ExplainSpeaking: 5 motivi ciascuno per cui la RBI potrebbe scegliere di aumentare i tassi di interesse questa settimana e perché potrebbe non farlo - Gennaio 2022

A dire il vero, la RBI si è trovata in una posizione poco invidiabile. Anche se è vero che deve controllare l'inflazione nell'economia interna, la banca centrale non ha il pieno controllo di tutte le ragioni che portano a un'impennata dei prezzi.

Un pedone passa davanti all'edificio della Reserve Bank of India (RBI) a Mumbai (Fotografo: Kanishka Sonthalia/Bloomberg)

Cari lettori,

Più tardi questa settimana, l'8 ottobre per l'esattezza, la Reserve Bank of India rivedrà la sua posizione di politica monetaria. Se hai letto ExplainSpeaking regolarmente, ricorderesti come, negli ultimi due anni, la RBI ha provato tutto il suo arsenale per aumentare la crescita economica dell'India, scegliendo di controllare l'inflazione a pedale morbido. Questo è stato cruciale perché mantenere l'inflazione al dettaglio vicino al 4% è il requisito legale per RBI; non esiste tale mandato (anzi, non può esserci) rispetto alla crescita del PIL. In passato, ExplainSpeaking ha anche elaborato comeLa priorità della crescita della RBI potrebbe portare a una spirale inflazionistica, che, una volta messo in moto, può essere difficile da controllare.



A dire il vero, la RBI si è trovata in una posizione poco invidiabile. Anche se è vero che deve controllare l'inflazione nell'economia interna, la banca centrale non ha il pieno controllo di tutte le ragioni che portano a un'impennata dei prezzi.



Prendiamo, ad esempio, il governo che impone tasse elevate su benzina e diesel. I prezzi elevati del carburante tendono ad avere un enorme picco inflazionistico non solo direttamente, ovvero quando si ottiene un pieno di benzina per un SUV o uno scooter, ma anche indirettamente, quando, ad esempio, l'azienda che fornisce frutta e verdura decide di rinunciare l'aumento dei suoi costi di trasporto.

La RBI non può chiedere al governo di ridurre le tasse sui prodotti petroliferi così come non può dettare quanti soldi il governo dovrebbe prendere in prestito in un determinato anno.




Drake Hogestyn Health

L'indebitamento pubblico è un altro fattore chiave. Se la RBI stampa denaro per finanziare il divario tra la spesa pubblica e le entrate, è molto probabile che il denaro extra nel sistema alimenterà l'inflazione. La RBI è di proprietà del governo e non può dire al governo che non gli fornirà i soldi necessari per attuare le decisioni politiche.

Inoltre, abbastanza spesso l'inflazione al dettaglio è dovuta all'aumento dei prezzi di frutta e verdura a causa di fattori temporanei sui quali la RBI non ha alcun controllo, ad esempio piogge fuori stagione che rovinano un raccolto e provocano un'impennata dei prezzi degli articoli alimentari.

Poi ci sono tutta una serie di fattori internazionali.



I prezzi del greggio sono critici. La scorsa settimana hai letto che i prezzi del greggio hanno superato la soglia degli 80 dollari al barile per la prima volta in tre anni. La RBI ha poco controllo su come vengono determinati i prezzi o l'offerta internazionali del greggio. Non può chiedere all'Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC) di aumentare la produzione di greggio per portare i prezzi.

Un altro fattore simile è l'azione delle maggiori banche centrali come la Federal Reserve statunitense. Se la Fed alza i tassi di interesse negli Stati Uniti, tende ad attrarre investitori verso gli Stati Uniti e lontano da paesi come l'India. Ciò si traduce in più dollari richiesti rispetto alla rupia, il che, a sua volta, porta la rupia a perdere valore (o deprezzarsi) rispetto al dollaro e, nel processo, a rendere più costose tutte le importazioni indiane, come il petrolio greggio.



Queste limitazioni sottolineano quanto sia difficile per la RBI rivedere la propria politica monetaria ogni due mesi. Ciò è più vero durante una fase in cui è difficile accertare con precisione il vero stato dell'economia. I lettori dovrebbero anche ricordare che i cambiamenti nei tassi di interesse tendono a richiedere del tempo - alcune settimane, se non mesi, almeno - prima che diano risultati di qualsiasi tipo.

Pertanto, diamo un'occhiata a cinque motivi ciascuno per cui la RBI potrebbe voler aumentare i tassi di interesse e perché potrebbe scegliere di mantenere lo status quo.



Dal momento che la RBI si è astenuta dall'aumentare i tassi di interesse per la maggior parte dei due anni nonostante l'inflazione sia rimasta fuori dalla sua zona di comfort, ovvero l'inflazione al dettaglio con un trend superiore al 6%, diamo prima un'occhiata al motivo per cui la RBI può scegliere, ancora una volta, di mantenere lo status quo.

