Spiegato: quando si dovrebbe fare una vaccinazione se infetto da Covid-19 e in caso contrario? - Potrebbe 2022

Vaccino contro il coronavirus: quanto tempo puoi permetterti di aspettare la prima o la seconda dose e come cambia se sei infetto da Covid-19 durante l'attesa?

Una donna viene vaccinata contro il nuovo coronavirus a Nuova Delhi. (Foto espresso: Amit Mehra)

Una fornitura limitata di vaccini Covid-19 ha portato a un lento lancio e molti in tutto il paese non sono stati in grado di prenotare uno slot. Quanto tempo puoi permetterti di aspettare la prima o la seconda dose e come cambia se sei infetto da Covid-19 durante l'attesa?

Qual è il regime di vaccinazione seguito in India?



Oltre 17,7 crore di persone sono state vaccinate con Covishield (il vaccino di AstraZeneca prodotto da Serum Institute of India) o Covaxin (prodotto da Bharat Biotech Limited), di cui oltre 3,9 crore hanno ricevuto la seconda dose.



Secondo l'autorizzazione iniziale concessa dal Drug Controller General of India (DGCI), la seconda dose di Covishield doveva essere somministrata 4-6 settimane dopo la prima e la seconda dose di Covaxin 28 giorni dopo la prima. L'intervallo è stato successivamente esteso a 4-8 settimane per Covishield ea 4-6 settimane per Covaxin. Ad aprile, il Centro ha consigliato di assumere la seconda dose di Covishield 6-8 settimane dopo la prima, quindi, giovedì (13 maggio), l'intervallo è stato ulteriormente aumentato a 12-16 settimane.

Anche in Spiegato| Fare il vaccino per il Covid-19? Ecco alcune cose da fare e da non fare

Se non sei stato affatto vaccinato e vieni infettato e guarisci, quando dovresti fare l'iniezione?



I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) suggeriscono di attendere 90 giorni dal giorno in cui si risulta positivo al Covid-19 se non ha ricevuto il vaccino.

L'immunologo Dr Vineeta Bal dell'Indian Institute of Science Education and Research (IISER) ha affermato che l'immunità innescata dall'infezione probabilmente durerà per alcuni mesi e sarebbe consigliabile attendere 6-8 settimane dopo il recupero. Il principale scienziato di vaccini, il dottor Gagandeep Kang, ha affermato che i dati provenienti dal Regno Unito mostrano che esiste una protezione dell'80% a seguito di un'infezione naturale con il virus SARS-CoV-2. Va bene anche aspettare fino a sei mesi, ha detto. Ciò è in linea con le raccomandazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) che ha esaminato i dati e ha affermato che era giusto ritardare la vaccinazione di sei mesi dopo un'infezione naturale, poiché è probabile che gli anticorpi naturali persistano nel corpo fino a quel momento.

Se sei stato infettato dopo aver preso la tua prima dose, come influisce sul tuo programma per la seconda iniezione?




emily hatfield geoff ramsey

La seconda dose può essere somministrata otto settimane dopo che la persona è risultata positiva all'infezione da coronavirus, secondo il dottor V Ravi, ufficiale nodale per la conferma genetica di SARS-CoV2, Karnataka e professore in pensione di neurovirologia presso l'Istituto nazionale di salute mentale e neuroscienze ( NIMHAN). Il corpo inizia a produrre anticorpi dopo l'infezione ed è come ricevere un vaccino. Tuttavia è consigliabile attendere almeno otto settimane prima di assumere la seconda dose, raccomandano gli esperti.

Per molte persone, la malattia potrebbe essere lieve o moderata se contrae l'infezione tra due dosi. Dipende da quando è avvenuta l'esposizione. È improbabile che il vaccino abbia effetto se l'esposizione avviene entro una o tre settimane dalla somministrazione della prima dose. Il decorso dell'infezione continuerebbe, ma è molto probabile che la persona possa soffrire di una forma più lieve di malattia se è positiva al Covid tre settimane dopo aver ricevuto la prima vaccinazione.

Gli scienziati stanno ancora imparando a conoscere l'immunità naturale e indotta dai vaccini. Secondo il CDC, in genere occorrono due settimane affinché il corpo costruisca una protezione dopo la vaccinazione, e quindi è possibile contrarre l'infezione.



Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta

Se non sei mai stato infettato, hai preso la prima dose e rimani non infetto, ma non puoi prendere la seconda dose a causa dell'indisponibilità, dovresti preoccuparti?



Non c'è bisogno di farsi prendere dal panico se la seconda dose viene ritardata, ma non rimandarla indefinitamente, ha affermato il dottor Shashank Joshi, membro della task force Maharashtra Covid-19. Per Covaxin, il divario può essere esteso fino a 45 giorni dal primo colpo. Per Covishield, la seconda dose può essere presa tre mesi dopo il primo colpo, ha detto.

Questi sono vaccini di prima generazione e gli studi sono in corso. The Lancet ha recentemente pubblicato uno studio che ha dimostrato che Covishield ha un'efficacia dell'81,3% se le due dosi vengono somministrate a distanza di 12 settimane, ma solo del 55,1% quando vengono somministrate a meno di 6 settimane di distanza. Il professor Ravi ha affermato che il principio fondamentale è che più lungo è il divario tra le dosi, meglio è. Ma il motivo per cui diciamo di non mantenere un intervallo più lungo è che durante questo periodo si può contrarre l'infezione. Inoltre, forse può esserci la tendenza a dimenticare di prendere la seconda dose, ha detto.

Secondo il dottor Kang, i vaccini inattivati ​​(come il Covaxin) di solito offrono una protezione minore con una dose, quindi le persone hanno bisogno di due dosi che danno una protezione dell'80%. Qualche settimana qua e là non farà molta differenza, ma prendi la seconda dose, ha detto. Ha assicurato che non c'è motivo di ripetere il ciclo. La DGCI ha recentemente permesso a Bharat Biotech di somministrare una terza dose di Covaxin ad alcuni volontari in studi clinici.

Se hai preso Covaxin come prima dose ma trovi che non è disponibile per la seconda, puoi invece prendere Covishield?


kaitlyn pratt bio

Poiché tutti gli sforzi di sviluppo del vaccino sono stati condotti in modo indipendente, non ci sono dati per fare una dichiarazione sulla possibilità di utilizzare due vaccini diversi per due dosi, ha affermato il dott. Bal. I problemi di coordinamento, infatti, peggioreranno con la disponibilità di più vaccini. Essenzialmente, è un problema amministrativo e non accademico/scientifico, ha affermato il dott. Bal.

Secondo il CDC, i vaccini contro il Covid-19 non sono intercambiabili. I vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna utilizzati negli Stati Uniti sono vaccini mRNA. In situazioni in cui lo stesso prodotto vaccino mRNA è temporaneamente non disponibile, è preferibile ritardare la seconda dose (fino a sei settimane) per ricevere lo stesso prodotto piuttosto che ricevere una serie mista utilizzando un prodotto diverso, ha affermato il CDC.