Amo i poeti neri; Adoro questo come una ragazza nera, posso partecipare a quell'eredità: Amanda Gorman sulla poesia e le ispirazioni - Dicembre 2022

Nel corso della conversazione, Gorman ha parlato delle sue ispirazioni letterarie e della sua preparazione per il giorno dell'inaugurazione

L'intervista ha anche toccato i modi in cui si ispira e si motiva. (Fonte: Oprah/Twitter | Progettato da Gargi Singh)

Quando la ventiduenne Amanda Gorman ha recitato la sua poesia, La collina che saliamo, a Joe Biden e Kamala Harris ' inaugurazione il 20 gennaio, lei si è collocata per sempre sulla mappa letteraria. Ogni dettaglio della sua poesia e anche il suo aspetto fu sezionato e lodato. Ora, il giovane poeta è sulla copertina di Volta rivista intervistata dall'ex First Lady degli Stati Uniti, Michelle Obama.



Nel corso della conversazione, Gorman ha parlato delle sue ispirazioni letterarie e della sua preparazione per lo storico giorno dell'inaugurazione. Alla domanda su come rendere la poesia accessibile al pubblico più giovane, ha detto. La poesia è già bella. Dove ci imbattiamo nei guai è spesso che stiamo guardando attraverso un buco stenopeico così stretto di cosa possono essere le poesie, ha detto. Ha continuato a smantellare ulteriormente la reputazione del genere che è legata alla sua percezione.

In particolare, stiamo guardando uomini bianchi morti. Quelle sono le poesie che vengono insegnate a scuola e chiamate classici. Abbiamo davvero bisogno di uscire dalla patologia che la poesia è di proprietà solo di certe élite. Da dove possiamo iniziare è evidenziare e celebrare i poeti che riflettono l'umanità in tutti i suoi diversi colori e ampiezza.






jessie j worth

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da TIME (@time)



La sua lista di ispirazioni è lunga. Amo i poeti neri. Adoro questo come ragazza nera, posso partecipare a quell'eredità, ha detto all'inizio. Ha poi raccontato altri che hanno contribuito alla sua comprensione del mestiere. Quindi sono Yusef Komunyakaa, Sonia Sanchez, Tracy K Smith, Phillis Wheatley. Ha anche rivelato che guarda agli artisti che non sono poeti per l'ispirazione. Stavo leggendo molto Frederick Douglass, molto Winston Churchill, molto Abraham Lincoln.

L'intervista ha anche toccato i modi in cui si ispira e si motiva. Alla domanda su quale sia il mantra che dice a se stessa di rimanere concentrata, la giovane poetessa ha condiviso: Questo mantra che sto per dire è in realtà in parte ispirato dai testi di Lin-Manuel Miranda in Moana, Song of the Ancestors. Ogni volta che ascolto le canzoni, le riscrivo nella mia testa. Quella canzone dice: sono la figlia del capo villaggio. Discendiamo da viaggiatori che hanno attraversato il mondo. Qualcosa del genere. Mi dispiace Lin. Volevo davvero qualcosa che potessi ripetere perché sono così terrorizzato ogni volta che mi esibisco. Quindi il mio mantra è: sono la figlia di scrittori neri che discendono dai Freedom Fighters che hanno rotto le loro catene e hanno cambiato il mondo. Loro mi chiamano. Lo dico per ricordare a me stesso gli antenati che mi circondano ogni volta che mi esibisco.