Un esperto spiega: qual è la posta in gioco nelle elezioni presidenziali statunitensi del 3 novembre? - Potrebbe 2022

A poco più di tre settimane da oggi, gli Stati Uniti voteranno in una delle elezioni presidenziali più consequenziali e aspramente contestate della sua storia recente. Qual è la posta in gioco per gli americani che scelgono tra dare a Donald Trump altri quattro anni alla Casa Bianca e sostituirlo con il candidato democratico Joe Biden? Questa è la prima parte di una serie settimanale in tre parti che spiega le elezioni presidenziali statunitensi del 2020 e perché è importante per l'India.

Il presidente Donald Trump e il candidato presidenziale democratico ex vicepresidente Joe Biden si scambiano punti durante il loro primo dibattito presidenziale martedì 29 settembre 2020, presso la Case Western University e la Cleveland Clinic, a Cleveland, Ohio. (Foto AP/Morry Gash, Piscina)

Dato il modo in cui il presidente Donald Trump e l'ex vicepresidente Joe Biden hanno condotto la campagna, compreso il loro sparring durante il recente dibattito televisivo, è questa l'elezione più controversa nella storia attuale degli Stati Uniti?

In termini di memoria pubblica e persino accademica, queste elezioni sono tanto divise e significative quanto le elezioni presidenziali del 1968. Le elezioni del 1968 distrussero la coalizione del New Deal, che aveva permesso ai Democratici di diventare il partito naturale del potere. Le elezioni del 1968 furono quindi un punto di svolta, che fece dei repubblicani il nuovo partito naturale di potere fino ai primi anni '90 (con l'eccezione della presidenza di un mandato di Jimmy Carter). Le elezioni del 2020 potrebbero ora confermare il dominio del Partito Repubblicano, con la rielezione di Trump; o generare un New Deal 2.0 attraverso l'arcobaleno che i Democratici hanno unito. In molti modi, questa elezione è una battaglia sia per il corpo che per l'anima dell'America.



Le somiglianze tra il 1968 e il 2020 non finiscono qui. L'America ha dovuto affrontare scelte tanto dure nel 1968 quanto lo è oggi. Non sorprende che le elezioni presidenziali del 1968 siano state probabilmente le più amare nella memoria pubblica fino a quella attuale. Ha decisamente rotto il consenso intorno alla serie di schemi di welfare che sono stati messi in atto dopo la Grande Depressione negli anni '30; ma è stata segnata anche da tante turbolenze quanta ne stiamo affrontando oggi.



Considera quanto segue: nel 1968, un presidente in carica, Lyndon B Johnson, si ritirò dalla nomination dopo aver vinto di misura nel New Hampshire (di fronte a una seria sfida da parte di Eugene McCarthy), uno dei primi barometro dell'umore nazionale; un carismatico aspirante democratico, il senatore Robert Kennedy, fu assassinato; il più grande leader americano dei diritti civili, Martin Luther King Jr, è stato ucciso nel balcone del suo hotel a Memphis, nel Tennessee.

Fonte: sondaggio sugli adulti statunitensi condotto dal 27 luglio al 2 agosto 2020

Fu nel 1968 che l'America perse in patria la guerra del Vietnam. Gli americani riuscirono a prevalere militarmente sull'offensiva del Tet, ma il governo perse il sostegno pubblico interno (con il crescente numero di vittime all'interno delle forze armate statunitensi), poiché l'opposizione alla guerra e alla coscrizione obbligatoria (la leva) raggiunse nuove vette. Proteste studentesche contro la guerra e atti di violenza sono stati testimoni nei campus sia della costa orientale che occidentale. Uno dei centri delle proteste era Berkeley, doveKamala Harrissua madre, Shyamala Gopalan, divenne attiva nella resistenza.



Leggi anche | Back-storie e racconti di chitti: indiani americani sulla pista della campagna elettorale negli Stati Uniti

Anche oggi l'elettorato è profondamente diviso, lungo linee di parte e razziali, e gli Stati Uniti si trovano di fronte a gravi disparità economiche tra ricchi e poveri. Su quasi tutte le questioni che contano, c'è un divario manicheo; tra i sostenitori di Trump e la coalizione arcobaleno che sta al fianco di Biden. Non esiste una guerra militare paragonabile al Vietnam, ma gli Stati Uniti stanno combattendo la pandemia di Covid (con oltre 200.000 vite già perse, rispetto a poco più di 50.000 in Vietnam), profonda precarietà economica, livelli senza precedenti di tensione razziale, differenze fondamentali sull'assistenza sanitaria , le preoccupazioni per l'impaccamento dei tribunali (compresa la Corte Suprema) e la violenza nelle strade di molte città tra cui Minneapolis (dove morì George Floyd e la cui uccisione ispirò il movimento Black Lives Matter), Atlanta, Dallas, Minneapolis, Cleveland, Raleigh, Los Angeles e New York.

