Ricordando Ignaz Semmelweis, il primo medico a dire “lavarsi le mani” - Gennaio 2022

Focolaio di coronavirus: Semmelweis ha iniziato a parlare delle virtù del lavaggio delle mani, la sua nuova tecnica che sfidava la saggezza medica accettata dell'epoca.

Dal 1870, infine, i medici iniziarono ad adottare la pratica del lavaggio delle mani con acqua e sapone.

Con la pandemia di COVID-19 che si sta diffondendo in tutti i paesi, una delle cose più importanti raccomandate per proteggersi dal virus è lavarsi le mani.


ezra miller fidanzata

Lavarsi le mani con acqua e sapone , uno dei metodi più efficaci per fermare la diffusione di diverse malattie, è oggi universalmente raccomandato; anche considerato buon senso.



A metà del XIX secolo, tuttavia, quando la diffusione dei germi era molto meno compresa, questo consiglio fu trattato con disprezzo. Il medico ungherese Ignaz Semmelweis, che ha sottolineato questa pratica, ha affrontato anni di scherno da parte dei suoi coetanei ed è morto tragicamente.



Semmelweis e il lavaggio delle mani

Nel 1840, quando Semmelweis lavorava all'ospedale generale di Vienna, la maggior parte delle donne partoriva in casa. Solo quelli provenienti da ambienti più poveri, o quelli con complicazioni ostetriche, ecc., Partirebbero in ospedale. Il motivo per cui l'ospedale non è stato preferito è l'alto tasso di mortalità a causa della febbre da parto, che arriva fino al 25-30 per cento.

Mentre molti credevano che la colpa fosse di ragioni come la scarsa ventilazione e il sovraffollamento, Semmelweis iniziò la propria indagine.



All'ospedale di Vienna c'erano due reparti di maternità separati: la prima divisione gestita da medici di sesso maschile e la seconda da ostetriche. Semmelweis ha osservato che le donne in cura nella prima divisione morivano di febbre da parto a un tasso due o tre volte superiore a quello delle pazienti della seconda divisione.

Il medico ha vagliato diverse ipotesi - posizioni del corpo delle donne durante il parto, imbarazzo dopo essere stato esaminato da un medico maschio, paura del sacerdote che ha visitato il reparto - e le ha scartate tutte.

Leggi anche |Scusate, niente stretta di mano, è il coronavirus. Ma cosa fai, allora?



Ha poi osservato quello che ha concluso essere il motivo: nella prima divisione, i medici e gli studenti maschi esaminavano i pazienti e facevano nascere i bambini dopo aver eseguito le autopsie al mattino. Le ostetriche della seconda divisione lavoravano solo lì e non avevano altri contatti.

La morte di un patologo in ospedale ha convinto Semmelweis. Prima della sua morte, si era punto un dito mentre eseguiva l'autopsia su una donna morta di febbre da parto. Il patologo ha mostrato sintomi di malattia da parto, il che implica che anche altre persone in ospedale potrebbero ammalarsi della malattia.

Semmelweis ha concluso che i medici che sarebbero venuti al reparto maternità direttamente dalla sala di dissezione trasportavano particelle cadaveriche da madri che erano morte di malattie durante il parto a madri sane, portando a infezioni e infine alla morte.



Nel 1847, Semmelweis ordinò ai medici maschi di lavarsi le mani e gli strumenti in una soluzione di calce clorata prima di esaminare le madri sane nel reparto maternità.

I risultati furono fenomenali: i tassi di mortalità nella prima divisione scesero dal 18,27 all'1,27 per cento e nel marzo e nell'agosto del 1848 non morì nemmeno una donna.



Leggi | Ecco come gli scienziati stanno trovando una cura per il coronavirus

Il medico ungherese Ignaz Semmelweis, che ha sottolineato questa pratica, ha affrontato anni di scherno da parte dei suoi coetanei ed è morto tragicamente (Fonte: Wikimedia Commons)

Rifiuto e morte

Semmelweis iniziò a parlare delle virtù del lavaggio delle mani, la sua tecnica innovativa che sfidava la saggezza medica accettata dell'epoca. I suoi coetanei rifiutarono la sua logica e molti pensavano che la teoria di Semmelweis li incolpasse della morte dei loro pazienti. L'ospedale di Vienna ha abbandonato il lavaggio delle mani, nonostante la riduzione del tasso di mortalità.

L'angosciato dottore scrisse lettere aperte alla confraternita medica e pubblicò la sua opera principale nel 1861 dopo essere tornato in Ungheria, ma senza successo. Dopo aver subito un esaurimento nervoso nel 1865, Semmelweis fu ricoverato in un ospedale psichiatrico, dove morì.

Express Explained è ora su Telegram. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime

Il lavaggio delle mani è finalmente accettato

Fu solo due anni dopo la morte di Semmelwies che anche Joseph Lister, il chirurgo pionieristico, iniziò a incoraggiare l'idea di disinfettare le mani e gli strumenti per fermare la diffusione delle malattie infettive.

Dal 1870, infine, i medici iniziarono ad adottare la pratica.

Il lavoro di Semmelwies ha anche fornito le basi per la teoria dei germi di Louis Pasteur, la teoria scientifica attualmente accettata per molte malattie.

Da non perdere da Explained |L'OMS dichiara il coronavirus una pandemia. Cosa significa questo?