Cosa disse la Corte Suprema su Inno Nazionale, rispetto e tolleranza, 30 anni fa - Gennaio 2022

Nessuna disposizione di legge obbliga nessuno a cantare l'Inno Nazionale... la nostra tradizione insegna la tolleranza, la nostra filosofia predica la tolleranza, la nostra Costituzione pratica la tolleranza, non diluiamola: SC nel 1986.

corte suprema, inno nazionale nei film, inno nazionale prima dei film, inno nazionale prima dei film, inno nazionale della corte suprema dei film, notizie dallLa gente sta in piedi mentre Jana Gana Mana viene rappresentata in un teatro a Goregaon, Mumbai, durante la Festa della Repubblica nel 2003. (Foto Express: Vasant Prabhu)

Lunedì, la Corte Suprema ha affermato che tutte le sale cinematografiche del paese dovrebbero suonare l'inno nazionale e che i presenti devono alzarsi in piedi per instillare un sentimento all'interno di un sentimento di patriottismo e nazionalismo. L'ordinanza ha riacceso un vecchio dibattito sul fatto che costringere qualcuno a cantare l'inno violi alcuni diritti fondamentali. Nell'agosto 1986, un giudice della Corte Suprema O Chinnappa Reddy e MM Dutt, in Bijoe Emmanuel & Ors vs State Of Kerala & Ors, aveva concesso protezione a tre figli della setta dei Testimoni di Geova, che non si unirono al canto di l'inno nazionale nella loro scuola. La corte ha ritenuto che costringere i bambini a cantare l'inno violasse il loro diritto fondamentale alla religione. Estratti dalla sentenza, scritta dal giudice Reddy:


patrimonio netto di liza koshy nel 2019

GUARDA UN VIDEO: La Corte Suprema rende obbligatorio suonare l'inno nazionale nei teatri



Sui bambini e la preghiera



I tre bambini ricorrenti, Bijoe, Binu Mol e Bindu Emmanuel, sono i fedeli dei testimoni di Geova. Frequentano la scuola. Ogni giorno, durante l'assemblea mattutina, quando viene cantato l'inno nazionale 'Jana Gana Mana', si alzano rispettosamente ma non cantano. Non cantano perché, secondo loro, è contro i principi della loro fede religiosa - non le parole oi pensieri dell'Inno ma il canto di esso... I bambini sono stati lasciati in pace e alle loro convinzioni. Questo fino al luglio 1985, quando un gentiluomo patriottico se ne accorse. Il signore, (un MLA), pensava che fosse antipatriottico da parte dei bambini non cantare l'inno nazionale... Così, ha posto una domanda in Assemblea. È stata nominata una Commissione... La Commissione ha riferito che i bambini sono 'rispettosi della legge' e che non hanno mancato di rispetto all'Inno Nazionale... (Ma) sotto le istruzioni del Vice Ispettore delle Scuole, la Direttrice ha espulso i bambini dalla scuola dalla 26 luglio 1985... Alla fine i bambini hanno presentato una petizione scritta all'Alta Corte per ottenere un ordine che impedisse alle autorità di impedire loro di frequentare la scuola. Prima un dotto giudice unico e poi un tribunale di divisione hanno respinto la preghiera dei bambini...

Sulla sentenza dell'Alta Corte



Temiamo che l'Alta Corte si sia sbagliata... Hanno considerato, nei minimi dettagli, ogni singola parola... dell'Inno Nazionale e hanno concluso che non c'era nessuna parola o pensiero... che potesse offendere le suscettibilità religiose di qualcuno. Ma non è affatto questa la domanda. L'obiezione dei firmatari non è al linguaggio o ai sentimenti dell'inno nazionale: non cantano l'inno nazionale ovunque, 'Jana Gana Mana' in India, 'God save the Queen' in Gran Bretagna, lo stendardo a stelle e strisce in gli Stati Uniti e così via...

