Spiegato: cos'è Sikhs for Justice, gruppo pro-Khalistan bandito dal governo indiano? - Luglio 2022

Sikh per la giustizia: la campagna secessionista, chiamata Referendum 2020, cerca di liberare il Punjab dall'occupazione indiana. Gurpatwant Singh Pannun, laureato in giurisprudenza alla Panjab University e attualmente avvocato negli Stati Uniti, è il volto di SFJ e del suo consulente legale.

Sikhs for Justice (SFJ), formato nel 2007, è un gruppo con sede negli Stati Uniti che cerca una patria separata per i sikh

Mercoledì il Centro ha bandito un gruppo separatista,Sikh per la giustizia, per motivi di secessionismo. Operando fuori dagli Stati Uniti, il gruppo ha cercato di costruire una campagna per la secessione del Punjab.

Il gruppo



Sikhs for Justice (SFJ), formato nel 2007, è un gruppo con sede negli Stati Uniti che cerca una patria separata per i sikh, un Khalistan nel Punjab. Gurpatwant Singh Pannun, laureato in giurisprudenza alla Panjab University e attualmente avvocato negli Stati Uniti, è il volto di SFJ e del suo consulente legale. La campagna secessionista, chiamata 'Referendum 2020', cerca di liberare il Punjab dall'occupazione indiana. Nelle parole di Pannun, SFJ nella sua Dichiarazione di Londra [nell'agosto 2018] ha annunciato di tenere il primo referendum non vincolante tra la comunità sikh globale sulla questione della secessione dall'India e il ripristino del Punjab come paese indipendente. SFJ ha annunciato di tenere le elezioni per il referendum nel novembre 2020 che ha pianificato di tenere nel Punjab insieme alle principali città del Nord America, Europa, Australia, Nuova Zelanda, Malesia, Filippine, Singapore, Kenya e Paesi del Medio Oriente.




altezza di gwilym lee

Il 'Referendum 2020' ha un sito web dedicato, che osserva: una volta che c'è un consenso all'interno del popolo punjabi che si desidera l'indipendenza dall'India, ci avvicineremo alle Nazioni Unite e ad altre forme e organismi internazionali con l'obiettivo di ristabilire il Punjab come Nazione stato.

Il divieto



Mentre vietava SFJ ai sensi dell'Unlawful Activities (Prevention) Act, il Ministero dell'Interno ha osservato: Nella veste del cosiddetto referendum per i sikh, SFJ sta effettivamente sposando il secessionismo e l'ideologia militante nel Punjab, mentre opera da porti sicuri su terreni stranieri e attivamente sostenuto da forze nemiche in altri paesi.

Gurpatwant Singh Pannun, consulente legale di SFJ. (Archivio espresso)

Un dossier preparato dalla polizia del Punjab elenca vari post secessionisti sui social media da SFJ nel corso degli anni, dall'affermare che l'attacco di Pulwama non può essere definito un atto di terrorismo al sostegno ai separatisti del Kashmir; dall'estensione dell'assistenza legale per bloccare l'estradizione dei fuggitivi ricercati dall'India, tra cui il residente nel Regno Unito Paramjit Singh Pamma dal Portogallo e la mente del jailbreak di Nabha Ramanjit Singh Romi da Hong Kong. Nella semifinale della Coppa del Mondo, i tifosi pro-Khalistani con le magliette 'Referendum 2020' a Manchester potrebbero essere stati un altro punto critico che ha portato al divieto.

Quasi una dozzina di casi sono registrati contro SFJ e Pannun, inclusi tre casi di sedizione nel Punjab.



Il collegamento con il Pakistan

La polizia del Punjab ha affermato che SFJ e 'Referendum 2020' sono supportati dal Pakistan. Funzionari dell'intelligence hanno affermato che i siti Web di SFJ condividono il loro dominio e i contenuti provengono da un sito Web con sede a Karachi. Lo stesso Pannun aveva rilasciato una dichiarazione, che fa parte del dossier della polizia del Punjab, in cui aveva invitato il primo ministro pachistano Imran Khan a sostenere politicamente il 'Referendum 2020', citando la caduta di Dacca nel dicembre 1971 con l'intervento dell'esercito indiano e esortando il Pakistan a annullare la sua incapacità di sostenere i sikh durante gli eventi del 1984.

L'uomo dietro SFJ



Pannun afferma che il 'Referendum 2020' è un movimento pacifico e democratico. In una lettera all'ambasciatore degli Stati Uniti in India lo scorso anno, Pannun ha scritto: C'è una forte e crescente apprensione che la propaganda negativa infondata dell'India contro la campagna Referendum2020 si basi su predicati fattuali inventati; la detenzione illegale e la tortura degli attivisti del referendum e l'accusa di sedizione/terrorismo è un preludio alla preparazione dell'India per schiacciare violentemente il movimento pacifico e democratico per l'indipendenza del Punjab occupato dall'India.

Nel corso degli anni, il laureato in giurisprudenza e MBA ha fatto notizia per aver avviato varie cause contro politici indiani. Negli Stati Uniti, ha intentato cause contro i primi ministri in visita Manmohan Singh e Narendra Modi sulle questioni delle rivolte anti-sikh del 1984 e delle rivolte del Gujarat del 2002, rispettivamente. Ha anche citato in giudizio l'attore Amitabh Bachchan. Nel 2016, il primo ministro del Punjab, Amarinder Singh, ha dovuto annullare una visita in Canada a seguito di un caso presentato da SFJ.



Dopo il divieto

Amarinder Singh ha salutato il divieto, descrivendolo come il primo passo verso la protezione della nazione dai disegni anti-India/secessionisti dell'organizzazione sostenuta dall'ISI. Il ministro delle carceri del Punjab Sukhjinder Singh Randhawa, che una volta Pannun ha minacciato, ha dichiarato: 'Dovremmo chiedere l'estradizione di Pannun come viene chiamato nelle FIR'.

Pannun ha reagito caricando un video in cui si vede dare fuoco alla bandiera indiana, con un messaggio all'India che non si può fermare il referendum.