Spiegazione: sintomi simili in Covid-19, lesioni polmonari causate dallo svapo - Gennaio 2022

Pubblicato su SAGE Open Medical Case Reports, lo studio presenta una serie di casi di tre adolescenti che hanno presentato problemi respiratori all'Università della California-Davis (UC Davis) Health durante la pandemia.

Un medico e un'infermiera eseguono una radiografia del torace di un paziente presso l'unità di terapia intensiva per pazienti Covid-19 nell'ospedale Andras Josa di Nyiregyhaza, Ungheria, giovedì 25 novembre 2020 (Attila Balazs/MTI via AP)

Le lesioni polmonari causate dal Covid-19 e le sue manifestazioni sono simili a quelle causate dalle sigarette elettroniche e dallo svapo, ha sottolineato un nuovo studio. Pubblicato su SAGE Open Medical Case Reports, lo studio presenta una serie di casi di tre adolescenti che hanno presentato problemi respiratori all'Università della California-Davis (UC Davis) Health durante la pandemia. Alla fine si sono rivelatiCovid-negativo, ma ognuno aveva una storia di svapo.

I professionisti medici usano l'acronimo EVALI per descrivere la lesione polmonare associata all'uso del prodotto da sigaretta elettronica o svapo.



Gli autori dello studio hanno sottolineato che EVALI eCovid-19condividono molti sintomi ma hanno piani di trattamento molto diversi. Hanno sottolineato che anche gli operatori sanitari che si prendono cura di pazienti pediatrici con insufficienza respiratoria inspiegabile dovrebbero prendere in considerazione EVALI e chiedere una storia di fumo/svapo rilevante.




patrimonio netto mel b 2016

I sintomi comuni tra EVALI e Covid-19 includono febbre, tosse, nausea, dolore addominale e diarrea. Con la pandemia, è facile perdere la diagnosi di EVALI, hanno detto i ricercatori.


quanto è alta Ashley Greene

Nella casistica descritta nello studio, i pazienti si sono presentati con febbre, nausea e tosse. Avevano battito cardiaco accelerato, respirazione rapida e bassi livelli di ossigeno nel sangue. I risultati dei test indicavano un'infiammazione comunemente osservata nel Covid-19, ma il test SARS-CoV-2 è risultato negativo. Quando i pazienti condividevano le informazioni sul recente svapo, i medici potevano diagnosticare EVALI e trattarli con successo con i corticosteroidi.



Express Explained è ora su Telegram

Immagine a raggi X del torace su un paziente con lesione polmonare dovuta allo svapo. (UC Davis Salute)

Cambio di svapo


zac perna age

Un'altra connessione tra lo svapo/uso di sostanze e la pandemia è evidenziata in un altro studio, pubblicato sulla stessa rivista. Un sondaggio condotto dai ricercatori della Mayo Clinic ha rilevato cambiamenti nell'uso dello svapo tra i giovani adulti dopo l'inizio della pandemia. Anche questi studi hanno sottolineato l'importanza dello screening per lo svapo e l'uso di sostanze durante la pandemia.



Lo studio ha riguardato i pazienti che visitano i reparti ambulatoriali nelle sedi della Mayo Clinic. Di 1.018 intervistati, 542 hanno riferito di svapare o usare marijuana, tabacco o alcol durante la pandemia. Gli spostamenti osservati:

  • Quasi il 70% ha aumentato il consumo di alcol.
  • Lo svapo è diminuito nel 44% delle persone e aumentato nel 27,9%.
  • L'uso di prodotti del tabacco è diminuito nel 47,3% delle persone, mentre il 24,1% delle persone ha aumentato il consumo.
  • Delle 140 persone che hanno descritto un cambiamento nell'uso di marijuana, il 39,2% ha aumentato l'uso e il 36% ha ridotto l'uso.

Da non perdere da Explained | Conclusioni dall'errore del vaccino Covid-19 dell'Università di Oxford

X