Sugli articoli 19(1)(a) e 25(1)

Ora, dobbiamo esaminare se il divieto imposto dalle autorità educative del Kerala al silenzio quando viene cantato l'inno nazionale, pena l'espulsione dalla scuola, sia coerente con i diritti garantiti dagli artt. 19(1)(a) e 25 della Costituzione. [L'articolo 19, paragrafo 1, lettera a), garantisce la libertà di parola e di espressione e l'articolo 25, paragrafo 1, sostiene il diritto di praticare e diffondere la propria religione]



Possiamo subito dire che non vi sono disposizioni di legge che obblighino qualcuno a cantare l'Inno Nazionale né pensiamo che sia irrispettoso nei confronti dell'Inno Nazionale se una persona che si alza rispettosamente quando viene cantato l'Inno Nazionale non si unisce al canto . È vero l'art. 51-A(a) della Costituzione impone ad ogni cittadino dell'India il dovere di attenersi alla Costituzione e rispettarne gli ideali e le istituzioni, la Bandiera Nazionale e l'Inno Nazionale. Il dovuto rispetto viene mostrato all'inno nazionale alzandosi in piedi quando viene cantato l'inno nazionale. Non sarà giusto dire che la mancanza di rispetto si mostra non partecipando al canto...

Alzarsi in piedi rispettosamente quando si canta l'inno nazionale, ma non cantando se stessi chiaramente, non impedisce né di cantare l'inno nazionale né arreca disturbo a un'assemblea impegnata in tale canto, in modo da costituire l'offesa di cui all'art. 3 della legge sulla prevenzione degli insulti all'onore nazionale...

Sull'articolo 25 della Costituzione



L'articolo 25 è un articolo di fede nella Costituzione, incorporato nel riconoscimento del principio che il vero banco di prova di una vera democrazia è la capacità anche di una minoranza insignificante di trovare la propria identità nella Costituzione del paese. Ciò va tenuto presente nell'interpretazione dell'art. 25.

Sul verdetto del West Virginia State Board of Education v. Barnette



[Nel 1943, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha espresso un parere 6-3, sostenendo che la clausola sulla libertà di parola del primo emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti proteggeva gli studenti dall'essere costretti a salutare la bandiera americana. Il giudice Chinnappa ha citato il verdetto, emesso dal giudice Robert H Jackson]

Il governo di potere limitato non deve necessariamente essere un governo anemico. La certezza che i diritti siano garantiti tende a diminuire la paura e la gelosia di un governo forte, e facendoci sentire sicuri di vivere sotto di esso, ci aiuta a sostenerlo meglio... Se c'è una stella fissa nella nostra costellazione costituzionale, è che nessun funzionario, alto o meschino, può prescrivere ciò che deve essere ortodosso in politica, nazionalismo, religione o altre questioni di opinione o costringere i cittadini a confessare con la parola o agire la loro fede in essa. Se ci sono circostanze che consentono un'eccezione, ora non ci vengono in mente.

Sulla questione della tolleranza

Siamo soddisfatti, nel caso di specie, che l'espulsione dei tre bambini dalla scuola per il motivo che a causa della loro fede religiosa coscienziosamente mantenuta, non si uniscono al canto dell'inno nazionale nell'assemblea mattutina sebbene si alzino in piedi rispettosamente quando l'Inno viene cantato, è una violazione del loro Diritto Fondamentale alla libertà di coscienza e a professare, praticare e propagare liberamente la religione...

Riteniamo, pertanto, che i diritti fondamentali dei ricorrenti di cui all'art. 19(1)(a) e 25(1) sono stati violati e hanno diritto ad essere protetti. Accogliamo il ricorso, annulliamo la sentenza dell'Alta Corte e ordiniamo alle autorità convenute di riammettere i bambini nella scuola… Ci teniamo solo ad aggiungere: la nostra tradizione insegna la tolleranza; la nostra filosofia predica la tolleranza; la nostra costituzione pratica la tolleranza; non diluiamolo.