Perché c'è un divario così grande tra repubblicani e democratici, e perché il partito repubblicano ha preso una svolta apparente verso l'estrema destra?



La radice del problema risiede nell'incapacità dei principali partiti di destra, come il Partito Repubblicano, di fare appello a sezioni al di fuori dell'élite nella loro agenda di conservatorismo economico. Per diventare eleggibili, devono ampliare il loro collegio elettorale aggiungendo un contenuto emotivo tossico alla loro ideologia politica.

Come ha scritto Franklin Foer sul New York Times, nella sua recensione del brillante libro di Jacob S. Hacker e Paul Pierson Let them eat Tweets: How the Right Rules in an Age of Extreme Inequality: Dal loro inizio nel XIX secolo, i partiti politici del destra hanno affrontato uno svantaggio elettorale poiché, per la maggior parte, sono emerse come vasi per i ricchi, una consorteria per definizione piccola. La loro crescita sembrava ulteriormente limitata dal fatto che non avrebbero mai potuto eguagliare le allettanti promesse di generosità del governo dei loro avversari perché i loro ricchi sostenitori si rifiutavano fermamente di pagare tasse più alte...


patrimonio netto di lori loughlin 2019

Spiegato|Quanto sono importanti i dibattiti presidenziali e vicepresidenti degli Stati Uniti?



dibattito vicepresidente, dibattito vicepresidente 2020, dibattito vicepresidente dal vivo, aggiornamento dal vivo del dibattito vicepresidente, mike pence vs kamala harris, mike pence vs kamala harris dibattito, mike pence vs kamala harris vp dibattito, mike pence vs kamala harris vice dibattito presidenziale, aggiornamento live del dibattito vicepresidente, dibattito su mike pence, dibattito su kamala harrisIl presidente Donald Trump e l'ex vicepresidente Joe Biden durante il primo dibattito presidenziale alla Case Western University e alla Cleveland Clinic, a Cleveland, Ohio. (Foto: AP)

Hacker e Pierson credono che ci sia stato un cambiamento nei due sensi nel Partito Repubblicano. Da un lato c'è l'ascesa della plutocrazia: un governo di, da parte di e per i ricchi... sempre più divisivo, distante dal centro e sprezzante nei confronti della democrazia. E dall'altra c'è il pericoloso populismo. Dalla Casa Bianca in giù, i repubblicani ora lanciano appelli estremi un tempo associati solo ai partiti di destra marginali in altre nazioni ricche, alimentando il fuoco dell'identità bianca e dell'indignazione della classe operaia.

Non sorprende che Trump si rifiuti di denunciare la supremazia bianca o condannare la xenofobia; queste possono essere parte delle sue idiosincrasie individuali, ma si incapsulano in una strategia politica più ampia. La scelta davanti all'elettorato è per una visione dell'America per il 21° secolo, e i contrasti non potrebbero essere più chiari.



Perché il Trump?nomina di Amy Coney Barrettalla Corte Suprema diventare un problema così importante nelle elezioni?

Oltre all'etica del tentativo di nominare, letteralmente settimane prima delle elezioni, un giudice a vita nella più alta corte del paese, quando la maggioranza repubblicana al Senato aveva bloccato le udienze di conferma per il giudice Merrick Garland, nominato dal presidente Obama già a marzo del 2016 – e le accuse di ritorsione della corte da parte di una possibile maggioranza democratica al Congresso, ci sono una serie di casi critici che potrebbero essere esaminati dalla Corte Suprema nei prossimi mesi, inclusi possibili casi che coinvolgono le stesse elezioni presidenziali. Ma due casi devono essere segnalati e approfonditi: Obamacare e Roe contro Wade.

FILE - In questo 29 settembre 2020, foto del file Il presidente Donald Trump, a sinistra, e il candidato presidenziale democratico ex vicepresidente Joe Biden, a destra, partecipano al primo dibattito presidenziale con il moderatore Chris Wallace di Fox News, centro, Case Western University e Cleveland Clinic, a Cleveland, Ohio (foto AP/Patrick Semansky, file)

Obamacare

Nel 2012, la decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito la costituzionalità del Patient Protection and Affordable Care Act 2010 (l'Atto, comunemente indicato come Obamacare). La legge ha stabilito un mandato individuale per gli americani per mantenere la copertura assicurativa sanitaria minima essenziale.