1. Contrariamente alle apprensioni del MPC, il tasso di inflazione al dettaglio principale negli ultimi due mesi è stato inferiore ai livelli previsti nella revisione di agosto.

L'inflazione indiana CPI ha continuato a rallentare per il terzo mese consecutivo ad agosto, stampando al 5,3% anno su anno... Ricordiamo che durante il picco della seconda ondata di maggio, un forte aumento sequenziale dei prezzi aveva spinto l'inflazione al 6,3%, scrive Prasanna A, Abhishek Upadhyay e Tadit Kundu — tutti e tre appartenenti a ICICI Securities — in una nota recente.

2. Ciò che è particolarmente confortante della natura dell'inflazione è il moderarsi dell'inflazione alimentare. Un picco dei prezzi dei generi alimentari tende a estrarre i costi politici più elevati. La decelerazione nell'ultimo mese [agosto] è stata trainata dall'inflazione alimentare che è scesa al 3,8%, dal 4,5% di luglio e dal 5,2% di maggio, afferma la nota sui titoli dell'ICICI.

3. Ciò che è ancora più incoraggiante notare sul fronte dell'inflazione è che gli analisti si aspettano che l'inflazione diminuisca ulteriormente nei prossimi mesi. …l'inflazione nelle prossime tre stampe potrebbe essere in media (circa) del 4% con almeno una stampa probabilmente inferiore al 4% sul retro di effetti di base favorevoli, afferma la nota ICICI.

4. Un altro fattore chiave che ridurrà la pressione sulla RBI per aumentare i tassi di interesse è l'aspettativa tra diversi analisti che il deficit fiscale del governo - il divario tra le sue spese e le sue entrate - sarà inferiore a quanto previsto all'inizio della finanziaria anno.

Gli analisti di ICICI Securities prevedono (si veda la tabella sottostante) un disavanzo fiscale intorno al 6,2% del PIL, contro una previsione del 6,8% (del PIL) al momento della presentazione del Bilancio dell'Unione.

Stime fiscali vs BE

Non sono soli. Anche Nomura prevede che il deficit fiscale sarà inferiore di un importo simile (vedi tabella sotto).

Ambito della potenziale sorpresa al rialzo del deficit fiscale nel FY22

Ovviamente, come mostra la sottocomponente, hanno diverse ragioni per cui il deficit fiscale sarà inferiore alle stime di Budget. Ad esempio, mentre gli analisti di entrambe le società si aspettano che i ricavi siano superiori alle stime di Budget, Nomura si aspetta che il governo spenda meno di quanto preventivato mentre ICICI si aspetta che la spesa sia superiore alle stime di Budget.

5. Ancora un altro motivo per cui la RBI può scegliere di evitare di aumentare il tasso di interesse è il timore che la ripresa economica sia ancora piuttosto incerta. Dai un'occhiata alle ultime stampe dell'India Business Resumption Index di Nomura (vedi il grafico sotto). Se è vero che l'ultimo dato (per la settimana terminata il 26 settembre) mostra un forte picco, ciò che è abbastanza evidente è il plateau dell'attività economica (come evidenziato dall'indicatore verde) nelle ultime settimane. Nella sua nota, la stessa Nomura afferma che il record record dell'indice di ripresa delle attività è probabilmente un'aberrazione e afferma che altri indicatori dell'economia reale continuano a lottare.

Indice di ripresa degli affari in India di Nomura

In poche parole, se l'inflazione si è moderata dall'ultima revisione della politica ed è probabile che rimanga ben all'interno dell'intervallo per i prossimi due mesi anche se la pressione dello slittamento fiscale si riduce mentre prevalgono le preoccupazioni per la crescita economica, si può sostenere che la RBI dovrebbe evitare di aumentare i tassi di interesse.

Ora, diamo un'occhiata a cinque ragioni per cui l'MPC della RBI potrebbe, almeno sulla carta, giustificare l'aumento dei tassi.

1. Mentre l'inflazione al dettaglio principale si è moderata, così come l'inflazione alimentare, l'inflazione di base, ovvero il tasso di inflazione senza tenere conto dei prezzi di generi alimentari e carburante (entrambi considerati troppo volatili), continua a essere alta e vischiosa. Vedere la linea rossa nel grafico sottostante (Fonte: ICICI Securities).

Fonte: ICICI Securities

L'inflazione core CPI significa essenzialmente che i consumatori stanno affrontando una spirale inflazionistica su vasta scala. Ciò, a sua volta, costringerebbe i consumatori ad aspettarsi un'inflazione più elevata perché non possono abbassare i prezzi elevati designandoli come un picco temporaneo. Aspettative di inflazione più elevate tendono ad alimentare un'inflazione più elevata perché tutti richiedono salari più alti e le aziende aumentano i prezzi per avere i soldi per soddisfare tali aspettative aumentate. Quindi, perpetuando la spirale inflazionistica.

