Il coronavirus ora è COVID-19: ecco come l'OMS nomina le nuove malattie - Gennaio 2022

I nomi assegnati dall'OMS possono o meno essere approvati dalla Classificazione internazionale delle malattie (ICD) in una fase successiva.

coronavirus, bilancio delle vittime del coronavirus, coronavirus in India, COVID-19, sintomi del coronavirus, cause del coronavirus, Express Explained, Indian ExpressIl bilancio delle vittime del virus ha superato quota 1.000 e ha infettato decine di migliaia di persone, la maggior parte delle quali in Cina. (Foto PTI)

Martedì l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)ha dato un nome ufficialealla malattia causata dal romanzocoronavirus. La malattia si chiamerà COVID-19; il CO sta per coronavirus, VI per virus e D per malattia. Il coronavirus stesso si chiama nCoV-2019.

Il bilancio delle vittime del virus ha ora superato quota 1.000 e la malattia ha infettato decine di migliaia di persone, la maggior parte delle quali in Cina.





Spiegato: come l'OMS nomina le malattie

L'OMS, in consultazione con l'Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE) e l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO), ha identificato le migliori pratiche per la denominazione di nuove malattie umane. Queste migliori pratiche si applicano a una nuova malattia:

  • Questa è un'infezione, sindrome o malattia degli esseri umani;
  • Questo non è mai stato riconosciuto prima negli esseri umani;
  • Ciò ha un potenziale impatto sulla salute pubblica; e
  • Dove nessun nome di malattia è ancora stabilito nell'uso comune

I nomi assegnati dall'OMS possono o meno essere approvati dalla Classificazione internazionale delle malattie (ICD) in una fase successiva. L'ICD, che è anche gestito dall'OMS, fornisce un nome standard finale per ogni malattia umana secondo linee guida standard che mirano a ridurre l'impatto negativo dei nomi bilanciando scienza, comunicazione e politica.




dove cameron chirurgia plastica

Punjab: annullate le ferie del personale impegnato nello screening per il coronavirusI cittadini indiani che sono stati trasportati in aereo dalla città di Wuhan, colpita dal coronavirus, nell'Hubei cinese, sono sottoposti a screening all'interno di una struttura di quarantena istituita dall'ITBP, nella zona di Chhawla di Nuova Delhi, mercoledì 5 febbraio 2020. (foto PTI)

Termini da evitare

Martedì, in una dichiarazione, il direttore generale dell'OMS ha dichiarato: In base alle linee guida concordate... dovevamo trovare un nome che non si riferisse a una posizione geografica, un animale, un individuo o un gruppo di persone e che fosse anche pronunciabile e correlato a la malattia. Avere un nome è importante per impedire l'uso di altri nomi che possono essere imprecisi o stigmatizzanti.

Le migliori pratiche concordate includono consigli su ciò che i nomi delle malattie non dovrebbero includere, come la posizione geografica (sindrome respiratoria mediorientale, influenza spagnola, encefalite giapponese). I nomi delle malattie non devono includere nomi di persone (malattia di Creutzfeldt-Jakob, malattia di Chagas), la specie o la classe di animali o alimenti (influenza suina, vaiolo delle scimmie ecc.), riferimenti culturali o professionali (minatori, macellai, cuochi, infermieri ecc.) e termini che incitano alla paura indebita come morte, fatale ed epidemia.

In una nota dei media pubblicata nel maggio 2015, l'OMS aveva affermato che l'uso di nomi come influenza suina e sindrome respiratoria mediorientale ha avuto impatti negativi non intenzionali stigmatizzando alcune comunità e settori economici.



Express Explained è ora su Telegram. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime

Termini da includere

Le migliori pratiche includono l'uso di termini descrittivi generici come malattie respiratorie, epatite, sindrome neurologica, diarrea acquosa. Includono l'uso di termini descrittivi specifici che possono indicare il gruppo di età dei pazienti e il decorso temporale della malattia, come progressivo, giovanile o grave.


patrimonio netto di wipro

Se l'agente patogeno responsabile è noto, dovrebbe essere utilizzato come parte del nome della malattia con ulteriori descrittori come l'anno in cui la malattia è stata segnalata o rilevata per la prima volta. Ad esempio, la nuova sindrome respiratoria da coronavirus. Anche i nomi devono essere brevi (rabbia, malaria, polio) e devono essere coerenti con le linee guida della Guida di riferimento al modello di contenuto della classificazione internazionale delle malattie (ICD).



Non perdere da Explained:Perché la Cina è emersa come epicentro di epidemie globali di malattie

Secondo l'OMS, grave dovrebbe essere usato solo per quelle malattie che hanno un tasso di mortalità iniziale molto alto. Il romanzo può essere usato per indicare un nuovo agente patogeno di un tipo precedentemente noto. Nel caso del nuovo coronavirus, riconoscendo che questo termine diventerà obsoleto se verranno identificati altri nuovi patogeni di quel tipo, l'OMS ha ora cambiato nome.