Spiegato: cosa significa l'uscita della Russia per il Trattato sui cieli aperti? - Potrebbe 2022

A novembre, gli Stati Uniti hanno lasciato l'OST per primi dopo aver accusato la Russia di aver violato il patto, accuse che la Russia ha negato. Mosca ha ora incolpato Washington per la propria decisione di lasciare il trattato.

Spiegato: cosa significa lSebbene fosse previsto come un accordo chiave per il controllo degli armamenti, molti a Washington avevano accusato per oltre un decennio la Russia di non conformità con i protocolli OST, accusando Mosca di ostacolare i voli di sorveglianza sul suo territorio, mentre abusava delle proprie missioni per raccogliere dati tattici chiave.

In quello che gli esperti temono possa portare a una crescente sfiducia tra le potenze globali, venerdì la Russia ha annunciato che stava uscendo dall'Open Skies Treaty (OST), un accordo tra oltre 30 paesi che consente ai partecipanti di effettuare voli di ricognizione disarmati su qualsiasi parte del loro compagno membro stati.


conor mcgregor patrimonio netto 2014

A novembre, gli Stati Uniti hanno lasciato l'OST per primi dopo aver accusato la Russia di aver violato il patto, accuse che la Russia ha negato. Mosca ha ora incolpato Washington per la propria decisione di lasciare il trattato.



Cos'è il Trattato Cieli Aperti?

Proposto per la prima volta nel 1955 dall'ex presidente degli Stati Uniti Dwight Eisenhower come mezzo per allentare le tensioni durante la Guerra Fredda, il trattato di riferimento fu infine firmato nel 1992 tra i membri della NATO e i paesi dell'ex Patto di Varsavia in seguito alla scomparsa dell'Unione Sovietica. È entrato in vigore nel 2002 e ha avuto 35 firmatari, inclusi attori chiave USA e Russia, insieme a un membro non ratificante (Kirghizistan).



L'OST mira a costruire la fiducia tra i membri attraverso l'apertura reciproca, riducendo così le possibilità di guerra accidentale. In base al trattato, uno Stato membro può spiare qualsiasi parte della nazione ospitante, con il consenso di quest'ultima. Un paese può effettuare riprese aeree sullo stato ospitante dopo aver dato un preavviso 72 ore prima e aver condiviso la sua esatta rotta di volo 24 ore prima.

Le informazioni raccolte, ad esempio sui movimenti delle truppe, sulle esercitazioni militari e sul dispiegamento di missili, devono essere condivise con tutti gli Stati membri. Sui voli di sorveglianza sono consentite solo apparecchiature di imaging approvate e anche i funzionari dello Stato ospitante possono rimanere a bordo durante il viaggio pianificato.



ISCRIVITI ADESSO :Il canale Telegram spiegato Express

Allora, perché gli Stati Uniti hanno lasciato il Trattato Cieli Aperti?

Sebbene fosse previsto come un accordo chiave per il controllo degli armamenti, molti a Washington avevano accusato per oltre un decennio la Russia di non conformità con i protocolli OST, accusando Mosca di ostacolare i voli di sorveglianza sul suo territorio, mentre abusava delle proprie missioni per raccogliere dati tattici chiave.

Secondo un rapporto del New York Times, anche il presidente degli Stati Uniti Donald Trump era scontento che una ricognizione russa avesse sorvolato il suo campo da golf nello stato del New Jersey nel 2017.




quanto vale tom petty

Nel maggio 2020, l'amministrazione Trump ha annunciato l'intenzione di ritirarsi dall'OST, accusando la Russia di aver violato in modo flagrante e continuo il Trattato in vari modi per anni, e l'ha lasciata nel novembre dello stesso anno.

Perché la Russia è partita dopo gli Stati Uniti?

Una questione controversa sulla conformità della Russia all'OST era la sua presunta riluttanza a consentire voli su Kaliningrad, la sua exclave nell'Europa orientale che si trova tra gli alleati della NATO, Lituania e Polonia. La Russia ha difeso la sua posizione affermando che le restrizioni erano consentite dalle regole del trattato e ha fornito l'esempio degli Stati Uniti che impongono limiti simili ai voli sull'Alaska.

Dopo che gli Stati Uniti hanno lasciato l'OST, la Russia ha chiesto assicurazioni agli alleati della NATO che hanno continuato a rimanere sul trattato che non avrebbero trasferito i dati raccolti dai loro voli sulla Russia a Washington. Nella sua dichiarazione, la Russia ha affermato che queste richieste non sono state sostenute dai membri della NATO, spingendola a lasciare il trattato.



Importanza del Trattato Cieli Aperti

L'OST è stato firmato nel 1992, molto prima dell'avvento della tecnologia avanzata di imaging satellitare, che è attualmente la modalità preferita per la raccolta di informazioni. Tuttavia, secondo un rapporto dell'Economist, i velivoli di sorveglianza forniscono informazioni chiave che ancora non possono essere raccolte dai sensori satellitari, come i dati di imaging termico.

In particolare, il rapporto dell'Economist menziona anche l'utilità dell'OST per Washington, che dal 2002 ha effettuato oltre 200 missioni di sorveglianza sulla Russia e sulla sua alleata Bielorussia. Un ex funzionario di Trump aveva anche salutato i dati OST raccolti durante il conflitto Russia-Ucraina del 2014. Complessivamente, secondo l'Associated Press, sono stati condotti più di 1.500 voli sotto l'OST.



Cosa succede ora che sia gli Stati Uniti che la Russia sono fuori?

Il fallimento del Trattato Cieli Aperti segue la fine di un altro importante accordo sul controllo degli armamenti, ilTrattato sulle forze nucleari a raggio intermedio (INF), dopo che sia gli Stati Uniti che la Russia l'hanno lasciato nel 2019.


quanto vale Gwyneth Paltrow

Il Trattato INF è stato firmato tra gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica nel 1987, in cui entrambe le potenze hanno deciso di distruggere due categorie di sistemi missilistici letali dalle proprie scorte come mezzo per rallentare la corsa agli armamenti nucleari.

Gli esperti ora si preoccupano del destino dell'accordo di controllo delle armi nucleari 'Nuovo START' molto più ampio tra Stati Uniti e Russia, che scadrà il 5 febbraio 2021. Il presidente eletto degli Stati Uniti Joe Biden, che entrerà in carica il 20 gennaio, ha parlato in favorevole alla conservazione del trattato, al contrario del presidente uscente Trump, che non ha voluto rinnovarlo se non fosse entrata anche la Cina. Nonostante la volontà di Biden, tuttavia, si teme che i negoziati con la Russia non vengano completati prima della scadenza di febbraio.