Il tiro a vista non è ingiustificato. Ma questo da solo non può fermare il bracconaggio a Kaziranga - Potrebbe 2022

Il documentario della BBC su Kaziranga e l'azione contro un funzionario di Corbett, che ha emesso un ordine di tiro a vista, mostrano che non ci sono modi semplici per combattere il bracconaggio

kaziranga, documentario kaziranga, bracconaggio illegale kaziranga, uccisione di rinoceronti kaziranga, documentario bbc kaziranga, documentario bbc, documentario bbc kaziranga, controversia documentaria bbc, kaziranga sparare a vista, indiano espressoAvorio confiscato che viene bruciato. File Reuters

Anche se la polemica su un film della BBC sui presunti eccessi a Kaziranga - che documenta quelli che si dice siano gli oscuri segreti delle guardie forestali che sparano e uccidono gli umani all'interno del parco - continua, il direttore ad interim di Corbett, che secondo quanto riferito ha emesso una sparatoria contro... L'ordine a vista durante il lancio di una campagna anti-bracconaggio la scorsa settimana, è stato sollevato dal costo aggiuntivo della riserva della tigre. La libertà concessa alle guardie forestali di usare la forza letale per fermare il bracconaggio nelle principali riserve di tigri dell'India – hanno l'immunità legale a Kaziranga e Corbett – ha innescato un acceso dibattito tra ambientalisti e attivisti per i diritti umani. Sul campo, tuttavia, tale strategia non è né ingiustificata né vincente. E qui sta il guaio.

Cominciando dall'inizio. sparare a vista non significa che le guardie forestali possano sparare a chiunque individuino all'interno della foresta. Significa che hanno il potere di aprire il fuoco se non possono stabilire in modo soddisfacente l'identità o lo scopo di un intruso. Una forza di protezione ha comunque il diritto di vendicarsi se attaccata. La distinzione qui è che alle guardie è permesso sparare come mossa preventiva prima di essere colpite. Spesso, quel potere è la differenza tra la vita e la morte per le guardie a Kaziranga, dove è noto che i bracconieri portano fucili d'assalto Kalashnikov. Le guardie forestali con i loro soliti .303 hanno poche possibilità senza un vantaggio di prima mossa. Il nervosismo che ne è derivato ha portato a casi di abitanti del villaggio disarmati che sono stati uccisi all'interno del parco. Ma per quanto politicamente scorretto possa sembrare, alcuni danni collaterali sono inevitabili in una zona di guerra.



Kaziranga è una zona di guerra, in particolare dopo il tramonto, con uomini armati su entrambi i lati. A differenza di molte altre foreste protette, non ha un villaggio all'interno e, quindi, non si tratta di abitanti del villaggio che entrano o escono dal parco in caso di emergenza, o di intrattenere gli ospiti in orari insoliti. Ciò rende chiunque venga individuato un sospetto. In Africa, dove bande organizzate hanno falciato elefanti e rinoceronti a migliaia, si è sentita necessaria una simile risposta forte. Secondo quanto riferito, i ranger del Kruger National Park in Sudafrica, autorizzati ad aprire il fuoco se minacciati dalla forza letale, hanno ucciso quasi 500 bracconieri del vicino Mozambico tra il 2010 e il 2015. Nel 2013, dopo aver perso più di 1.000 ranger a causa dei bracconieri in un decennio, la Tanzania ha lanciato l'operazione Termina per proteggere il Parco Nazionale del Serengeti.



Sebbene non si possa negare che la potenza di fuoco sia necessaria per affrontare i bracconieri pesantemente armati - molti dei quali sono ex soldati in Africa ed ex militanti nell'Assam - fino a che punto questa strategia aiuta la conservazione? E con che responsabilità le autorità forestali usano tali poteri?

