Spiegazione: quali sono le linee guida Covid-19 per i passeggeri internazionali che arrivano in India? - Gennaio 2022

Nuove linee guida Covid-19: il Centro ha aggiornato le sue linee guida per l'arrivo internazionale nel tentativo di frenare la diffusione del coronavirus, con un focus specifico su coloro che arrivano dal Regno Unito, dal Brasile e dal Sud Africa.

linee guida covid, linee guida covid 19, linee guida coronavirus, nuove linee guida covid, nuove linee guida covid in india, nuove linee guida covid 19, nuove regole covid, notizie linee guida covid, nuove linee guida covid per voli internazionaliI passeggeri escono dall'aeroporto internazionale di Chandigarh a Mohali. (Foto espresso: Jasbir Malhi, file)

Con l'emergere di nuove varianti di Covid-19 e la scoperta di occorrenze in India, il Centro ha aggiornato le sue linee guida per l'arrivo internazionale nel tentativo di frenare la diffusione del virus con un'attenzione specifica a coloro che arrivano nel paese dal Regno Unito, dal Brasile e Sud Africa.

Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta




patrimonio netto di pat boone

A quali passeggeri internazionali si applicano queste nuove linee guida?

Queste nuove Procedure Operative Standard sono applicabili a tutti i viaggiatori internazionali in arrivo provenienti da Regno Unito, Brasile o Sud Africa in transito su voli provenienti da Regno Unito, Europa e Medio Oriente. La categorizzazione più ampia per queste località è stata fatta perché non ci sono voli diretti tra l'India, il Brasile e il Sud Africa; e la maggior parte dei passeggeri in arrivo da questi paesi arriva tramite voli in transito dall'Europa o dal Medio Oriente.



Quali sono le linee guida per i passeggeri internazionali in arrivo da questi luoghi?

Oltre alle consuete procedure di compilazione di un modulo di autodichiarazione e invio dello stesso sul portale Air Suvidha all'indirizzohttp://www.newdelhiairport.in, coloro che arrivano su voli dal Regno Unito, Europa e Medio Oriente dovranno sottoporsi a un test RT-PCR prima del volo e saranno obbligatoriamente sottoposti a test molecolari di conferma autopagati all'arrivo al porto di ingresso indiano. Se l'esito di questi test in aeroporto è negativo, i passeggeri devono sottoporsi a quarantena domiciliare per sette giorni e poi essere riesaminati. Se risultano nuovamente negativi, devono auto-monitorare la propria salute per altri sette giorni. Tuttavia, nel caso in cui risultino positivi in ​​qualsiasi momento dopo l'arrivo, verranno messi in isolamento e verranno applicati i protocolli di trattamento.



Cosa devono tenere a mente i passeggeri?

Per i passeggeri che prendono voli verso aeroporti più piccoli dopo essere arrivati ​​in uno degli hub internazionali in India come Delhi, Mumbai, Bengaluru, Chennai, Kochi, ecc., sarà obbligatorio dichiarare la destinazione finale durante la compilazione del modulo di autodichiarazione prima di prendere il volo. All'arrivo al porto di entrata, come tutti gli altri passeggeri di questa categoria, dovranno sottoporsi ai test molecolari di conferma autopagati obbligatori, e saranno ammessi sui voli in coincidenza solo se negativi. Pertanto, il governo ha raccomandato che per tutti coloro che prendono voli in coincidenza all'interno dell'India, ci dovrebbe essere un intervallo di almeno 6-8 ore tra i due voli. Ad esempio, se qualcuno prende un volo da Johannesburg a Ranchi via Dubai e Delhi, dovrebbero esserci almeno 6-8 ore di tempo tra il volo in arrivo a Delhi da Dubai e quello in partenza da Delhi a Ranchi.

Come verranno identificati i passeggeri in arrivo da Brasile, Regno Unito e Sudafrica?

Il governo ha chiesto alle compagnie aeree di identificare i viaggiatori internazionali in arrivo o in transito attraverso Regno Unito, Brasile e Sud Africa (negli ultimi 14 giorni) e di segregarli in volo o in fase di sbarco per facilitare le autorità a seguire il dovuto protocollo nei confronti di questi i viaggiatori. Gli ufficiali dell'immigrazione di questi aeroporti garantiranno anche l'identificazione dei viaggiatori dai loro passaporti, che hanno avuto origine o sono transitati dal Regno Unito, dal Brasile e dal Sudafrica negli ultimi 14 giorni.

ISCRIVITI ADESSO :Il canale Telegram spiegato Express




ben hardy età

E gli altri passeggeri internazionali?

Per gli altri passeggeri che non rientrano in questa categoria, le regole rimangono le stesse e saranno soggetti alle esenzioni e alle norme di quarantena esistenti all'arrivo. Tuttavia, tutti coloro che sono venuti in contatto con viaggiatori provenienti da Regno Unito, Sudafrica e Brasile risultati positivi (in aeroporto o successivamente durante il periodo di quarantena domiciliare), saranno sottoposti a quarantena istituzionale in centri di quarantena separati e verrebbero testati sul settimo giorno (o prima se si sviluppano sintomi).