2. Molti, incluso il governo, hanno sostenuto che l'economia ha già registrato una ripresa a forma di V. In effetti, un caso può essere fatto. Proprio la scorsa settimana, i dati del Ministero del Commercio e dell'Industria hanno mostrato che l'indice indiano delle otto industrie principali ha registrato un aumento dell'11,6% ad agosto. Allo stesso modo, l'indice IHS Markit India Manufacturing Purchasing Managers' Index (PMI) destagionalizzato è migliorato da 52,3 ad agosto a 53,7 a settembre, indicando una più forte espansione delle condizioni commerciali complessive in tutto il settore. I dati di sette città, forniti dai consulenti immobiliari di Anarock, mostrano che le vendite di case sono raddoppiate nel periodo luglio-settembre e che i prezzi medi sono aumentati del 3%. Inoltre, con l'espansione delle vaccinazioni e il calo dei casi di Covid, le possibilità di una temuta terza ondata (e della relativa interruzione economica) sono diminuite drasticamente.

Quindi, se l'economia è già in via di guarigione, perché la RBI non dovrebbe tornare al suo obiettivo principale di frenare l'inflazione, soprattutto perché l'inflazione di base è alta e vischiosa?

3. Molti analisti prevedono che i prezzi del greggio supereranno la soglia dei /barile entro la fine dell'anno. Alcuni si aspettano che i prezzi possano toccare i 100 dollari al barile entro dicembre. Ciò implica che, presumendo che il governo continui a tassare altrettanto pesantemente i prodotti petroliferi, un litro di benzina potrebbe costare quasi Rs 125-130 prima che gli indiani accolgano il 2022. Ciò, come spiegato in precedenza, contribuirà ulteriormente all'inflazione al dettaglio dove il core- la componente di inflazione (non carburante) è già piuttosto elevata.

Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta

4. La Fed statunitense ha segnalato che avrebbe iniziato a rafforzare la propria posizione monetaria. Grazie all'aumento dell'inflazione nelle economie avanzate come gli Stati Uniti, i rendimenti obbligazionari (forse il miglior indicatore per i tassi di interesse) sono già aumentati. La decisione della Fed potrebbe costringere la mano della RBI a muoversi di pari passo per garantire che l'India rimanga attraente per gli investitori globali.

5. Mentre gli analisti di ICICI e Nomura prevedono che lo slippage fiscale diminuirà quest'anno, ce ne sono altri come Madan Sabnavis di CARE Ratings, che si aspettano l'esatto contrario. Vedi la tabella qui sotto dove Sabnavis, il capo economista di CARE Ratings, si aspetta che il deficit fiscale aumenti a causa di mancanze di entrate e perdite di spesa. Supponendo che non vi sia alcun cambiamento nel PIL nominale, l'aumento del quantum del disavanzo di bilancio potrebbe potenzialmente aumentare il disavanzo di bilancio dal 7,65% al ​​7,72% del PIL nel FY22, determinando uno slittamento da 0,9 a 1,0 punti percentuali rispetto alla stima preventivata di 6,76 %, scrive in una nota recente.

Fonte: valutazioni CARE

Visto da questa prospettiva, stimolare la crescita economica diventa meno preoccupante che frenare l'inflazione e, in quanto tale, la RBI potrebbe sembrare giustificata nell'aumentare i tassi.

ISCRIVITI ADESSO :Il canale Telegram spiegato Express

Cosa farà la RBI?

Il denaro intelligente è sulla RBI che mantiene uno status quo in ottobre. I lettori dovrebbero ricordare che nel mondo reale, l'economia politica spesso ha la meglio sull'economia. Durante la stagione delle feste, che è appena iniziata, il governo spera che il consumo alimentato dal credito – che si tratti di una nuova auto, di una nuova casa o di un nuovo telefono – sosterrà l'economia. È improbabile che l'aumento dei tassi di interesse della RBI in un momento così critico venga considerato prudente dal governo.

Potresti chiedere: allora che dire dell'inflazione, soprattutto dal momento che il governo deve affrontare cinque elezioni dell'Assemblea statale chiave all'inizio del 2022?

La risposta sta nel fatto che gran parte dell'attuale inflazione indiana è dovuta alle tasse sui prezzi del carburante. Per abbatterlo, il governo non ha davvero bisogno della RBI.

Condividi le tue opinioni e domande su udit.misra@expressindia.com

Sii cauto durante i festeggiamenti e stai al sicuro

Modifica