Spiegato: perché il debutto in borsa di Saudi Aramco è un grosso problema? - Luglio 2022

Aramco IPO: la società controlla le seconde riserve accertate di greggio al mondo e ha pompato in media circa 10 milioni di barili ogni giorno negli ultimi anni. Si tratta di circa un decimo della produzione mondiale di petrolio.

Saudi Aramco è un gigante del petrolio e del gas naturale che gestisce giacimenti di petrolio e di gas naturale in tutto il regno e all'estero

L'Arabia Saudita ha finalmente approvato il debutto in borsa del gigante produttore di petrolio statale, Saudi Aramco, probabilmente l'impresa commerciale più redditizia del mondo. Si prevede che questa sarà la più grande offerta pubblica iniziale (IPO) al mondo.


lo bosworth fidanzato

Cos'è Saudi Aramco?

La compagnia, ufficialmente conosciuta come Saudi Arabian Oil Company, è un gigante del petrolio e del gas naturale che gestisce giacimenti petroliferi e di gas naturale in tutto il regno e all'estero, ed è indiscutibilmente il gioiello della corona dell'economia dell'Arabia Saudita. Ha filiali in tutto il mondo.



Aramco ha il controllo delle seconde riserve accertate di greggio al mondo e negli ultimi anni ha pompato in media circa 10 milioni di barili ogni giorno. Si tratta di circa un decimo della produzione mondiale di petrolio.



Aramco ha registrato un fatturato di $ 388 miliardi nel 2018 (o oltre un miliardo di dollari al giorno) e il suo reddito netto di $ 111 miliardi l'anno scorso è stato superiore a quello di ExxonMobil, Shell, BP, Total e Chevron messi insieme e il doppio del profitto di Apple Inc. Nei primi sei mesi del 2019 ha guadagnato quasi 47 miliardi di dollari.

La società che si dice dia lavoro a 70.000 persone a livello globale è interamente di proprietà del governo dell'Arabia Saudita e la sua gestione è supervisionata dal Ministero dell'Energia di Riyadh, che è sotto la responsabilità di Abdulaziz bin Salman bin Abdulaziz Al Saud, figlio del re Salman del regno.



Quanto venderà Aramco?

Non è ancora noto. Nel suo annuncio del 3 novembre, la Capital Market Authority (CMA) del paese ha affermato solo che il consiglio di amministrazione della CMA ha emesso la sua risoluzione approvando la domanda (di Saudi Aramco) per la registrazione e l'offerta di parte delle sue azioni e che il prospetto della Società sarà pubblicato prima dell'inizio del periodo di abbonamento.

Le negoziazioni dovrebbero iniziare a dicembre. I banchieri della transazione hanno detto al governo saudita che è probabile che gli investitori valutino la società a circa $ 1,5 trilioni, secondo il New York Times, citando persone informate sulla questione. Il colosso cinese dell'e-commerce Alibaba ha raccolto quasi 22 miliardi di dollari in un giorno nel 2014, il record dell'IPO finora.

Detto questo, l'IPO di Aramco potrebbe non essere all'altezza delle aspettative dell'Arabia Saudita. Quando il principe ereditario Mohammed bin Salman, il sovrano de facto del paese, ha annunciato i piani di IPO di Aramco nel 2016, aveva affermato che la società poteva essere valutata a $ 2 trilioni. Aveva detto che l'IPO sarebbe arrivata nel 2017 e che le azioni sarebbero state negoziate sia nelle borse internazionali che a Riyadh.



In ogni caso, si prevede che sarà resa disponibile solo una quota molto ridotta della società: le stime oscillano tra il 3 e il 5 per cento.

Cosa farà Aramco con i soldi che raccoglie?

Si prevede che gran parte dei proventi dell'IPO confluiranno nel Fondo per gli investimenti pubblici dell'Arabia Saudita, un fondo sovrano che MBS vuole utilizzare come veicolo per liberare il regno dalla sua dipendenza dal petrolio.

Il Fondo per gli investimenti pubblici ha effettuato investimenti in Uber, energie rinnovabili e iniziative immobiliari che mirano a creare occupazione per i sauditi. La nuova città di Neom è prevista nel nord-ovest del Paese, per la quale nel tempo saranno necessari circa 500 miliardi di dollari dal Fondo per gli investimenti pubblici e da altri investitori.



Aramco sta anche acquistando una quota del 20% nella raffineria di petrolio e nel settore chimico di Reliance con un valore aziendale di 75 miliardi di dollari, tra i maggiori investimenti stranieri in India.

Da non perdere da Explained: In un primo dal 1965, due cicloni sul Mar Arabico portano la pioggia nel Maharashtra