Per rispondere prima alla seconda domanda, i record non sono utili. La Tanzania ha sospeso l'operazione Terminate entro pochi mesi dopo le denunce di molestie, torture e uccisioni. Un'inchiesta ha rivelato che 13 civili erano stati giustiziati e più di 1.000, inclusi pastori, arrestati. Un ministro che aveva chiesto l'esecuzione immediata di operatori del commercio illegale di avorio, è stato licenziato. Anche a Kaziranga, ci sono state accuse secondo cui le guardie hanno regolato i conti personali in nome delle operazioni anti-bracconaggio e hanno persino colluso con i sindacati dei bracconieri che avrebbero dovuto combattere. Le autorità del parco sono state accusate di molestare gli abitanti dei villaggi locali mentre proteggevano i pezzi grossi della politica i cui nomi sarebbero emersi durante le indagini sul bracconaggio.




patrimonio netto ansel elgort

Anche se queste sono considerate insidie ​​evitabili di una strategia altrimenti essenziale, le armi hanno funzionato nella migliore delle ipotesi come deterrente limitato e temporaneo al bracconaggio. Anche dopo che centinaia di bracconieri sono stati uccisi a Kruger dopo il 2010, ad esempio, sono stati segnalati 557 casi di bracconaggio di rinoceronti tra gennaio e agosto 2015 e 458 nel 2016. A Kaziranga, le guardie forestali hanno ucciso 45 bracconieri nel 2014 e nel 2015, e almeno Nello stesso periodo sono stati cacciati 44 rinoceronti nel parco. In media, quindi, la perdita annua da entrambe le parti era di circa 22 vite. Nel 2016 non sono stati uccisi più di 5 bracconieri, mentre almeno 17 rinoceronti sono stati catturati. L'uccisione dei bracconieri per diversi decenni non ha fermato né ridotto significativamente il bracconaggio di rinoceronti.

Le armi, sebbene necessarie in caso di emergenza, non possono vincere da sole le battaglie per la conservazione. La dipendenza dalle armi tende a spostare l'attenzione dalle iniziative anti-bracconaggio basate sull'intelligence. Peggio ancora, se usate incautamente, le armi alienano le parti interessate locali il cui sostegno è cruciale affinché qualsiasi sforzo di conservazione abbia successo a lungo termine. Il modello di conservazione predominante in tutto il mondo rimane ancora esclusivo. Praticamente non ha incentivi per la comunità locale a collaborare e sostenere tali misure. Invece, i locali senza potere, perseguitati e impoveriti diventano facili reclute per i sindacati di bracconaggio.

Certo, condividere i benefici economici della conservazione con le comunità locali non taglierà immediatamente le linee di vita dei sindacati del bracconaggio. Poiché la popolazione che vive intorno alle foreste dell'India aumenta incessantemente, è probabile che la quota di una famiglia nei benefici finanziari condivisi con la comunità, anche se ragionevolmente generosa, non possa competere con il reddito di un singolo incarico di bracconaggio. Tuttavia, questo cambiamento di politica è necessario. Più che dare agli abitanti delle foreste una partecipazione finanziaria nella conservazione, si tratta di riconoscere i loro diritti e la loro dignità. Nel tempo, la posta in gioco collettiva di queste comunità può crescere fino a fungere da deterrente efficace. Ci saranno, ovviamente, sempre alcune pecore nere che rimarranno interessate a fare soldi velocemente. Ma è per questo che anche il dipartimento forestale avrà sempre quei fucili.



Poscritto, su Corbett

Primo, solo un magistrato, e nessun funzionario forestale, può emettere un ordine di tiro a vista. Nel 2001, il governo dell'Uttarakhand aveva ordinato che nessun procedimento penale fosse intentato contro il personale forestale, in attesa di un'indagine magistrale, per aver sparato a qualcuno mentre svolgeva il proprio dovere. È in vigore da allora.

In secondo luogo, l'area ha un'alta popolazione di tigri ed è probabile che nessun bracconiere si avventuri all'interno di Corbett quando è più facile prendere di mira i gatti lungo i confini della riserva e nelle foreste periferiche, in particolare a sud e ad est della riserva. Nessun bracconiere è stato avvistato durante l'ultima campagna antibracconaggio.




patrimonio netto di drummond

Terzo, anche se entrano a Corbett, non è noto che i bracconieri in questa parte del paese portino armi sofisticate. In effetti, non una sola arma da fuoco è stata sequestrata all'interno di Corbett in un decennio.