Donne in Nepal: voce crescente, ora contro le restrizioni proposte - Potrebbe 2022

La proposta di legge prevede che ogni donna al di sotto dei 40 anni, se viaggia all'estero, deve presentare una lettera di consenso del tutore della sua famiglia - che implica un membro di sesso maschile - o dell'ufficio di corsia, specificando il motivo del viaggio.

Diritti delle donne in Nepal, il Nepal ha proposto restrizioni per le donne, protesta delle donne in Nepal, restrizioni sui viaggi allProtesta contro la proposta di legge a Kathmandu. (Foto: AP)

I manifestanti, per lo più attivisti sociali, scrittrici e giornalisti, e un gran numero di loro donne, sono in strada in Nepal contro una proposta di legge che pone restrizioni ai viaggi all'estero per le donne sotto i 40 anni.

La legge



La proposta di legge prevede che ogni donna al di sotto dei 40 anni, se viaggia all'estero, deve presentare una lettera di consenso del tutore della sua famiglia - che implica un membro di sesso maschile - o dell'ufficio di corsia, specificando il motivo del viaggio. I manifestanti definiscono la loro agitazione un'affermazione del loro diritto alla giustizia da parte di un'istituzione controllata da maschi e insensibile ai diritti e alla dignità delle donne. I cartelli che tengono mostrano slogan pieni di sarcasmo, come E Hajur, euta prashna sodhna painchha?hami le sas lina kasko anumati chahinchha? (Per favore ho il diritto di fare una domanda? Da chi devo ottenere il permesso di respirare?)



Governo vulnerabile

Il Nepal è attualmente in crisi politica con il primo ministro K P Oli che ha sciolto la Camera dei rappresentanti due anni prima che termini il suo mandato, accusando i suoi oppositori all'interno del Partito comunista nepalese di non cooperazione.




Katie Featherston su Instagram

Sulla scia degli editoriali e delle proteste in corso, le autorità per l'immigrazione si sono messe sulla difensiva. Non è ancora una legge, ma qualcosa che viene proposto al ministero dell'Interno in vista di una serie di episodi di aggressione e sfruttamento di donne all'estero, ha affermato un funzionario del dipartimento per l'immigrazione.

In un momento in cui le persone del Paese stanno speculando su come la Corte Suprema si pronuncerà sulla legalità dello scioglimento della Camera, nessuna delle due fazioni del Partito Comunista del Nepal ha risposto alla proposta di legge sull'immigrazione. Ma con la rabbia diretta al governo, molti sentono che la protesta potrebbe ferire maggiormente il già vulnerabile Oli. La sua popolarità è diminuita dopo aver sciolto arbitrariamente la Camera. Anche al di là dell'attuale controversia, è stato descritto più volte come un leader anti-donne. Il suo governo è criticato per non aver assicurato alla giustizia i colpevoli di un gran numero di casi di stupro (1.271 casi di stupro negli ultimi 10 mesi, le vittime tra cui 804 minorenni).

Donne nepalesi tengono cartelli contro una proposta di legge che limita i viaggi all'estero per le donne sotto i 40 anni durante una protesta fuori dal Dipartimento per l'immigrazione a Kathmandu, Nepal (AP Photo/Niranjan Shrestha)

Negli ultimi due anni, gran parte del discorso sulla giustizia delle donne si è incentrato sullo stupro e l'omicidio di tre adolescenti. Tra una serie di agitazioni, Oli ha più volte assicurato che i colpevoli sarebbero stati puniti, ma le indagini hanno fatto pochi progressi. Il ministro degli Interni Ram Bahadur Thapa Badal ha ulteriormente irritato i manifestanti quando ha detto del primo di questi tre casi: questo non è stato né il primo caso di stupro e omicidio, né sarà l'ultimo nel paese.



ISCRIVITI ADESSO :Il canale Telegram spiegato Express

Contesto del traffico

Oltre ai casi di stupro, un numero maggiore di donne nepalesi viene trafficato in Medio Oriente. I registri ufficiali mostrano che in media da tre a quattro di questi lavoratori tornano a casa morti ogni giorno, mentre altri tornano senza un soldo, abusati sessualmente e fisicamente tormentati. È a causa di queste denunce che da tempo si discute di una legge, ha detto il funzionario dell'immigrazione.

Le agenzie che reclutano dipendenti per i paesi del Golfo vengono registrate con le missioni nepalesi in quei rispettivi paesi, ma gli agenti clandestini coinvolti nella tratta portano le donne a varie destinazioni attraverso l'India. Una volta arrivati ​​lì, i loro passaporti vengono sequestrati e sono letteralmente prigionieri. Apprezziamo la preoccupazione mostrata dai gruppi di donne, ma come governo non possiamo chiudere gli occhi sul destino di queste nepalesi che sono andate da sole, senza che l'immigrazione abbia mai avuto la possibilità di controllare i propri documenti, ha affermato il funzionario.



Circa mezzo milione di nepalesi, molti dei quali donne, lasciano il Paese ogni anno per studiare e avere migliori opportunità. Le rimesse contribuiscono per quasi un terzo del PIL.

Una donna nepalese tiene un cartello contro una proposta di norma che limita i viaggi all'estero per le donne sotto i 40 anni durante una protesta davanti al Dipartimento per l'immigrazione a Kathmandu, in Nepal. (Foto AP/Niranjan Shrestha)

Quale futuro per il governo?



Il contenuto travolgente della proposta di legge, con le donne che necessitano di un certificato di viaggio in buona fede verso qualsiasi destinazione da un membro della famiglia maschio o dal rione, ha reso debole la posizione del governo. È improbabile che il silenzio del governo ponga fine alla discussione in corso. Le proteste contro la proposta di legge hanno rafforzato le proteste già in corso della società civile contro il governo e stanno crescendo rapidamente in intensità e in seguito. Resta da vedere che il governo alla fine sarà costretto a scusarsi ea ritirarsi.

Quando Oli aveva dato solo due seggi del governo alle donne nonostante la loro rappresentanza di un terzo in Parlamento, i leader di spicco del Partito Comunista del Nepal lo avevano apertamente accusato di essere anti-donne. L'immagine è rimasta bloccata.

Le attuali proteste si stanno svolgendo in diverse parti della capitale. Includono una marcia a Singha Durbar, l'ufficio del Primo Ministro, e hanno preso una svolta anti-Oli. Non tollereremo alcuna forma di autoritarismo, ha affermato Hima Bista, uno dei più importanti tra i manifestanti.


patrimonio netto di howard stern 2017

Attivisti nepalesi organizzano un finto funerale indù durante una manifestazione di protesta a Kathmandu, Nepal, venerdì 12 febbraio 2021. (AP Photo/Niranjan Shrestha)

Donne in politica

Una voce organizzata delle donne e un'aperta dimostrazione di forza, che travalica i confini del partito, possono essere una novità nella politica del Nepal, ma l'alfabetizzazione e la partecipazione delle donne alla politica sono visibilmente aumentate nel corso degli anni. Le donne hanno votato da quando il Nepal ha assistito per la prima volta a elezioni democratiche nel 1958 e hanno avuto rappresentanza nel governo e posizioni importanti in Parlamento fin dall'inizio. La costituzione provvisoria del 2007 prevedeva la rappresentanza di almeno un terzo delle donne in Parlamento. Ma con una leadership maschile in ogni partito e i membri che devono seguire una frusta, raramente sono emerse voci indipendenti dalle donne. Finora.