Spiegazione: come la marijuana ha impedito per secoli un duello di 100 metri - Luglio 2022

La velocista americana Sha'Carri Richardson ha accettato una squalifica di un mese dopo aver fallito un test antidoping. Le mancheranno le Olimpiadi di Tokyo? Quanto è veloce?

Sha'Carri RIchardson è risultata positiva alla cannabis dopo aver vinto i 100 metri alle prove statunitensi il mese scorso (AP Photo/Ashley Landis)

L'americano Sha'Carri Richardson, 21 anni, doveva emergere come una star alle Olimpiadi di Tokyo. La sua resa dei conti con la campionessa del mondo, la 34enne giamaicana Shelly Ann-Frazer Pryce, doveva durare nel tempo. Tuttavia, la gara tanto attesa non accadrà ora poiché Richardson, che ha vinto le prove di atletica leggera negli Stati Uniti il ​​mese scorso, ha accettato un divieto di un mese dopofallendo un test antidoping.Non per uno dei famigerati steroidi anabolizzanti, ma per la marijuana o l'erba/erba, una droga ricreativa comunemente usata.

Quindi un atleta che usa marijuana può comportare un divieto ai sensi del codice dell'Agenzia mondiale antidoping (WADA)?



Sì, fumare non è consigliabile.



I composti naturali e sintetici della pianta di marijuana sono vietati in competizione.

Esistono diversi tipi di cannabinoidi, o composti, secondo il sito web della WADA, e di questi il ​​delta-9-tetraidrocannabinolo (THC) è il principale composto psicoattivo 'che altera la mente o il comportamento'. Un atleta può cavarsela se ha meno di 150 nanogrammi per millilitro (ng/ml) di THC nelle urine.




hofit golan età

Tuttavia, c'è un'eccezione alla regola della marijuana.

Il cannabidiolo (CBD), un composto utilizzato per la marijuana medica, è stato rimosso dall'elenco delle sostanze proibite dalla WADA nel 2019. Il cannabidiolo non dà uno sballo come il THC e ha proprietà antinfiammatorie e miorilassanti. Ma la WADA mette in guardia anche gli atleti dall'usare il CBD come olio in quanto 'potrebbe contenere anche THC e altri cannabinoidi che potrebbero risultare in un test positivo per un cannabinoide proibito'.

La marijuana migliora le prestazioni?

C'è stato un dibattito su quanto aiuti un atleta. Secondo un documento 'Cannabis in Sport' pubblicato nel 2011 dalla WADA, può portare a 'un aumento dell'assunzione di rischi, tempi di reazione più lenti e scarsa funzione esecutiva o processo decisionale'.



Tuttavia, il documento afferma anche che gli atleti hanno affermato che sotto l'influenza della cannabis, 'i loro pensieri fluiscono più facilmente e il loro processo decisionale e la loro creatività sono migliorati'. La cannabis, affermano gli atleti, migliora la loro concentrazione o riduce il dolore. Ginnasti, tuffatori, giocatori di calcio e giocatori di basket hanno affermato che la cannabis li aiuta a concentrarsi meglio.

A seconda della natura del composto e della potenza, possono essere necessari fino a mesi per eliminare la marijuana dal sistema.

Anche in Spiegato|Il ritiro del campione olimpico Roehler migliora le prospettive di medaglia di Neeraj Chopra a Tokyo?

Richardson ha fornito ragioni per essere risultato positivo alla marijuana?

Subito dopo la notizia, Richardson ha pubblicato un tweet: 'Sono umano'. In una successiva intervista al Today Show, la velocista ha affermato che la notizia della morte di sua madre, una settimana prima dei processi, l'aveva messa in uno 'stato di panico emotivo'. È stata allevata da sua nonna.




qual è il patrimonio netto di ina garten

So cosa ho fatto, so cosa dovrei fare... e ho comunque preso quella decisione... Non sto cercando una scusa o cercando empatia nel mio caso, ma, tuttavia, essere in quella posizione nella mia vita , scoprire qualcosa del genere, qualcosa che direi è probabilmente una delle cose più grandi che mi hanno colpito...

In un'altra intervista alla NBC, ha fatto appello alla comprensione: dico solo, non giudicarmi e sono umana. Io sono te, è solo che corro un po' più veloce.



Allora, quanto è veloce Richardson?

Ad aprile, ha corso 10,72 secondi in Florida, il sesto tempo più veloce di sempre nei 100 metri femminili. Nelle semifinali delle prove statunitensi di giugno, ha corso un 10,64 metri assistiti dal vento, che – se legale – sarebbe stato il terzo miglior tempo di sempre. Tuttavia, il suo 10.72 è il secondo più veloce dell'anno dietro il 10.63 di Fraser-Pryce. Richardson e Fraser-Pryce avrebbero dovuto farne una storica finale dei 100 metri femminili con il record mondiale di Florence Griffith-Joyner di 10.49, stabilito nel 1988, a rischio.

La Richardson è entrata in scena nel 2019 ai Campionati NCAA di Austin, dove ha battuto il record mondiale U20 di 100m e 200m.

Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta

Richardson mancherà alle Olimpiadi di Tokyo?

Il suo divieto di un mese è retrodatato al 28 giugno, il che significa che avrebbe potuto partecipare alle manche dei 100 metri il 30 luglio se non fosse stato per i criteri di selezione di vecchia data di USA Track and Field.

I primi tre alle prove vanno ai Giochi. Secondo il New York Times, Jenna Prandini, la quarta classificata alle prove, sarà ora aggiornata. Gabby Thomas, quinto nelle prove, sarà in standby.

Tuttavia, Richardson potrebbe far parte della staffetta 4×100 metri composta da sei atleti, i primi quattro delle prove dei 100 metri e due aggiunte solitamente scelte dagli arbitri.