Ai sensi della legge, gli individui che non hanno rispettato il mandato dal 2014 in poi, sarebbero tenuti a effettuare un pagamento di responsabilità condivisa al governo federale, che è stato definito una sanzione. Nella decisione del 2012 della Corte Suprema, la maggioranza ha ritenuto che la sanzione fosse giustificata sulla base del potere del Congresso di imporre e riscuotere le tasse. Il ragionamento della maggioranza era che la sanzione così descritta inflitta nel mandato individuale, somigliasse di fatto a una tassa.

Con l'elezione di Trump nel 2016, il mandato individuale è stato modificato in modo che il pagamento della sanzione non fosse più richiesto e non potesse essere eseguito. Ciò ha minato la validità del mandato individuale, la cui costituzionalità era stata confermata sulla base dell'imposta che si era accertata di imporre. Ciò ha anche sollevato dubbi sulla costituzionalità della legge nel suo insieme, con la Corte suprema che dovrebbe ascoltare le difese orali sulla questione il 10 novembre 2020, poco dopo le elezioni presidenziali. Se il giudice Barrett viene confermato alla Corte Suprema prima di tale data, può significare che la legge è ritenuta incostituzionale dalla maggioranza.

Dal NYT | Tasse del presidente: la palude che Trump ha costruito

Elezioni statunitensi, Spiegazione delle elezioni statunitensi 2020, presidente degli Stati Uniti Donald Trump, Mike Pence, kamala Harris, coronavirus degli Stati Uniti, notizie dal mondo, espresso indianoFILE – In questo file del 20 giugno 2020, foto di un sostenitore che sventola una bandiera prima di un raduno della campagna per il presidente Trump al BOK Center di Tulsa, Okla (AP Photo/Charlie Riedel, file)

Roe contro Wade

La storica decisione della Corte Suprema del 1973 in Roe v. Wade è profondamente radicata nella psiche americana. Il caso riguardava la costituzionalità di uno statuto del Texas, che rendeva reato ottenere l'aborto, tranne quando l'aborto era necessario per salvare la vita della madre, ma è inserito in questioni più ampie relative alle scelte e ai diritti delle donne. La Corte, con una maggioranza di 7:2 , ha stabilito che il diritto costituzionale alla libertà personale include il diritto della madre di prendere una decisione sull'aborto.

Il diritto non era assoluto e doveva essere bilanciato con gli interessi degli stati nella regolamentazione. La Corte ha ritenuto rispetto allo statuto del Texas, che criminalizzava tutti gli aborti (diversi da quelli necessari per salvare la vita della madre), senza tener conto della fase della gravidanza o di eventuali interessi, che violava la Due Process Clause del Quattordicesimo Emendamento del la Costituzione degli Stati Uniti. Questa decisione ha quindi stabilito la tutela costituzionale del diritto delle donne a prendere decisioni per la propria salute e ha aperto la strada a un maggiore coinvolgimento politico, sociale ed economico delle donne nella vita pubblica.

Come evidenziato dal professor Erwin Chemerinsky della Berkeley Law School (in una recente conferenza della UC Berkeley, 'Berkeley Conversations: Justice Ruth Bader Ginsburg, her legacy, and what may follow'), se il giudice Barrett fosse confermato alla Corte Suprema, ciò significherebbe la Corte sarebbe stata probabilmente gestita dai conservatori per gli anni a venire. Fino alla morte del giudice Ginsburg, negli ultimi anni c'erano quattro giudici liberali e quattro giudici conservatori alla Corte Suprema, con il giudice capo John Roberts come giudice moderatamente conservatore che era d'accordo con il blocco liberale dei giudici in alcune decisioni.

Come ha sottolineato Chemerinsky, se il giudice Barrett viene confermato, è probabile che il giudice supremo Roberts esprima un accordo con il blocco conservatore e la Corte potrebbe essere disposta a annullare Roe v. Wade. Ci sono stati diversi accenni all'apertura di Barrett a prevalere su Roe, incluso il suo articolo del 2013 per Texas Law Review, in cui osservava che alcuni super precedenti non potevano essere annullati; Roe v. Wade era notevolmente assente dal suo elenco di tali casi storici (Disaccordo precedente e giurisprudenziale, Amy Coney Barrett, 91 TXLR 1711, Texas Law Review).

Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime

L'esperto

Il professor Amitabh Mattoo è uno dei maggiori specialisti indiani di politica estera. È professore presso la School of International Studies della JNU e professore onorario presso la Facoltà di Lettere dell'Università di Melbourne. Ha trascorso diversi semestri come Visiting Professor presso l'Università di Notre Dame a South Bend, Indiana. Per coincidenza, il giudice Amy Coney Barrett, nominato da Donald Trump come giudice della Corte suprema degli Stati Uniti, era professore di diritto a Notre Dame; e uno dei primi e principali contendenti per la nomination democratica, Pete Buttigieg, era sindaco di South Bend.

(Assistenza alla ricerca: Pooja Arora e Ishita Mattoo)