come Khalsa Aid, Langar Aid, Midland Langar Seva Society e altre si stanno ora espandendo in altri paesi in cui il langar viene utilizzato per fornire pasti nutrienti ai denutriti. Una di queste organizzazioni è 'Zero Hunger With Langar' che sta lavorando specificamente in due paesi africani, Malawi e Kenya, che sono tra i paesi con i più alti tassi di malnutrizione tra i bambini e figurano nell'elenco degli obiettivi delle Nazioni Unite.



Cosa fa 'Fame Zero con Langar'?

Fondata nel 2016, 'Zero Hunger With Langar', che opera sotto la sua casa madre 'Guru Nanak Nishkam Sewak Jatha' con sede nel Regno Unito, sta attualmente servendo oltre 1,50 lakh di pasti al mese a bambini malnutriti in Malawi e quasi 8 lakh di pasti al mese in Kenia. Jagjit Singh, che ha fondato il progetto nel 2016, afferma: Miriamo a combattere la fame nel mondo con il langar. Abbiamo iniziato questo progetto dopo che le Nazioni Unite hanno annunciato 'fame zero' come obiettivo. In Kenya coltiviamo 300 acri di terra e puntiamo a servire 10 milioni di pasti all'anno. Il Malawi è tra i paesi con i più alti livelli di malnutrizione al mondo, quindi abbiamo iniziato a servire lì per primi. Ci rivolgiamo ai bambini delle scuole primarie, degli asili nido perché lì i bambini vengono sfruttati per qualcosa di fondamentale come il cibo. Sono fatti lavorare in cambio di cibo. Ora stiamo servendo pasti di porridge altamente nutrienti con mais, soia ecc. Ricchi di carboidrati e altre vitamine, minerali per loro. Dal 2016 abbiamo servito più di 3 milioni di pasti in Malawi. Le famiglie povere qui stavano solo mescolando acqua nella farina di mais e bevendola per riempirsi lo stomaco.

Qual è stato l'impatto del movimento 'Fame Zero con Langar' in Malawi? Quanto è grave il problema qui secondo l'UNICEF?

Jagjit Singh afferma: La frequenza nelle scuole primarie e negli asili nido è notevolmente migliorata. Siamo privi di malnutrizione per oltre il 90% nei nostri centri in Malawi in cui operiamo.



Secondo un rapporto dell'UNICEF pubblicato nel 2018, in Malawi la malnutrizione rimane ancora una seria sfida e contribuisce a prevenire la morte dei bambini. Il 23% di tutte le morti di bambini in Malawi sono legate alla malnutrizione. Il 4% dei bambini sotto i 5 anni qui soffre ancora di malnutrizione acuta. Si verifica anemia nel 64 per cento dei bambini dai 6 ai 59 mesi. Il 37% dei bambini è affetto da arresto della crescita e solo l'8% dei bambini dai 6 ai 23 mesi soddisfa la dieta minima accettabile.


dave franco's instagram

In India, quali sono le cucine più grandi che servono il langar?

La cucina langar dello Sri Harmandir Sahib (Tempio d'oro) ad Amritsar nutre quasi un lakh di persone al giorno al giorno. A Delhi, la cucina Sri Bangla Sahib gurdwara serve il langar a 45.000-50.000 persone al giorno.